Rendez-vous sulla Route Napoléon

  • © Wikicommons_Michiel Hendryckx

  • © Wikicommons Eusebius_Guillaume Piolle

Rendez-vous sulla Route Napoléon Vallauris Golfe-Juan fr

La storia ha inizio l’1 marzo 1815, quando Napoleone I poggia il piede sulla spiaggia di Golfe-Juan dopo un anno d’esilio. Al suo fianco 1.200 uomini, pronti a raggiungere Parigi per riportare il loro imperatore sul trono.

È da qui che comincia una formidabile epopea, che li vede percorrere 324 km in 6 giorni. All’epoca, Napoleone prende la direzione delle Alpi e segue i sentieri dei mulattieri per evitare le resistenze.
La Route Napoléon, chiamata ufficialmente così nel 1932, segue fedelmente una parte di questo tracciato che attraversa due regioni (Provenza-Alpi-Costa Azzurra e Rodano-Alpi) e quattro dipartimenti (Alpi Marittime, Alpi di Alta Provenza, Hautes-Alpes e Isère).

Da Vallauris Golfe-Juan a Castellane

Punto di partenza mitico della Route è Vallauris Golfe-Juan, dove Napoleone non si è tuttavia attardato a lungo. Gli si rende comunque omaggio ogni anno all’inizio di marzo, in occasione di una ricostruzione dello sbarco.
La strada si allontana pian piano dal mare: da Cannes a Grasse, si attraversano tutta una serie di villaggi tipicamente provenzali.

Da Castellane a Gap

Man mano che il percorso dell’armata avanza, si sale sempre più in altezza. La città di Castellane, alle porte delle Gole del Verdon, è una tappa importante prima di raggiungere il Col de Lèques. Seguendo il corso della Durance, le truppe sono arrivate a Dignes, Sisteron e infine Gap, dove il rilievo è sempre più scosceso.
È la Provenza più selvaggia che si ha occasione di scoprire in questa parte dell’itinerario.

Da Gap a Grenoble

A Gap si raggiungono, infine, le Alpi. Nel corso dei chilometri Napoleone ha modo di costatare, rasserenato, che la sua popolarità è rimasta intatta. Se si dovesse scegliere un luogo in particolare, è il villaggio di Laffrey il più simbolico. È qui che alla “Prairie de la Rencontre” Napoleone intima all’armata reale, giunta per catturarlo, di passare nelle sue schiere. Così prosegue il tour de force leggendario che lo condurrà fino a Parigi.

Maggiori informazioni

Nei dintorni