Rendez-vous nell'Aude

  • © CDT AUDE

  • © CDT AUDE

  • © CDT AUDE

Rendez-vous nell'Aude Carcassonne fr

Aude, terra piena di contrasti

L’Aude vi dà il benvenuto tra la varietà dei paesaggi, del territorio e dei paesini caratteristici. Si tratta di un territorio pieno di contrasti, un vero mosaico in mezzo al quale Carcassonne regna con fierezza.

Una natura rimasta intatta

Il dipartimento ha perlopiù un clima di tipo mediterraneo, ma i paesaggi sono molto diversi tra loro. Dal mar Mediterraneo ai Pirenei, dagli spazi lagunari al Massiccio Centrale, dalle Corbières al Lauragais, su tutto il suo territorio l’Aude presenta diversi tipi di paesaggi e siti naturali. Spiagge con sabbia fine, lagune, specchi d’acqua, foreste, cime, pianure, gole e doline sono degli scenari naturali dove poter praticare attività all’aria aperta per tutto l’anno e scoprire un territorio la cui natura è ancora ben protetta. Ogni regione naturale dell’Aude è caratterizzata da un paesaggio particolare. A est la laguna e gli stagni del litorale formano una barriera tra la terra e le spiagge del mar Mediterraneo bagnate dal sole.

A est ci sono la macchia mediterranea e la gariga, caratteristiche dei paesaggi delle Corbières, mentre sui versanti della zona di Minerve ci sono delle vigne.

A nord e ad ovest la Montagne Noire è costituita da foreste di querce e faggi, laghi e cascate.

A Lauragais ci sono delle colline dove si coltivano cereali, e ci sono degli specchi d’acqua come il lago della Ganguise.

La pianura di Carcassonne in cui scorre il fiume Aude e il Canal du Midi.

L’Alta valle dell’Aude è la porta d’ingresso per i Pirenei, e i versanti viticoli, le gole e i passi testimoniano la diversità dei paesaggi. Sault, nei Pirenei, è dominato da faggete e da abetaie, e le sue foreste sono famose per la flora e la fauna.

Storia dell’Aude

La Romanità e il Medioevo sono stati dei periodi storici fondamentali per la storia di questo dipartimento. Siti come castelli ed abbazie testimoniano una ricchezza storica che fa parte di un insieme patrimoniale unico. 

Lasciatevi quindi sedurre dai favolosi castelli dell’Aude, altrimenti detti anche “Roccaforti da capogiro”, e sommergere dalla serenità delle abbazie.

Carcassonne, Quéribus, Peyrepertuse, Lastours, Arques, Puilaurens, Aguilar, Termes, Villerouge-Termenès… Attraverso l’Aude, le impressionanti fortezze medievali diventano dei siti emblematici, che danno la chiave per comprendere la storia medievale della Linguadoca e dell’epopea catara. Nel Medioevo, nel territorio dell’Aude, c’erano innumerevoli monasteri e priorati. Oggi è possibile visitare una decina di abbazie cistercensi e benedettine: da Fontfroide a Saint Papoul, da Lagrasse a Saint Hilaire o Caunes-Minervois, la via delle abbazie propone un autentico viaggio nello spazio e nel tempo.

Aude: Patrimonio Mondiale dell’Umanità

L’Aude ha il privilegio di ospitare 2 siti classificati nel Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO: la Città Medievale di Carcassonne e il Canal du Midi.

Carcassonne possiede la più grande fortezza medievale d’Europa. Da non perdere le 52 torri, i 3 km di mura, il castello (una vera e propria fortezza nella fortezza) e la basilica di St Nazaire, gioiello architettonico che riunisce gli stili romanico e gotico. Da non perdere neanche la Bastia Saint Louis, città bassa di Carcassonne, coi suoi monumenti: la cattedrale di St Michel (gotico meridionale), gli hotel particulier dei secoli 17° e 18° (eredità dell’industria tessile), il Museo delle Belle Arti, i mercati coperti, Place Carnot e il suo mercatino tipico, e ovviamente il porto del Canal du Midi. Opera di 240 km di lunghezza e alimentato da un sistema molto sofisticato, il Canal du Midi è una delle invenzioni più antiche in termini di impianti idraulici e di opere d’arte: circa 350 chiuse, ponti, acquedotti, alcuni dei quali non sono mai stati modificati da quando sono stati costruiti, e una strada di alaggio costeggiata da alberi centenari.

