"Gli anni '50. Moda in Francia, 1947-1957" a Parigi

Da 12 luglio 2014 a 02 novembre 2014
  • Christian Dior (Boutique), 1953-1954 / Jacques Fath, vers 1947 / Grès, A/H 1956. Collection Palais Galliera

    Christian Dior (Boutique), 1953-1954 / Jacques Fath, vers 1947 / Grès, A/H 1956. Collection Palais Galliera

    © Gregoire Alexandre

  • Henry Clarke, tailleur Chanel A/H 1955

    Henry Clarke, tailleur Chanel A/H 1955

    © Henry Clarke/Galliera/Roger-Viollet

"Gli anni '50. Moda in Francia, 1947-1957" a Parigi 10 avenue Pierre Ier de Serbie 75016 paris fr

Negli anni ‘50 l’haute couture e il prêt-à-poter erano uno dei settori economici maggiori della Francia ma anche un grande laboratorio della moda. 


Creato dalle collezioni di Palais Galliera,  firmate dai più celebri couturier o da altri ormai caduti in oblio (Jean Dessès, Madeleine Vramant, Lola Prusac), I pezzi eccezionali di questa esposizione ripercorrono , con 100 modelli e accessori, l’evoluzione della silhouette dal 1947 al 1957, dalla nascita del New Look alla scomparsa di  Christian Dior e l’avvento di  Yves Saint Laurent.

Fu l’era d’oro dell’haute couture e Parigi riprese il suo titolo di capitale mondiale della moda.

All’inizio del 1947, Christian Dior lancia la sua prima collezione della sua maison. Mette da parte l’immagine della “donna-soldato dalle spalle larghe”: la guerra è finita! Al suo posto, chic e femminili,  le donne fiore, dal busto marcato, la vita segnata, il ventre piatto, anche arrotondate e dalla gonna ampia… Subito, Carmel Snow, caporedattrice di Harper’s Bazaar, battezza questa collezione "New Look". Questa forma "a clessidra" così generosa in tessuto crea scandalo e ha allo stesso tempo un successo folgorante  divenendo l’emblema del decennio.

Altri stili concorrenti sono anch’essi eccezionali : la linea di Balenciaga, detta "botte", dal volume  ampio sulla schiena e la vita, o ancora, opposta al, la linea Chanel dal tailleur dritto e stretto che crea una rottura sin dal 1954.Questi anni ’50, sono decisivi per la haute couture francese che, indebolita dalla crisi del 1929 e la guerra, rinasce per diventare eterna…

Basta guardare la lista dei nomi delle maison parigine divenute "patrimonio nazionale " : Jacques Heim, Chanel, Schiaparelli, Balenciaga, Jacques Fath della vecchia guardia; seguiti dai nuovi arrivati Pierre Balmain, Christian Dior, Jacques Griffe, Hubert de Givenchy, Pierre Cardin... paradossalmente, questo potere della moda francese di basa sia sul prestigio di questi nomi sinonimi di lusso, di eleganza e di innovazione che sulla volontà della professione di convertirsi al rivoluzionario prêt-à-porter.

Tariffe

  • Intero 8 € / Ridotto 6 €
  • Giovane (14-26 anni) 4 €
  • Gratuito fino ai 13 anni

Articoli correlati

Cosa vedere

Calendario

Nei dintorni