Fonds Régional d’Art Contemporain Provence-Alpes-Côte d’Azur (FRAC) di Marsiglia

  • FRAC

    FRAC

    © MP2013

Fonds Régional d’Art Contemporain Provence-Alpes-Côte d’Azur (FRAC) di Marsiglia Marsiglia fr

Apertura al pubblico: 23 marzo 

Solo il FRAC «nuova generazione» è stato collocato in pieno centro urbano. 5400 m² (di cui 1000 m² sono utilizzati per le esposizioni). Presentazione del suo fondo, che è già ricco e rappresentativo di tutte le tendenze dell’arte contemporanea. Organizzazione di esposizioni, di residenze di artisti, di scrittori, di filosofi ecc. Una sala per gli spettacoli con 250 posti. Il nuovo edificio del “Fond Régional d’Art Contemporain” (FRAC) è stato realizzato da Kengo Kume. Creato nel 1983 dallo Stato francese e dalla Regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra seguendo l’esempio di altri fondi regionali di arte contemporanea nel contesto della decentralizzazione, il FRAC Provenza-Alpi-Costa Azzurra ha per missione quella di costituire una collezione pubblica, di assicurarne la diffusione attraverso i media e di sostenere la creazione artistica. Alla fine del 2012 ha lasciato il centro storico per installarsi nel quartiere della Joliette, nel perimetro dell’”Euroméditerranée”. Questo progetto di costruzione si iscrive nel contesto della politica di sviluppo dei FRAC di “nuova generazione”, per dotarli di uno strumento adatto e competitivo, all’altezza delle loro missioni e di una migliore leggibilità in scala regionale, nazionale e internazionale. Vengono anche raggruppati in un unico luogo, intorno a un programma architettonico organizzato su piattaforme, l’insieme delle attività del FRAC e la totalità della sua collezione, ossia più di 900 opere.

Informazioni pratiche

Indirizzo

20 boulevard de Dunkerque

13002 Marsiglia

Tel. +33 4 91 91 27 55 

Orari

Aperto da mercoledì a sabato dalle 10 alle 18, e la domenica dalle 14 alle 18. Apertura serale ogni 3° giovedì del mese.

Come raggiungerlo

Tram e metro: fermata Joliette

Programmazione

"La fabbrica dei possibili" dal 23 marzo al 26 maggio.

 

Nei dintorni