Rendez-vous al Parco Naturale Regionale Loira-Anjou-Touraine

  • La Loira dal Pont de Montsoreau

    La Loira dal Pont de Montsoreau

    © PNR Loire Anjou Touraine

  • Albanella minore

    Albanella minore

    © PNR Loire Anjou Touraine/ Olivier Simon

  • Orchidea

    Orchidea

    © PNR Loire Anjou Touraine

  • Fritillairia

    Fritillairia

    © PNR Loire Anjou Touraine

  • Tufo

    Tufo

    © PNR Loire Anjou Touraine

  • In canoa sulla Loira

    In canoa sulla Loira

    © PNR Loire Anjou Touraine/ Emilie Plaetevoet

  • L'ecomuseo sotto la neve

    L'ecomuseo sotto la neve

    © Ecomusée du Véron

Rendez-vous al Parco Naturale Regionale Loira-Anjou-Touraine 15 avenue de la Loire 49730 MONTSOREAU fr

I Puys du Chinonais

Nel Parco naturale regionale Loira-Anjou-Touraine, è tra i fiumi Loira e Vienne che i Puys du Chinonais sovrastano la pianura da una trentina di metri.

Queste collinette di tuffo, con i fianchi coperti da campi d’erba, sono esposte a condizioni ottimali di calore e ospitano una fauna e una flora dagli accenti mediterranei.

Si possono osservare i rarissimi ranuncoli con foglie di graminacea, orchidee selvatiche, come l’Ophrys apifera, e farfalle poco comuni come la farfalla Azuré du Serpolet. Uccelli come l’upupa, con striature bianche e nere sul piumaggio, o il luì bianco, il cui canto assomiglia a “pu ieh”, frequentano questi habitat caldi e secchi.

L’ecomuseo del Véron

La visita dell’ecomuseo del Véron permette di avvicinarsi ai diversi aspetti di questa zona terrestre e acquatica.

Sempre tra Loira e Vienne, il bocage du Véron, che risale al Medioevo, si compone di praterie regolarmente irrigate e che abbondano di vita.

In primavera, le praterie prendono colore, con il malva della Fritillaria che spezza il verde dei prati. Dai suoi 30 cm di altezza, questo raro ed emblematico fiore, è uno dei primi a sbocciare. Le praterie sono circondati da doppie siepi.

I più datati presentano delle cavità, nascondigli per civette o rifugi per insetti come la Rosalia alpina.

La Loira, un corridoio migratorio per numerosi animali

Al primo posto, i pesci: il salmone, la Alosa alosa, la lampreda di mare risalgono il fiume per il periodo della fregola e riprodursi.

Anche diversi uccelli seguono il corso del fiume per migrare, ma anche per trovarvi rifugio: là dove resistono gli alberi, l’airone cenerino e la garzetta stabiliscono i loro nidi. I piccoli trampolieri dalle lunghe zampe, oche e falchi pescatori fanno delle lunghe soste in questa zona, permettendo di osservarli facilmente.

Terra per osservare la natura

Nella riserva naturale della Pointe de Courpain, confluenza del Loiret e della Loira, nei pressi di Orléans, potrai osservare numerosi fiori, libellule e coleotteri. Per quanto riguarda le piante, alcune provengono direttamente dal Massiccio Centrale, come la Scrophularia canina, dai fiori color porpora macchiati di bianco.
Altri hanno attraversato l’Atlantico, come l’Acero americano. 

Sono tanti i luoghi da dove è possibile osservare la vita della zona della Loira. Un modo insolito e discreto è la scoperta sull’acqua.

I più avventurosi possono scegliere la canoa-kayak usando le carte di navigazione create dal Parco naturale regionale e dalla Lega sportiva.

Un viaggio nel tempo e nello spazio

Per poterlo fare, scegli imbarcazioni tradizionali della Marine de Loire a partire da Candes, Chaumont o verso Sancerre.
Luoghi come il Centre permanent d’initiatives pour l’environnement Touraine-Val de Loire organizzano delle escursioni nella natura.

Se preferisci la terra ferma, il Parco naturale regionale propone anche escursioni ludiche e didattiche.

Cosa vedere

Nei dintorni