AOC e AOP, le denominazioni francesi dei formaggi di qualità

AOC e AOP, le denominazioni francesi dei formaggi di qualità

L'etichetta di qualità tipicamente francese AOC,appellation d’origine contrôlée, denominazione di origine controllata in italiano, è destinata a sparire e lasciare campo libero all'AOP, appellation d’origine protégée, denominazione di origine protetta in italiano, di stampo europeo. In realtà, queste due denominazioni hanno la stessa funzione, permettere ai consumatori di riconoscere i prodotti tramite la loro denominazione di orgine che spesso è sinonimo di qualità. Appellation d’Origine Contrôlée – AOCL’appellation d’origine contrôlée, denominazione di origine controllata, è un'etichetta francese creata per promuovere la qualità e la produzione tradizionale nel settore alimentare. Riconosciuta dall'Unione europea dal 1992, la denominazione coinvolge soprattutto alcolici e prodotti lattiero caseari, tra cui ci sono i formaggi. L'idea risale ad una legge del 1955.Tra i cinquecento formaggi arrichiscono il patrimonio gastronomico dell'Esagono, solo 36 sono AOC. L'etichetta arriva al termine di una minuziosa serie di controlli, inoltre i formaggi devono appartenere ad un determinato territorio e possedere una serie di requisiti imposti dal’INAO (Institut national des appellations d’origine), Istituto Nazionale delle appellazioni di origine.I 36 AOC francesi:• Formaggi di vaccaAbondance, Beaufort, Bleu d’Auvergne, Bleu des Causses, Bleu de Gex ou du Haut-Jura, Brie de Melun, Brie de Meaux, Camembert de Normandie, Cantal, Chaource, Comté, Epoisses, Fourmes d’Ambert, Laguiole, Langres, Livarot, Maroilles, Mont d’or, Munster, Pont-l’évêque, Neufchâtel, Reblochon, Salers, Saint-nectaire.

• Formaggi di capraCabécou-Rocamadour, Chabichou du Poitou, Crottin de Chavignol, Pouligny Saint-Pierre, Picodon, Sainte-Maure de Touraine, Salles-sur-cher, Valençay, Charolais.

• Formaggi di pecoraOssau iraty, Roquefort

• Formaggi di siero di latte di capra o di pecoraBrocciuAppellation d’Origine Protégée – AOP – una versione europeaDall'1 marzo 2009, i formaggi prodotti nell'Unione Europea sono riconoscibili grazie ad un nuovo logo "Appellation d'Origine Protégée", denominazione di origine protetta. Ideata a luglio del 2008, questa etichetta è unica per tutta l'Europa e facilmente identificabile grazie ai colori rosso e giallo.L'appellation d'Origine Contrôlée, di origine francese, è quindi destinata a sparire. "L'unione fa la forza : questa è la ragione principale per cui la denominazione europea sostituirà quella francese e sarà obbligatoriamente posta sugli imballaggi di tutti i prodotti dell'Unione" spiega Anne Richard, delegata generale del CNAOL, Conseil National des Appellations d'Origine Laitières, Consiglio Nazionale delle Denominazioni di Origine casearia. D'ora in poi sul Roquefort francese, il Parmigiano Reggiano italiano e sullo Stilton inglese apparirà lo stesso logo, con lo scopo di aumentare la leggibilità delle etichette per i consumatori". Questo nuovo marchio rappresenta anche un mezzo di opposizione alla contraffrazione, operata da tutti coloro che producono "rubando" il nome a dei prodotti più famosi. Oggi più di 150 tra formaggi, varietà di burro e creme prodotto in Europa, di cui 46 francesi, rispondono ai criterei dell'AOP.