Pierre Bonnard : Peindre l'Arcadie au Musée d'Orsay (Paris)

Da 17 marzo 2015 a 19 luglio 2015
  • Pierre Bonnard (1867-1947) La Loge, 1908 Olio su tela, 90 × 120,6 cm Parigi, musée d’Orsay, RF 1989-32

    Pierre Bonnard (1867-1947) La Loge, 1908 Olio su tela, 90 × 120,6 cm Parigi, musée d’Orsay, RF 1989-32

    © Musée d’Orsay, dist. RMN-Grand Palais / Patrice Schmidt / ADAGP, Paris 2015

  • Pierre Bonnard, Le Boxeur (ritratto dell'artista), 1931 Olio su tela, 54 × 74,3 cm Parigi, musée d’Orsay, donazione di Philippe Meyer, 2000, RF 2000-12

    Pierre Bonnard, Le Boxeur (ritratto dell'artista), 1931 Olio su tela, 54 × 74,3 cm Parigi, musée d’Orsay, donazione di Philippe Meyer, 2000, RF 2000-12

    © RMN-Grand Palais (Musée d’Orsay) / Michèle Bellot/ ADAGP, Paris 2015

  • Musée d'Orsay

    Musée d'Orsay

    © Paris Tourist Office -Daniel Thierry

Pierre Bonnard : Peindre l'Arcadie au Musée d'Orsay (Paris) 62, rue de Lille 75007 Paris fr

Dopo le numerose esposizioni dedicate a Bonnard in tutto il mondo, il musée d’Orsay, che coordina le sue opere, voleva consacrargli esso stesso una retrospettiva.

Praticando l’arte in forme multiple – pittura, disegno, stampa, arte decorativa, scultura, fotografia – Pierre Bonnard (1867 – 1947) ha difeso un’estetica essenzialmente decorativa. Il suo senso acuto per la luce, il suo fascino per i colori vivaci e l’utopia del sud, visto come un antico paradiso ritrovato, l’hanno portato a rappresentare la sua visione dell’Arcadia, rivelando un artista istintivo dalla forte sensibilità.

Il percorso si articola in otto aree: giapponismo, intimità, imprevisto, fotografia, ritratti, giardino naturale, colore, grande decorazione.

L’influenza del Giappone è evidente sin dagli inizi: separazione delle forme, appiattimento dei colori vivi, prospettiva su più livelli… a cui si aggiunge il suo interesse per temi intimi, come la toilette e il bagno.

L’imprevisto, il diverso, il fantasmagorico emergono dalla sua pittura, aggiungendo mistero a scene ordinarie.

Bonnard pratica molto la fotografia, con le sue inquadrature scentrate, i movimenti fluidi che affermano spontaneità e gusto per l’estetica.

Quando dipinge ritratti di famiglia o di amici, usa dei modelli, e moltiplica anche gli autoritratti nelle diverse fasi della sua vita.

La sua innovativa visione degli interni, aperti sull’esterno, pongono in giustapposizione la casa con il “giardino naturale”.

La scoperta della Costa Azzurra lo spinge ad essere più audace. La tavolozza si intensifica e i quadri cambiano scala.

Unendo visioni pastorali, ricordi passati e scene contemporanee, afferma l’autonomia dello spazio della rappresentazione e il libero esercizio della fantasia del pittore.

Indirizzo

Musée d'Orsay
62, rue de Lille
75007 Parigi

Tariffe

Diritto di ingresso all'esposizione e al museo.

Tariffa piena: 11€

Tariffa ridotta: 8,50€

Cosa vedere

Calendario

Nei dintorni