Il grande silenzio nei boschi della Chartreuse

Il grande silenzio nei boschi della Chartreuse

www.rhonealpes-tourisme.com

Un film documentario senza musica ne commenti, solo immagini: tale è la descrizione della pace e del silenzio dei monaci del monastero della Grande Chartreuse, nel dipartimento dell'Isère, fatta da Philip Groning, regista tedesco che ha atteso 16 anni prima di poter girare questo affascinante documentario, Le Grand Silence. Un film toccante e appassionante, che descrive in tutti i suoi dettagli la vita senza tempo di questi uomini, che hanno optato per la scelta del silenzio e dell'isolamento totale.

La storia narra che San Bruno nel 1084, volendo scappare dall'agitazione di quel secolo tumultuoso, fu accompagnato dal vescovo di Grenoble attraverso massicci e boschi sconfinati, fino ad arrivare ad un deserto di rocce e pini, chiamato Chartreuse. Li, costruirono delle capanne di legno, e un altare di pietra; qui nacque, e si ingrandì, il monastero della Grande Chartreuse. I monaci sono qui da più di nove secoli ormai, in questo luogo di preghiera, dove il silenzio e la ricerca di sé assumono un significato importantissimo: ritirati dal mondo, e nella loro cella. Il monastero non si può quindi visitare, ma il museo della Grande Chartreuse permette di comprendere il mistero della loro vocazione alla solitudine e il loro modo di vita. Il museo si trova a 2 km dal monastero, e all'interno è stata ricostruita un'autentica cella di un Padre Certoso, su due piani, ammobiliata proprio come quella del monastero.E per condividere più da vicino il silenzio e la pace dei monaci, la passeggiata fino al monastero è d'obbligo, potendo ammirare il monastero dall'alto e ammirandone così l'architettura e penetrando, sempre da lontano e discretamente, il segreto e la pace di questi religiosi, specializzati nella produzione di un famoso liquore, la Chartreuse, la cui ricetta è tramandata da quattro secoli: attualmente, solo due monaci ne conoscono la ricetta, tutta naturale, senza additivi chimici. Per completare la visita e entrare appieno nella storia, una visita a Voiron, dove dal 1935 si distilla il liquore, è imperdibile.

Il monastero è anche il punto di partenza per numerose passeggiate nel Parco Naturale Regionale della Chartreuse, con passeggiate per tutti i livelli e tutti i gusti. Interessante la passeggiata verso il Charmant Som, massiccio che domina tutto il monastero (da Grenoble, prendere a nord la D512 e in seguito la D57, e fermarsi alle Bergeries).

Per saperne di più:Comitato Dipartimentale del Turismo dell'Isère14, rue de la République 38019 Grenoble CedexTel: 0033 (0)4 76 44 91 76www.isere-tourisme.com Museo della Grande ChartreuseLa Correrie- 38380 Saint Pierre de ChartreuseTel : <?XML:NAMESPACE PREFIX = SKYPE />0033 (0)4 76 88 60 45 www.chartreuse.frDa giugno a settembre: apertura dalle 9:30 alle 18:30

Ente del Turismo della ChartreuseTel: 0033 (0)4 76 88 64 00 www.chartreuse-tourisme.com

Parco Naturale Regionale della ChartreuseMaison du Parc- 33 380 St Pierre de ChartreuseTel : 0033 (0)4 76 88 75 20www.parc-chartreuse.com