I Cimiteri militari

  • Cimitero di Coleville-sur-Mer

    Cimitero di Coleville-sur-Mer

    © Atout France/CDT Calvados

I Cimiteri militari Normandie fr

I cimiteri creati alla fine della Seconda Guerra Mondiale, sono dedicati ai soldati caduti durante il conflitto, secondo i diritti umanitari della Convenzione di Ginevra. Sono stati stilati accordi bilaterali tra le nazioni coinvolte. Dalla Normandia alla Bretagna e la Lorena, dalla Piccardia al Poitou-Charente, dalla Provenza al Rodano-Alpi, quasi 2000 cimiteri militari comunali e 265 necropoli nazionali sono distribuito sul territorio nazionale.  
Al termine della guerra del 14/18, i diversi paesi alleati procedettero al raggruppamento delle sepolture disperse, alla ricerca dei corpi sui campi di battaglia, alla creazione dei cimiteri militari e per alcuni, la restituzione del corpo alle famiglie. 

I cimiteri militari in Normandia

Il Bilancio della Battaglia di Normandia, dal 6 giugno fino alla fine di agosto 1944, è terribile : 130.000 morti tra i soldati coinvolti, tra cui 110.000 riposano oggi nei 30 cimiteri distribuiti in tutta la regione, tra cui 22 nel solo dipartimento nel Calvados. 

Il più emblematico è il cimitero militare di Colleville-sur-Mer, che ospita le tombe di 9387 soldati caduti durante lo sbarco e i combattimenti che seguirono. Situato sulle alture della spiaggia di Omaha Beach, riceve ogni anno un milione di visitatori. Il “Visitor Center” all’entrata del cimitero permette di conoscere meglio gli avvenimenti di quel tempo. 

Il Normandy American Cemetery è gestito dall’American Battle Monuments Commission (ABMC), agenzia indipendente creata dal Congresso degli Stati-Uniti nel 1923.  L’ABMC ha come obbiettivo quello di conservare la memoria dei sacrifici e degli sforzi delle Forze Militari Americane laddove servirono, costruendo e curando all’estero i cimiteri militari dei memoriali americani. 

Tra i cimiteri del Commonwealth, gestiti dall’associazione Commonwealth War Graves Commission, si notano i cimiteri canadesi di Bretteville-sur-Laize, Cintheaux e Bény-Reviers.

Si contano in Normandia 16 cimiteri britannici, tra cui quello di Bayeux , che comprende 3935 tombe britanniche, e rende omaggio, con il suo memoriale, alla memoria di 1809 soldati del Commonwealth uccisi durante la Battaglia di Normandia e che non hanno ricevuto sepoltura. 

La necropoli de La Cambe riunisce i corpi di 21.222 soldati tedeschi. Un’esposizione permanente accoglie i visitatori all’entrata del cimitero. 

Nell’unico cimitero polacco della Francia, situato a Uville-Langannerie, riposano 696 polacchi uccisi in combattimento, tra cui la maggior parte appartengono alla prima divisione blindata polacca del generale Maczek,  divisione posta sotto il comando canadese.

Altre necropoli e cimiteri legati alla Seconda Guerra Mondiale in Francia 


- Il cimitero tedesco di la Malmaison, riunisce i corpi di 11841 soldati del Reich caduti durante la Seconda Guerra Mondiale, in particolare nel 1944 durante l’offensiva alleata della Liberazione, specialmente durante lo sfondamento di Avranches.-Il cimitero britannico di Douvres-la-Délivrande (museo del Radar), riunisce 2000 tombe britanniche e una polacca, comprende anche un campo tedesco.

- La necropoli e il memoriale di Chasseneuil-sur-Bonnieure (Charente) sono stati costruiti alla fine della Seconda Guerra Mondiale in memoria dei combattenti della Charente  e della Charente Maritime caduti e ai 1465 martiri della Resistenza.

- La necropoli di Retaud (Charente) ha raccolto 330 corpi francesi. 129 tombe sono sormontate da steli mussulmane, combattenti uccisi nelle operazioni che si svolsero a ovest sul fronte di Royan e della Pointe de Grave.

-Il cimitero americano di Bretagna a  Saint-James (Manche) ospita le spoglie di 4410 soldati. Su una superficie di 12 ettari, è stato costruito sul luogo di un cimitero provvisorio stabilito poco dopo la liberazione della regione, dall’Ottava Divisione della Fanteria U.S., il 2 agosto 1944. 

-Il cimitero di  la Targette (Nord) comprende, 593 francesi, 4 polacchi, 170 belgi tra cui 169 in ossario. Creato ne 1919, vi furono riuniti nel 1956 i corpi di militari e di partigiani della Seconda Guerra Mondiale nel Pas de Calais.

-La necropole di la Doua (Villeurbanne, Rhône),  onora la memoria dei combattenti francesi , che venivano da ex territori coloniali e protettorati e alleati caduto durante le guerre del 14-18 e del 39-45. La Doua è stato anche un luogo della Resistenza francese. durante la Seconda Guerra mondiale, molti detenuti di Montluc arrestati per fatti di Resistenza vi furono giustiziati. Una placca affissa sul “Muro dei fucilati” commemora il ricordo del sacrificio di 78 patrioti fucilati dai tedeschi sotto l’occupazione. 

- Il « Tata senegalese di Chasselay » : in Africa occidentale, «Tata» significa « recinto di terra sacra » dove sono sepolti i guerrieri morti in combattimento. Il 19 e il 20 giugno 1940 ignorando che Lione fosse stata dichiarata “città aperta”, il  25mo reggimento di fucilieri senegalese affronta l’armata tedesca a Chasselay e nei suoi dintorni. Il combattimento terminò con il massacro dei prigionieri di origine africana da parte della divisione SS Totenkopf (Testa di morte). Nel cimitero, riposano i corpi di 196 fucilieri di diverse nazionalità dell’Africa occidentale, originari del Senegal ma anche di Haut-Volta, del Dahomey, del Sudan, del Ciad...

-Il cimitero americano di Suresnes (Hauts-de-Seine) : inizialmente dedicato ai soldati uccisi durante la Grande guerra, il cimitero comprende un campo di 24 tombe di soldati, della marina o aviatori ignoti della Seconda guerra Mondiale.