Rendez-vous nell’Herault (Linguadoca-Rossiglione)

  • © Jacques Debru

  • © Jacques Debru

  • © Jacques Debru

  • © Hérault Tourisme

  • © Mareau

  • © Jacques Debru

  • © JM Lallemand

  • © Jacques Debru

  • © OT Pic Saint Loup

Rendez-vous nell’Herault (Linguadoca-Rossiglione) 34000 Montpellier fr

Tra i contrafforti del massiccio dei Cévennes e il Mediterraneo, l’aspetto dell’Hérault, in Linguadoca-Rossiglione, è unico e variegato al tempo stesso.

L’Hérault, una diversità di paesaggi

L’Hérault, una luminosa mezza luna sulle rive del Mediterraneo, tra Cévennes, Camargue e il Canal du Midi.

Un anfiteatro aperto sul mare: il litorale, poi le città e le vigne lungo l’antica via domitia (Via Domiziana), seguono  alti cantoni, garrighe e pendii baciati dal sole, e per finire la montagna da dove si vede e si contempla tutto.

Il Tarn e l’Aveyron a nord, il Gard ad est, l’Aude a ovest, nel cuore della Linguadoca, l’Hérault coltiva da oltre 2000 anni un modo di vivere unico ed affascinante.

Un territorio carico di storia

E visto che nessun altro luogo offre una tale diversità di paesaggi, si tratta di un territorio carico di storia, cullato dalla dolcezza della vita meridionale.

Dalle spiagge di Sète, celebrate da Valéry e Brassens, all’Abbazia di Gellone di Saint Guilhem le Désert, tappa faro del cammino di Santiago di Compostela, passando per i vicoli medievali di Pézenas, i tesori dell’Hérault hanno il meraviglioso fascino della Linguadoca.

Le Causse e le Cévenne iscritte nel Patrimonio Mondiale dell’UNESCO

Il paesaggio dei Causse è stato creato dall’agro-pastorizia per 3 millenni.

Nel Medioevo, lo sviluppo delle città nelle pianure mediterranee circostanti e, in particolare, degli istituti religiosi ha suscitato l’evoluzione di una struttura agraria basata sull’agro-pastorizia, le cui fondamenta sono presenti ancora oggi.

Troppo povero per accogliere le città, troppo ricco per essere abbandonato, il paesaggio dei Causse e dei Cévenne è il risultato della modifica dell’ambiente naturale per sistemi agropastorali praticati per un millennio.

La gastronomia in Linguadoca 

Come la maggior parte delle regioni mediterranee, è ben rappresentata una cucina locale a base di pesce e frutti di mare. Sulla costa la zuppa di pesce, la bourride, la bouillabaisse e altre ricette mediterranee.

Più lontano nell’entroterra, la gastronomia conosce un’influenza dall’Aveyron e dal Tarn. Si trovano così numerose ricette a base di roquefort e diversi formaggi di pecora, o ricette come la bougnette, una sorta di fricandeau a base di lardo, pane, uova e spezie che si  bagna nella zuppa di verdure.

L’Hérault, un paese di vigne

Nel cuore della Linguadoca, l’Hérault declina il più vecchio vigneto di Francia, non è una semplice coltivazione, è una civiltà. Vini delle colline o della riva, i suoi cru incantano oggi tutte le tavole del mondo.

Eventi tutto l’anno

A Montpellier, Sète, Lodève, Gignac, Olargues, Saint Pons de Thomières e Béziers, puoi partecipare a numerosi eventi a bordo mare, in città o in campagna: feste tradizionali, concerti, festival teatrali, danza, poesia, letteratura, cinema…

“L’abuso di alcool può nuocere alla salute, consumare con moderazione”.

Cosa vedere