Rendez-vous sui passi dell’ebraismo in Alsazia

  • Sinagoga - Ingwiller

    Sinagoga - Ingwiller

    © ADT67/C.FLEITH

Rendez-vous sui passi dell’ebraismo in Alsazia 67000 Strasbourg fr

Con oltre 200 siti, l’Alsazia possiede un patrimonio ebreo molto importante.

Tuttavia, rimangono poche vestigia della prima comunità ebrea che si era creata intorno all’anno mille. L’ostilità nei loro confronti apparve in occasione della prima crociata nel 1096 e del 4^ Concilio Lateranense nel 1215. Dalle città alsaziane vengono espulsi numerosi ebrei, che si istallano così nelle cittadine.

Da visitare

  • Sinagoghe

L’età d’oro della costruzione delle sinagoghe si colloca nel XIX secolo dopo che gli ebrei ottengono la cittadinanza. Ma il declino delle comunità rurali porta al graduale abbandono di questi luoghi. Tuttavia, esistono delle città alsaziane dov’è ancora possibile vedere sinagoghe: Struth, Pfaffenhoffen, Bouxwiller, Hochfelden, Benfeld.

  • Cimiteri

Numerosi antichi cimiteri ebrei sono usati ancora oggi. Ciò si spiega per il fatto che la religione ebrea proibisce di spostare la sepoltura. Da non perdere: il cimitero ebreo del comune di Struth. È possibile anche ammirare le lapidi del cimitero medievale di Strasburgo al museo dell’Ouvre Notre-Dame.

  • Mikvés (bagni rituali)

Il Mikvé o Miqvé, che significa letteralmente “raccolta di acque”, è un bacino in semplice muratura usato per bagni rituali. Le vestigia di un bagno rituale del XIII secolo sono ancora visibili a Strasburgo. Il mikvé di Bischheim è scavato in profondità e può essere scoperto con un’eccezionale scala a chiocciola, considerata monumento storico.

Oggi città e paese di Strasburgo, Colmar, Haguenau, Struth, Marmoutier, Erstein, Obernai, Bouxwiller e Ingwiller organizzano visite guidate del patrimonio ebreo: sinagoghe, musei, cimiteri, antiche case. Per saperne di più e conoscere le date, basta contattare gli uffici del turismo.

Articoli correlati

Cosa vedere

Nei dintorni