Il Canal du Midi e il Canal de la Robine permettono di scoprire i luoghi più belli e autentici della Francia. La navigazione per i canali è molto agevole, e la si può fare solo per 6 km per non danneggiare le sponde: in questo modo si può sfuggire allo stress del traffico cittadino. Lungo il canale è possibile fare delle soste in punti appositamente costruiti, dove si può ormeggiare e scendere dalla barca per visitare paesini, monumenti, prodotti del territorio, locali per le degustazioni e ristoranti, e se avete voglia di camminare la strada di alaggio vi permetterà di esplorare le sponde del Canal du Midi con la bici, a piedi, facendo footing o giocando a bocce.

Aude: sport e natura per tutti

Sport sull’acqua, passeggiate a piedi, in bicicletta o a cavallo…ce n’è per tutti! Dai Pirenei al Mediterraneo, con le spiagge, le pianure, le foreste, gli stagni, i laghi, i torrenti, le gole e le cime dei monti, l’Aude si presenta come un mosaico incredibile e accogliente. Esso è la destinazione ideale per il cicloturismo: scoprite a vostro piacimento l’infinita varietà di paesaggi, la ricchezza patrimoniale, la convivialità degli abitanti e i percorsi proposti. Per i più intrepidi, l’Aude vi invita a scoprire i suoi paesaggi attraverso i percorsi ciclistici.

Per chi ama le sensazioni forti, provate la canoa, il kayak, il rafting e il nuoto, l’Aude dispone di un lago artificiale che ha origine dai Pirenei e che si estende fino alla pianura dell’Aude e agli stagni del litorale del Mediterraneo. Le gole e i percorsi accidentati permettono di iniziare o anche solo allenarsi alla competizione. Ci si può rivolgere a diversi club che organizzano queste attività.

Per gli appassionati di equitazione, l’Aude offre dei sentieri per scoprire la diversità dei paesaggi. Potrete scoprire i Pirenei dell’Aude, le Corbières o gli stagni di Narbona sul Mediterraneo, cavalcando lungo i sentieri inesplorati come il sentiero dei catari o la Transequestre.

Per gli appassionati degli sport con la vela, l’Aude offre molto in termini di laghi, specchi d’acqua, laghi marini e spiagge mediterranee. Cers, vento marino o tramontana, ogni luogo ha il suo vento. Sul litorale mediterraneo, spazzate dai venti, Gruissan e Leucate sono note come località dove poter praticare windsurf, funboard e kitesurf.

Tutte le strade portano all’Aude! Più di 2000 km di sentieri segnati, circoscritti e conservati per passeggiate pedestri vi aspettano! Dal mitico sentiero dei catari agli snodi dei sentieri, troverete la passeggiata adatta a voi: i sentieri della grande passeggiata (GR 36 e GR 7) si sviluppano da nord a sud attraverso l’Aude, su più giorni di marcia, e c’è bisogno di un equipaggiamento completo. I tour sono itinerari di 100-200 km, che vi permettono di esplorare per bene i paesaggi e il patrimonio locale. Gli snodi dei sentieri sono concepiti per favorire la scoperta del patrimonio culturale e naturale attorno ai paesini, e propongono dei circuiti di un’ora a una giornata di cammino al massimo, e che sono perfetti per delle passeggiate in famiglia.

A cavallo tra il Massiccio Centrale, la Montagne Noire e il Massiccio Pireneo, l’Aude ha una rete sotterranea molto varia per praticare la speleologia. Oltre ai luoghi aperti al pubblico (Gouffre Géant de Cabrespine, Grotta di Limousis e Grotta dell'Aguzou), molte grotte e corsi d’acqua sotterranei vengono regolarmente visitati dagli appassionati.
Da Narbonne Plage a Port Leucate, gli appassionati dei fondali marini possono fare delle immersioni vicino alle stazioni balneari di Leucate e La Franqui.

