“À la conquête du pôle Sud” al Musée des Confluences

Da 03 febbraio 2015 a 28 giugno 2015
  • Pinguini imperatore

    Pinguini imperatore

    © Musée des Confluences / Quentin Lafont

  • Norvegesi e britannici adattano i loro abbigliamento al clima antartico

    Norvegesi e britannici adattano i loro abbigliamento al clima antartico

    © Musée des Confluences / Quentin Lafont

  • Uomini trainano una slitta durante la spedizione di Robert Falcon Scott

    Uomini trainano una slitta durante la spedizione di Robert Falcon Scott

    © Musée des Confluences / Bettmann/CORBIS

“À la conquête du pôle Sud” al Musée des Confluences 86 quai Perrache 69002 Lyon fr

Un continente inesplorato, una corsa imprevista tra nazioni, con strategie e obiettivi diversi…

È la storia di questa corsa verso l’ultima terra inesplorata del XX secolo. Durante la spedizione, i visitatori potranno scoprire uomini che hanno superato se stessi, aprendo la strada alle ricerche scientifiche in Antartide.

Un’esposizione organizzata dall’American Museum of Natural History di New York, in collaborazione con il musée des Confluences e il Royal BC Museum a Victoria, Canada.

Chi raggiungerà per primo il polo Sud?

Tra il 1911 e il 1912, due esploratori, il norvegese Roal Amundsen e il capitano britannico Robert Scott, si lanciano in una sfiancante corsa di quasi 3.000 km per raggiungere il polo Sud per tornare al loro campo base lungo la barriera di Ross.

Il percorso propone di seguire le due squadre, le loro motivazioni e i preparativi minuziosi, svelando così la diversità delle strategie e degli equipaggiamenti.

La squadra norvegese privilegiava i cani per trainare le slitte e concentrarsi su un solo obiettivo: raggiungere il polo.

La squadra inglese scelse i pony e condusse in parallelo una esplorazione scientifica come la classificazione di specie ancora sconosciute.

Scopri una faticosa corsa contro il tempo della durata di diversi mesi, dove ogni ora è significativa nella breve estate polare, il solo momento meteorologico per sfidare gli elementi e i limiti dell’uomo.

L’arrivo della squadra vincitrice

Ammirazione e raccoglimento. Da un lato le fotografie realizzate dalla vincente squadra norvegese, tornata al campo base con 10 giorni di vantaggio. Dall’altro, la squadra inglese che ha dovuto affrontare prove sempre più dure.

La stampa contemporanea e i popoli del mondo salutarono i vincenti norvegesi, e resero onore agli eroi inglesi che trovarono la morte.

Il polo Sud oggi

Questa corsa ha aperto la strada alle squadre di ricercatori e studenti, le uniche anime presenti oggi in questa terra di tesori con una biodiversità significativa. Nelle basi scientifiche possono disporre di equipaggiamenti moderni.

Indirizzo

Musée des Confluences
86 quai Perrache
69002 Lione

Tariffe

Tariffa piena: 9,00 €
Adulti dalle 17.00: 
6,00 €
Giovani 18 - 25 anni:
 5,00 €

Cosa vedere