L’epopea dei Re Traci al museo del Louvre (Parigi)

Da 16 aprile 2015 a 20 luglio 2015
  • Corona 350-300 a.C. Oro. Musée d'histoire "Iskra" Kazanlak

    Corona 350-300 a.C. Oro. Musée d'histoire "Iskra" Kazanlak

    © Musée historique de Kazanlak/ Todor Dimitrov

  • Le banquet de Térée, Pierre Paul Rubens. 1660, Olio su tela. Museo nazionale del Prado, Madrid

    Le banquet de Térée, Pierre Paul Rubens. 1660, Olio su tela. Museo nazionale del Prado, Madrid

    © Madrid, Museo Nacional del Prado

  • Trésor de Panagyurishte, rhyton. Fine IV sec. a.C. Oro. Museo archeologico, Plovdiv

    Trésor de Panagyurishte, rhyton. Fine IV sec. a.C. Oro. Museo archeologico, Plovdiv

    © Musée régional archéologique de Plovdiv/ Todor Dimitrov

  • Museo del Louvre

    Museo del Louvre

    © Paris Tourist Office - Amélie Dupont - Architecte : Ieoh Ming Peï

L’epopea dei Re Traci al museo del Louvre (Parigi) 99, rue de rivoli 75001 Paris fr

Patria di Orfeo e di numerosi re leggendari citati da Omero, la Tracia, regione ancora poco nota, rivela a poco a poco i suoi splendori grazie a recenti scoperte archeologiche.

Ai confini tra il mondo greco e l’impero persiano, emerge in Tracia, nel periodo classico, una nuova potenza regionale, il regno degli Odrisi.

Le numerose tombe di aristocratici e re, restaurati in questi ultimi decenni, raccontano con il loro arredamento in ceramica, bronzo e oro, la ricchezza della Tracia.

Tra il mar Nero ed Egeo, questa regione trae nutrimento dai numerosi scambi con le civiltà intorno.

Attraverso le collezioni dei musei bulgari, l’esposizione “L’épopée des rois thraces, Découvertes archéologiques en Bulgarie” ha l’intento di scoprire la realtà e la complessità di questo regno.

Volendo offrire una lettura storica della Tracia dal V al III secolo a.C., questa esposizione sceglie come prisma l’emergere e l’affermarsi di un più grande centro di potere: quello degli Odrisi. In una regione segnata dalla pluralità dei poli politici e sociali, questa dinastia sviluppa una propria identità.

La realtà di questo mondo è affrontata nel contesto globale e contemporaneo del mondo antico.

Lungi dallo sminuire l’identità tracia, le recenti scoperte archeologiche dimostrano, al contrario, come un centro del potere prenda in prestito un insieme eteroclito di elementi di prestigio, provenienti da orizzonti geografici diversi (Asia minore achemenide, città greche, regno macedone).

Prodotti di un universo mitologico greco nel quale la Tracia ha per molto tempo offerto un orizzonte geografico ed immaginario, le opere pittoriche classiche e moderne si affiancano a manoscritti medievali con

lo scopo di illustrare la trasmissione e la trasformazione di questi diversi miti.

Grazie ad una eco permanente tra supporti antichi – vasi – e rappresentazioni medievali e moderne – manoscritti, quadri – la declinazione delle scene emblematiche rivela l’atemporalità dell’universo tracio.

Indirizzo

Musée du Louvre
99, rue de Rivoli
75001 Parigi

Cosa vedere

Calendario

Nei dintorni