Rendez-vous a Metz

  • © ATOUT FRANCE/Michel Laurent/CRT Lorraine

  • © ATOUT FRANCE/Michel Laurent/CRT Lorraine

Rendez-vous a Metz Metz fr

Metz, città di luci, di patrimonio, di giardini

Città splendidamente illuminata, città d'arte e cultura, città giardino: il glamour di Metz è garanzia d'assoluta meraviglia ed evasione per il visitatore. Metz, capoluogo della Lorena, custodisce numerosi tesori: una delle più alte cattedrali gotiche del mondo, un patrimonio che concilia abilmente storia e arte contemporanea (con il nuovo Centro Pompidou Metz aperto dal maggio 2010).  Se a ciò aggiungete l'atmosfera conviviale che caratterizza questa città, otterrete un quadro davvero affascinante.

Da non perdere a Metz 

  • La cattedrale Saint-Etienne
    Edificata tra il 1220 e il 1522, la cattedrale è il frutto dell'unione di due chiese distinte. Con la sua volta alta 42 metri, Saint-Etienne è uno degli edifici gotici più grandi d'Europa. I suoi 6.500 mq di vetrate, realizzate tra il XIII e il XX secolo da Hermann de Munster, Thiébault de Lixheim, Valentin Bousch, Jacques Villon e Marc Chagall le sono valsi il soprannome di "lanterna del Buon Dio". 
  • Il Museo della Cour d'Or 
    Il Museo della Cour d'Or prende il nome dal palazzo dei re dell'Austrasia che un tempo venivano cresciuti a Metz. La collezione archeologica gallo-romana è una delle più importanti di Francia: terme antiche conservate in situ, colonna di Merten, altare di Mitra... un dedalo di sale e passaggi conduce dal granaio di Chèvremont (XV secolo) ai soffitti del Voué (XIII secolo) al pluteo di Saint-Pierre-aux-Nonnains, noto come uno degli insiemi scultorei più belli di epoca merovingia (VII secolo).  
  • Il Centro Pompidou-Metz
    Primo distaccamento di un museo in Francia, il Centro Pompidou-Metz è un capolavoro dell'architettuta contemporanea. Progettato dal duo franco-nipponico Jean de Gastines - Shigeru Ban, il Centro dipone di tre gallerie espositive, coperte da un audace tetto che ricorda un cappello cinese. La guglia, alta 77 metri, strizza l'occhio all'anno 1977, data dell'apertura del Centro Pompidou di Parigi. 
  • La Porte des Allemands e la cinta muraria 
    La Porte des Allemands (lett."la porta dei tedeschi), vera e propria roccaforte in miniatura che attraversa il fiume Seille, costituisce il fiore all'occhiello delle vestigia della cinta muraria medievale. Le mura formavano una cerchia di 7 km, costellata di 18 porte e 38 torri. 
  • L'Arsenal
    L'Arsenal, rinnovato da Ricardo Bofill, ospita una delle più belle sale da concerto d'Europa, dall'acustica eccezionale e dagli arredi sontuosi, con intarsi di faggio e sicomoro. L'Arsenal accoglie oggi l'Orchestra Nazionale della Lorena e ospita delle mostre prestigiose.  
  • Il quartiere imperiale
    Costruito a partire dal 1902, il quartiere imperiale rappresenta un notevole esempio d'urbanistica germanica dell'inizio del XX secolo. Attorno all'imponente stazione centrale si sviluppa una vera e propria enciclopedia di stili storici o nuovi: la posta, la piazza Mondon, le lussuose ville dell'avenue Foch che reinterpretano l'arte romanica, gotica, rinascimentale o barocca e strizzano l'occhio all'audacia dell'Art Déco o dello Jugendstil. Un quartiere eccezionale nel concept e nella qualità della realizzazione, che è candidato all'iscrizione al Patrimonio Universale dell'Unesco. 
  • Le piazze
    Nel cuore di Metz, le belle piazze restaurate come la place de Chambre (soprannominata la piazza gourmande di Metz), la place d'Armes (XVIII secolo), la piazza medievale Sain-Louis e, presto, anche la place de la République, sono luoghi di ampio respiro e convivialità. Queste piazze accolgono, per tutto l'anno, numerose manifestazioni che le trasformano in luoghi d'interazione e di incontri. 
  • 34 km di passeggiate sul lungofiume della Mosella e della Seille
    Metz, con i suoi 37 mq di spazi verdi per abitante va fiera dei suoi giardini. Il porto diportistico, in pieno centro città, porta la Bandiera Blu dal 2007. Adiacente il Plan d'Eau, costituisce il punto di partenza per numerose escursioni, molto apprezzate tanto dagli abitanti che dai turisti. 
  • Metz Grand Prix National Lumière des Arts de Rue 
    Al calar della notte, sotto le luci di più di 13.000 proiettori, Metz si trasforma in una diva di luce. La Cattedrale diventa "lanterna del Buon Dio", il Tempio nuovo sembra emrgere luminoso dalle acque, la città medievale, le piazze in pietra d'oro di Jaumont, il quartiere imperiale meravigliano in tutto il loro luminoso splendore. 
  • Le specialità gastronomiche: mirabella, salumi, vino di Mosella...
    Da degustare presso i partner di « Tables de Rabelais », marchio gastronomico dell'art de vivre di Metz.  

Visitare Metz

Venite a scoprire Metz con il Metz City Pass. Ogni pass include un ingresso al Museo della Cour d'Or, un ingresso al Centre Pompidou-Metz, 1 visita audio-guidata della città e una giornata di viaggi illimitata sulla rete dei trasporti TCRM. In aggiunta, riduzioni presso numerose strutture partner: ristoranti, spettacoli, degustazioni, ecc. Per maggiori informazioni, cliccate qui

Come arrivare a Metz 

In treno

La stazione SNCF/TGV di Metz collega il capoluogo della Lorena alle principali città francesi (Parigi a 82 minuti). Per maggiori informazioni su collegamenti e orari, consultate il sito internet delle ferrovie francesi

In aereo

Non ci sono collegamenti aerei diretti dall'Italia con Metz. Con Air France viene generalmente proposto lo scalo a Parigi, ma si può anche decidere di volare fino alla capitale francese e proseguire poi per Metz in TGV. Per maggiori informazioni: www.airfrance.it

In auto

Per decidere l’itinerario dalla vostra città di partenza a Metz (dal percorso più rapido all'itinerario turistico a tappe): www.viamichelin.it 
Per sapere tutto sui prezzi dei pedaggi, le aree di servizio e di riposo, le stazioni di servizio presenti sul vostro percorso e i dettagli del vostro itinerario, consultate il sito www.autoroutes.fr
Per conoscere lo stato del traffico: http://www.bison-fute.equipement.gouv.fr 
In macchina, potete ascoltare la radio Autoroute FM sulla frequenza 107.7. 

Ufficio del Turismo di Metz

2, place d’Armes
BP 80367
57007 Metz Cedex 1
Tel 0033 (0)3 87 55 53 76
Fax 0033 (0)3 87 36 59 43
E-mail: tourisme@ot.mairie-metz.fr

Maggiori informazioni

Related videos

 
 

Sponsored videos