Rendez-vous nel Limosino

  • © ATOUT FRANCE/Jean Malburet

  • © ATOUT FRANCE/Fabrice Milochau

Rendez-vous nel Limosino Limoges fr

Fra silenzi e sapori, fiumi e laghi, il Limosino vi farà scoprire una varietà infinita di colori, di paesaggi, di culture, di città e villaggi animati e accoglienti. A ogni momento, una sorpresa : e non vedrete l’ora  di tornare. 

Nel cuore del Massiccio Centrale 

Arrivando nel Limosino, scoprirete un paesaggio scandito da monti, valli e grandi laghi, nel cuore del Massiccio Centrale. Approfittate della natura : valle della Dordogne, Parco Naturale Regionale di Millevaches, Parco Naturale Regionale Périgord-Limousin. Arte e natura dialogano nel Limosino : nella valle della Creuse, Crozant ha attratto i pittori impressionisti. Nel lago di Vassivière, uno spazio di verde nel Sud-Ovest, dedicate un po’ di tenpo alla scoperta del Centro internazionale d'arte e del paesaggio dell’ isola di Vassivière e dedicatevi a tante attività. La Corrèze si segnala per la sua gastronomia, la Creuse affascina per la sua natura selvaggia e la Haute-Vienne stupisce per il suo artigianato di prestigio : le porcellane e gli smalti di Limoges, i guanti di Saint Junien.

Un patrimonio sorprendente 

Nel Limosino, l’arte religiosa, lungo la strada di Santiago di Compostella (Via Lemovicensis, itinerario culturale europeo), vi sorprenderà. Da Crozant alla Souterraine, e poi Bénévent-l’Abbaye passando per la Cattedrale di Limoges, Solignac… Ammirate inoltre la Chiesa di Saint-Pierre a Collonges-la-Rouge, uno dei più bei villaggi di Francia. Uzerche, Beaulieu, Solignac vi affascineranno con lo splendore delle loro chiese romaniche. Anche i castelli fanno parte del patrimonio del Limosino, dal Castello di Val sulle rive di un lago al Castello di Boussac dove è vissuta George Sand o ancora il Castello di Pompadour che ospita l’evento equestre della Gran Settimana di Pompadour.

Specialità del Limosino

Lo scrittore Antoine Blondin amava dire : "Nel Limosino, non c’è il caviale, ma ci sono le castagne". La castagna, la cui foglia è il simbolo del Limosino, si ritrova nel sanguinaccio alle castagne, nell’insalata limosina, in pasticceria. Accanto alle noci, la mela DOP, i frutti rossi (fragole, lamponi o mirtilli), i funghi e le migliori carni prodotte sul posto: agnello, cochon cul noir, il tipico maiale della regione, pollame, che sono sempre presenti durante le feste tradizionali di paese, o « frairies » : Festa della castagna a Dournazac (nel Parco Naturale Regionale Périgord-Limousin), « Frairie des petits ventres » a Limoges, fiere grasse e Festival dell’allevamento a Brive-la-Gaillarde.
La mucca di razza « limousine » produce una carne saporita e molto apprezzata, star delle Giornate della carne bovina limousine. I golosi non si perdano i clafoutis e il dolce alle nocciole, accompagnate del sidro del Limosino. Il liquore di castagne o gli aperitivi a base di castagne, noci o frutti rossi rivelano in bocca forza e vigore!

Scoperte nel Limosino 

Limoges, città d’arte e storia, infiamma i vostri sensi al Museo Nazionale Adrien Dubouché (oltre 10.000 pezzi di maiolica e porcellana da tutti i paesi) e al Museo delle Belle Arti la cui fama mondiale risiede nella collezione di smalti dal XII secolo ai nostri giorni. Ad Aubusson, il Centro Jean Lurçat declina il suo successo attorno all’arte degli arazzi (patrimonio  mondiale immateriale dell’UNESCO). La seconda città del Limosino, Brive-la-Gaillarde, riserva altre sorprese. Il Museo Labenche ricostruisce la storia della Corrèze. Due manifestazioni di grande rilievo animano Brive: la Fiera del libro, la seconda per importanza dopo la Fiera del libro di Parigi, e il Festival di musica classica della Vézère. Bellac incanta con il suo Festival Nazionale di Bellac, perfetta sintesi fra teatro e jazz.
Per i più piccoli, il Labirinto Gigante nel cuore dei Monts de Guéret propone numerose attività e il Parco faunistico permette di osservare i lupi in libertà

Nel Limosino, tutte le porte sono aperte per voi.

 

Related videos

 
 

Sponsored videos