Good France trionfa in Italia

19 marzo 2015
  • Good France

    Good France

  • Good France

    Good France

    © Pierre Monetta

  • Good France

    Good France

    © Pierre Monetta

  • Good France

    Good France

    © Pierre Monetta

  • Good France

    Good France

    © Pierre Monetta

  • Good France

    Good France

    © Pierre Monetta

  • Good France

    Good France

    © Pierre Monetta

Good France trionfa in Italia it

L’appuntamento è per il 19 marzo, data scelta per il grande evento Goût de France/Good France promosso dall'Ente per lo Sviluppo del Turismo Francese, per valorizzare la cucina d'Oltralpe, quel repas à la française che l’Unesco ha inserito nel Patrimonio Immateriale dell’Umanità.
Un omaggio alla grande tradizione francese, che annovera chef famosi: Antonin Carême, Auguste Escoffier, Paul Bocuse, Alain Ducasse…

L’evento è stato lanciato proprio da Ducasse, con parole che suonano come un messaggio forte: Parlare di cucina – di cucina francese – vuol dire parlare di gioia di vivere, leggerezza, ottimismo, piacere: idee assolutamente centrali per l’immagine della Destinazione Francia
La formula è molto semplice ma altrettanto d’effetto: 1.000 chef, 1.000 menù sui 5 continenti.
L’idea di Good France riprende un altro evento, diventato un classico: le Cene di Epicuro, ideate nel 1912 dal grande Escoffier, con lo stesso menù, lo stesso giorno, in diverse città del mondo e per il maggior numero di invitati. Oltre un secolo dopo, nel 2015, Goût de France / Good France ha sviluppato quella bella idea con l’obiettivo di coinvolgere ristoranti di tutte le categorie e  in tutto il mondo.
 
Ora il Comitato internazionale di cuochi, presieduto da Alain Ducasse, ha selezionato i partecipanti, e la bella sorpresa è stata scoprire che l’Italia è al primo posto come numero di chef partecipanti : sono infatti un centinaio i ristoranti e bistrot di qualità che hanno aderito a Goût de France/Good France. Un’adesione entusiasta da Nord a Sud, che spazia dalle grandi città ai paesi più piccoli.

Qualche nome?

A Milano l’Acanto, il Ristorante Berton, Sadler, la Società Giardino, e nel Milanese D’O di Oldani a San Pietro all’Olmo, e il Pomiroeu di Seregno, vicino a Monza. A Torino Il Cambio, La Limonaia, Ij Brandè, più, nei dintorni, Il Combal.O di Davide Scabin a Rivoli e La Gardenia di Caluso con Mariangela Susigan. A Bologna un paio di indirizzi eccellenti, come Carracci e Franco Rossi, e nei dintorni la Tramvia di Casalecchio di Reno e il San Domenico di Imola .A Roma Settembrini, Giudaballerino, Il Pagliaccio, La Terrasse, Glass Hostaria con la chef Cristina Bowerman,  La Pergola di Heinz Beck, il Metamorfosi Restaurant di Roy Caceres.
In Veneto, numerosi indirizzi, fra cui La Montanella di Arquà Petrarca, la Casa degli Spiriti di Costermano, provincia di Verona, e Casa Perbellini a Verona, la Trattoria al Ponte di Lusia e Alla Busa di San Martino di Venezze, entrambi in provincia di Rovigo, i ristoranti del Padovano: Lazzaro 1915 di Pontelongo e Fuel di Rubano, i Do Leoni a Venezia.
In Toscana, La Tenda Rossa di San Casciano in Val di Pesa, Il Convito di Villa Curina a Siena, per arrivare al  Sud con il Ristorante Odeon di Napoli, La Torre del Saracino di Vico Equense, e alle isole, con Al Fogher di Piazza Armerina, La Brasserie Valderice di Palermo e S’apposentu di Siddi in provincia di Cagliari.
Ma anche, spaziando davvero per tutta la penisola, il Ristorante 21.9 di Albisola Marina, Cravero a Caltignaga, in provincia di Novara, il Ristorante del Pescatore Santini a Canneto sull’Oglio, I Castagni di Vigevano con lo chef Enrico Gerli, il Carlo Magno di Collebeato vicino a Brescia, i ristoranti di alta gastronomia di Parma…trovate tutti gli altri ristoranti sul sito www.goodfrance.com.

Inoltre, tre degli chef che parteciperanno a Good France saranno selezionati dall'Ambasciatrice di Francia, Catherine Colonna, che prevede di aprire le cucine del palazzo Farnese, tre volte nel corso del 2015 in occasione di "Cucina aperta" e accogliere degli Chef italiani e la loro cucina.
Sempre a Roma, dal 16 al 19 marzo si svolgeranno 'Le giornate della gastronomia francese in Italia': invitati tre chef francesi  e  altrettanti chef della capitale per realizzare insieme dei menu a quattro mani

Per saperne di più: http://it.rendezvousenfrance.com/it/gout-france-good-france