Rendez-vous nel Vaucluse

  • © Campomar Ville d'Avignon

  • © Philippe Guigon ADT84

  • © VBiset ADT84

  • © PBar ADT84

  • © Grommelle Grand Angles

  • © Campomar Ville d'Avignon

Rendez-vous nel Vaucluse Vaucluse fr

Siamo nel cuore della Provenza, vicino al massiccio del Luberon e ai paesini di montagna, ai campi di lavanda e al Mont Ventoux, dove la capitale è Avignone (classificata nel patrimonio mondiale dell’UNESCO) e dove ci sono festival, mercati colorati, olio d’oliva e buon vino.

Un clima soleggiato, un territorio carico di storia, degli spazi naturali dove si pratica molto il ciclismo, il senso di festa e di tradizione fanno del Vaucluse il regno interno della Provenza: Colorado provenzale, Teatro Antico d’Orange e Vaison-la-Romaine, il festival di Avignone, i vigneti Chateauneuf del Papa, i tartufi, i monumenti di spicco, gli eventi culturali e una gastronomia che si ispira ai prodotti del territorio hanno dato notorietà a questa terra.

Una Provenza ricca di contrasti

Il Vaucluse è il cuore della Provenza, quella del sole, del cielo blu, dell’ocra, della lavanda, dell’acqua e della freschezza che nel comune di Sorgues abbondano anche in estate. Il Luberon, il Mont Ventoux e le Dentelles de Montmirail sovrastano sulle pianure dove si estendono frutteti e vigneti. Attorno alla città di Avignone sorgono dei vasti borghi come Vaison-la-Romaine, Orange, Apt, l’Isle sur la Sorgue e molti altri piccoli paesi.

Un museo a cielo aperto

Il Vaucluse è stato teatro di una storia singolare e movimentata che oggi gli dà un’identità forte e originale. I Romani, che avevano conquistato il territorio, vi hanno costruito teatri, che oggi sono tra i meglio conservati d’Europa. I Papi vi hanno abitato nel Medioevo e vi hanno costruito palazzi, accolto le comunità ebraiche e piantato vigne. Dei nobili vi hanno costruito dei castelli e li hanno abbelliti con balconi e giardini. Per questi motivi Avignone e Orange sono state fatte rientrare nel Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

Vacanze in famiglia

Il Vaucluse non si affaccia sul mare, nondimeno si trova solo a un’ora dal Mediterraneo, e offre diverse attività da praticare in famiglia: passeggiate in bicicletta su 33 itinerari predefiniti e vie verdi, canoa kayak sulla Sorgues, arrampicate sul Luberon e sulle Dentelles de Montmirail, passeggiate, speleologia, arrampicate sugli alberi, atelier dove poter osservare gli insetti o le stelle, imparare a lavorare la ceramica o l’arte del circo, cacce al tesoro nei castelli, i musei o i teatri.

Visitare Avignone col Pass Avignon PASS’ION

Rilasciato gratuitamente dell’Ufficio del Turismo, il Pass Avignon PASS’ION propone degli sconti sulle visite ai musei e ai monumenti: si paga l’entrata del primo sito e si può beneficiare di sconti sugli altri (dal 20 al 50%). Questo Pass è valido per 15 giorni, per tutti i membri della famiglia (massimo 5 persone) nei luoghi che hanno aderito all'iniziativa.

Vaucluse, terra di festival

Il Festival di Avignone è il più famoso del dipartimento, poiché ha fatto della città dei Papi il crogiolo della creazione teatrale contemporanea, e diffuso il gusto per le arti attraverso tutte le città del dipartimento. Le “Chorégies”, grande festival di arte lirica, ha luogo ogni anno al Teatro di Orange, Pierre Cardin produce ogni anno il festival di Lacoste nei suoi possedimenti in zona, a Vaison-la-Romaine si balla, le città e i paesi celebrano ognuno una festa tradizionale o un prodotto del territorio. Ogni arte trova quindi un’occasione per essere celebrata, e non solo d’estate!

Un territorio dagli accenti del sud

Il Vaucluse cela dei tesori che affascinano i gastronomi. La varietà di prodotti è ricca e cangiante e la natura si mostra generosa: fragole di Carentras, meloni di Cavaillon, tartufi di Enclave, asparagi di Lauris, ciliegie di Venasque, agnelli di Sault, aglio di Piolenc, olive, moscato di Ventoux. Per non parlare di erbe come il timo, il rosmarino, la santoreggia, il basilico, la salvia, tutte piante aromatiche che vengono molto usate nella cucina provenzale.Qui non sono necessari contorni sofisticati: le verdure primaticce si possono gustare crude col pinzimonio all’acciuga (è la classica anchoyade). Altra ricetta tipica della regione è l’aioli, salsa composta da aglio.olio d’oliva e sale.

Dal bistrot paesano al ristorante tradizionale, dall’agriturismo alla tavola imbandita, gli chef danno spazio alla loro immaginazione, ma soprattutto amano lavorare coi prodotti del territorio. Ci sono poi i mercati, tradizionali e innovativi allo stesso tempo, tematizzati, calorosi, colorati e profumati, che diventano dei punti di ritrovo conviviali in ogni paesino.

Conosciuti a livello internazionale, i vigneti del Vaucluse sono la punta di diamante dei prodotti del territorio: Côtes du Rhône, AOC Ventoux, e AOC Luberon offrono una profusione di profumi e aromi. Lo Chateauneuf del Papa è un vino di fama mondiale, e la maggior parte dei paesini vive grazie alle vigne.

Contatto

Vaucluse en Provence

12 rue Collège de la Croix

84008 Avignon Cedex 1

Tel.: 00 (33)4 90 80 47 00

Related videos

 
 

Sponsored videos

 
 
 
 

Cosa vedere

Nei dintorni