Aude: una storia golosa

Con degli chef talentuosi e una tradizione gastronomica che offre prodotti di pesce, frutta, carne e insaccati, l’Aude si afferma come la terra di predilezione della cucina della Linguadoca. Esattamente come col patrimonio, l’Aude è riuscita a far conoscere anche la sua gastronomia nel corso degli anni e attraverso le generazioni. Forte della varietà e della qualità delle sue produzioni agricole e dell’arte di vivere legata alla vocazione viticola, grazie a giovani chef il dipartimento ha rivisitato e inventato dei nuovi sapori. Alcune ricette sono molto evocative della zona, e sono allo stesso tempo moderne e tradizionali. La ricchezza gastronomica è data dai piatti di terra e mare, e offre tutte le garanzie di qualità e autenticità: zuppa di pesce e di anguille, cozze e ostriche, selvaggina, sottaceti, salumeria di Sault, cassoulet, e ovviamente i vini Fitou, Corbières, Malepère, Minervois, Cabardès, Clape, Quatourze, Crémant e Blanquette de Limoux (quest’ultimo è il vino frizzante più antico del mondo).In questa zona la cucina si accompagna bene col vino.

Aude: eventi da non perdere 

Per quel che riguarda il divertimento, l’Aude ha molto da offrire quanto a manifestazioni culturali, feste tradizionali ed eventi sportivi. Uno degli eventi più caratteristici è il Carnevale di Limoux, che viene celebrato ogni anno per 3 mesi da gennaio a fine marzo-inizio aprile, e le cui origini risalgono al Medioevo.

Durante l’anno ci sono diversi eventi e celebrazioni a cui vale la pena di assistere:

Cultura:

• Festival “Fugues en Aude Romane”: concerti classici e barocchi nelle abbazie del dipartimento, ogni anno a luglio 

• Festival “Convivencia”, musica del mondo, sul Canal du Midi, da giugno ad agosto  

• Falò e fuochi d’artificio a Carcassonne, il 14 luglio

• Festival di Carcassonne, con musica, teatro, opera, danza, ogni anno dalla fine di giugno a metà agosto 

• I «Sons et Lumières» dei quattro castelli di Lastours

• Il «Festival Charles Trenet», a Narbonne a fine agosto 

• «Voix d'Etoiles», il festival internazionale delle voci del cinema di animazione, in ottobre a Leucate

• Il «Festival International de Folklore» a Quillan, fine luglio

• La «Fête des Pêcheurs» di Gruissan, il 29 giugno

• Le «Médiévales» di Gruissan a metà settembre

• I «Banquets du Libre» a Lagrasse, in maggio e in novembre 

Territorio:

• La «Fête du Cassoulet» di Castelnaudary, a fine agosto

• «Toques et Clochers» a Limoux, ogni anno per la Domenica delle Palme 

• I mercati del tartufo a Carcassonne e a Minerve da novembre a gennaio 

• Le «Foires au gras», in tutto il dipartimento da novembre a gennaio

Natura e sport:

Il «Mondial du Vent» a Leucate ogni anno in aprile, il grande appuntamento del kitesurf e del windsurf

Il «Défi Wind» a Gruissan, ogni anno a maggio

La «Coupe d'Europe Junior» di kitesurf a St Pierre la Mer, in maggio

La «Fête de la Rando» a Quillan in giugno

La «Marche du Sel» a Couiza in luglio 

Il «Critérium International Cycliste» di Quillan, a metà agosto 

La «Cap Nore», grande gara ciclistica alla Montagne Noire in giugno 

La «Ronde VTT des 3 Quilles» a Quillan, all’inizio di ottobre

Come raggiungere l’Aude

Tramite autostrada:

Autostrada dei Deux Mers (A61): Uscite a Castelnaudary (uscita 21), Bram (uscita 22), Carcassonne Ouest (uscita 23), Carcassonne Est (uscita 24) Lézignan-Corbières (uscita 25), Narbonne Sud (uscita 38).

Autostrada  «la Languedocienne» (A9): Uscite a Narbonne Est (uscita 37), Narbonne Sud (uscita 38), Sigean-Port la Nouvelle (uscita 39), Fitou – Leucate (uscita 40).

Tramite treno:

Carcassonne

Narbonne

Lézignan-Corbières

TGV Méditerranée: Verso Parigi e Lille Europe – Venendo da Parigi e Lille Europe

Grandi Linee: Bordeaux - Toulouse - Marseille – Nice

Tramite aereo:

Aeroporto Internazionale di Carcassonne

Aeroporto di Tolosa Blagnac (a 90 km da Carcassonne)

Contatto

Comité Départemental du Tourisme de l'Aude

Allée Raymond Courrière

11855 CARCASSONNE CEDEX 9

Tel. +33 (0) 4 68 11 66 00

fax. +33 (0) 4 68 11 66 01