I castelli dell'Aube-en-Champagne

I castelli dell'Aube-en-Champagne

 

Se vieni in Aube-en-Champagne non perdere l'occasione per visitare il castello della Motte Tilly e il castello di Droupt Saint Baisle.

Il Castello della Motte-TillyGioiello classificato Monumento Storico dal 1946, il Castello della Motte-Tilly, situato presso Nogent-sur-Seine, appartiene a quelle dimore di campagna che i grandi amministratori dello Stato, nel XVIII secolo, si fanno costruire non lontano dal potere reale: fu infatti fatto edificare nel 1754 dall'abate Terray, futuro intendente delle finanze di Luigi XV, diventato signore della Motte-Tilly. E' lui ha far radere al suolo l'antico castello feudale per costruire la dimora attuale e i giardini, su progetto dell'architetto François Nicolas Lancret.Il Castello della Motte-Tilly, creato secondo concetti di armonia, simmetria, eleganza e nobiltà, si presenta cone l'archetipo di un edificio del Secolo dei Lumi, e ha mantenuto intatta la sua bellezza nonostante le ingiurie del tempo. La Rivoluzione francese, l'invasione della Francia dopo la caduta del Primo Impero, e la Seconda Guerra mondiale non hanno certo risparmiato il castello. Nel 1910, il conte di Rohan-Chabot, discendente per parte di madre dalla famiglia dell'abate Terray, intraprede lavori di restauro sulla base di documenti d'archivio. Il parco viene ridisegnato, con terrazze degradanti in dolce pendenza fino allo specchio d'acqua, e la lunga prospettiva oltre la Senna viene rimpiantata. Dopo la sua morte nel 1964, sua figlia, la marchesa di Maillé, archeologa e presidentessa dell'associazione per la salvaguardia dell'Arte francese, ha restituito al luogo gli arredi e l'atmosfera raffinata di una dimora del XVIII secolo, prima di lasciare il castello allo stato nel suo testamento, nel 1972. Lo charme del parco, 60 ettari, e dei suoi giardini è perfetto per itinerari e passeggiate bucoliche.Una delle attrattive del Castello della Motte-Tilly sta proprio nella bellezza del suo parco e soprattutto nella sua posizione eccezionale. Dalla terrazza Nord, la vista spazia sul « miroir », un vasto specchio d'acqua a partire dal quale sono state calcolate tutte le prospettive; ha la forma di un rettangolo molto allungato, bordato su entrambi i lati da un viale di tigli. Un alto pergolato chiude l'insieme della prospettiva. Ricco di piante rare, tuie e cedri blu, il parco di La Motte Tilly abbina la nobiltà del giardino classico disegnato per l'Abate Terray allo charme romantico del parco all'inglese.Il parco di La Motte Tilly è senza dubbio il più bello dei parchi storici della regione Champagne-Ardenne. Regolarmente aperto alle visite, ospita in estate numerose animazioni culturali, ed evoca l'art de vivre alla fine del XVIII secolo.

Informazioni PraticheCastello di La Motte Tilly 10400 La Motte TillyTel: 0033 (0)3 25 39 99 67www.la-motte-tilly.monuments-nationaux.fr

Il Castello di Saint Droupt BaisleIl Castello di Droupt Saint Basle è stato salvato da una probabile demolizione dalla famiglia Paupe, innamoratasi del luogo. Sono stati necessari 23 anni di sforzi per restituire alla dimora la nobilità perduta. Arricchito del museo di arti popolari, il castello vi riporta nel cuore della vita quotidiana nel  XVI secolo.

Nel 1586, Louis le Mairat, sindaco di Troyes e signore di Droupt ottiene l'autorizzazione di circondare la sua casa di muri e fossati con ponte levatoio. Poi verso il 1770, la famiglia Guillaume de Chavaudon vi aggiunge una grande residenza classica dalla sobria facciata sormontata da un tetto a mandarde d'ardesia. Dopo la morte dell'ultima erede, il patrimonio viene disperso e la prospettiva sembra essere la distruzione del castello, in rovina. Finchè la famiglia Paupe lo acquista nel 1983.

E' l'inizio di una avventura che va a restituire alla dimora il suo carattere originale. Pavimenti di legno intarsiato, porte nascoste, giardino alla francese, salone d'inverno... sono stati restaurati a regola d'arte.

Claire Paupe, la castellana di Droupt Saint Basle, è anche un'attenta collezionista. Transformati in museo, i sottotetti del suo castello nascondono innumerevoli tesori della vita di un tempo: dai sonagli da diligenza alla cartella di scuola in legno sac, dalla valigia diplomatica del XIV secolo alla bilancia da fiera, dai bollitori agli scaldini, i cucchiai da mancino… Senza dimenticare uno dei suoi oggetti-feticcio, una semplicissima stia per polli!

Informazioni PraticheCastello di Droupt Saint BasleMadame Paupe10 170 Droupt Saint Basle Tel: 0033 (0)3 25 21 15 54www.chateaudedroupt.com