La mela e il sidro del Pays d'Othe

La mela e il sidro del Pays d'Othe

 

La mela e l'Aube, una lunga storia. Una storia tanto croccante quanto inebriante. Il sidro del Pays d'Othe, dolce e frizzante, si caratterizza per il suo caratteristico gusto di «pietra focaia». 

La mela da tavolaSono una trentina le varietà di mele coltivate in terra d'Othe, qualcuna più famosa di altre. Citiamo la rambour, rustica, la famosa locard, la mela delle Fiandre, che rimane « la » mela dell'Aube o la celebratissima calville.

Un sidro con il gusto della pietra focaia E' nel XVI secolo che si trovano le prime tracce di produzione di sidro nell'Aube. Nel Pays d'Othe, territorio ideale per il sidro , a cui il terreno ricco di silice dona il famoso gusto di pietra focaia, la produzione del sidro bouché (in bottiglia, con tappo di sughero) è stata rilanciata alla fine degli anni 80, prodotto con i metodi tradizionali in fattoria, senza pastorizzazione né sterilizzazione.Oggi sono una decina i produttori che fanno fermentare il succo di mela per ottenere un delizioso sidro di fattoria ad effervescenza naturale.Il gusto è inimitabile: il sidro di fattoria non pastorizzato né sterilizzato è prodotto secondo i canoni tradizionali e rappresenta al meglio il territorio.Mosso da mille bollicine effervescenti, il suo colore varia dall'ocra della terra a toni più dorati. Si beve ben fresco: la temperatura ideale va dagli 8 ai 10 gradi. Può accompagnare le carni e il pesce, ma si sposa altrettanto bene con i formaggi. Inoltre, il sidro un ottimo ingrediente per la preparazione di eccellenti piatti salati o dolci.