L'Aube e il gusto

L'Aube e il gusto

function xt_med(p1,p2,p3,p4){return true;}

 

Scoprire il dipartimento dell'Aube attraverso i suoi piatti: non male come prospettiva!Tutti gli appassionati di gastronomia sapranno apprezzare la qualità e la varietà delle specialità della cucina dell'Aube, ad un tempo rustica e raffinata.L'Aube propone a tutti gli appassionati della buona tavola di costruirsi un ideale paniere attraversando tutto il dipartimento. Un'escursione che si può trasformare in una piacevole caccia al tesoro gastronomica.

Un appetitoso paniere :a. Champagne, Rosé des Riceys e Coteaux champenois Cominciamo con lo scegliere una bottiglia di vino della Champagne. Il più rinomato rimane naturalmente lo spumeggiante champagne. Simbolo della festa, lo champagne si abbina bene a numerosi piatti. Alle salse, ad esempio, trasmette la sua freschezza e il suo delicato bouquet. Al « vino dei re, o re dei vini » aggiungiamo una bottiglia di Coteaux champenois e un'altra del famoso Rosé des Riceys, dal gusto di frutti rossi; un vino di cui si dice Luigi XIV fosse un fervente ammiratore.

b. Il sidro del Pays d'OtheBevanda molto diversa, ma assai gustosa, il sidro del Pays d'Othe troverà il giusto posto nel paniere.Il sidro è la grande specialità del Pays d'Othe, dal gusto inimitabile, prodotto con i metodi tradizionali in fattoria, senza pastorizzazione né sterilizzazione.Oggi sono una decina i produttori che fanno fermentare il succo di mela per ottenere un delizioso sidro di fattoria ad effervescenza naturale.Il gusto è inimitabile: il sidro di fattoria non pastorizzato né sterilizzato è prodotto secondo i canoni tradizionali e rappresenta al meglio il territorio. Si ottiene dalla spremitura di antiche varietà di mele.Mosso da mille bollicine effervescenti, il suo colore varia dall'ocra della terra a toni più dorati. Si distingue per i suoi profumi naturali, il sapore vivace e il caratteristico gusto di pietra focaia.Si beve ben fresco, con la temperatura ideale che va dagli 8 ai 10 gradi. Può accompagnare le carni e il pesce, ma si sposa altrettanto bene con i formaggi. Il sidro è un ottimo ingrediente per la preparazione di eccellenti piatti salati o dolci.

c. La Prunelle di TroyesUn piccolo posto dovrà essere riservato alla Prunelle di Troyes: un liquore con un grado alcolico di 40° prodotto a partire dai noccioli delle prugne. I noccioli frantumati vengono prima messi a macerare nell'alcool, poi si effettua una doppia distillazione nell'alambicco.La  produzione delle Prunelle di Troyes continua come sempre nella distilleria del Cellier Saint Pierre, di fronte alla cattedrale, in edifici che datano dal XIII al XVII secolo.Il Cellier Saint Pierre è anche un'eccellente enoteca dove si trovano le migliori bottiglie del dipartimento dell'Aube: Champagne, Coteaux Champenois e Rosé des Riceys.Le Cellier Saint Pierre1, Place Saint Pierre – 10 000 TroyesT 03 25 80 59 25 – Fax : 03 25 81 30 57