Le isole della costa atlantica

  • © © ATOUT FRANCE/Daniel Gallon - Dangal

Le isole della costa atlantica

 

La costa vandeana nei Paesi della Loira 

L'Isola di Noirmoutier vi stupirà per la bellezza del suo paesaggio e per la tipicità dei suoi paesini di casette bianche. Più a sud e un po' più lontano dalla terraferma, l'isola di Yeu racchiude nei suoi 23 Km2 una grande varietà di paesaggi: lunghe spiagge e dune costiere, ma anche una costa selvaggia con alte falesie che cela baie dalla sabbia dorata...

Isola di Noirmoutier (85)

Superficie 49 km2 – lunghezza 25 km per una larghezza che varia dai 500 m ai 15 km

L'Isola di Noirmoutier è collegata alla terraferma grazie a un ponte dal 1971. Un passaggio molto pratico, anche se è un peccato aggirare la straordinaria curiosità naturale dell'isola ovvero il passaggio del Gois, che con la bassa marea collega terra e isola. Il castello, oggetto di incessanti rivalità nel corso del tempo, ha fatto da sfondo a storie di  saccheggi, battaglie eroiche, ma senza mai perdere il suo orgoglio. Per passare da uno dei 3 porti all'altro, o da una spiaggia all'altra, si devono costeggiare paludi salate, pinete e dune, parte integrante del fascino di quest'isola. 

Isola di Yeu (85)

Superficie 2.300 ettari – lunghezza 10 km per una larghezza massima di 4 km

Tra tutte le isole di Ponente, l'Isola di Yeu è la più distante dal continente. Durante tutto l'anno, Port-Joinville sorprende per la sua vitalità: uno spettacolo da godersi sulla terrazza di un caffè sul lungomare, prima di noleggiare una bicicletta per scoprire il resto dell'isola. Attraverso la landa, sentieri sabbiosi portano verso la costa. Lunghe spiagge di sabbia fine a est di Port-Joinville, le falesie irrompono sulla costa selvaggia a sud dell'isola. Stradine bordate di fiori conducono alle bianche casupole in calce. Partenze tutto l'anno da Port Fromentine (30 minuti). 

La Costa della Charente-Maritime nel Poitou-Charentes

Il litorale fa da sfondo a quattro isole indimenticabili (cinque con Fort Boyard).

, detta “la bianca”, affascina con i suoi paesini dalle case candide e le imposte verdi, le stradine e la malva rosa, ma anche le piste ciclabili che attraversano l'isola da una parte all'altra.

Oléron, “la luminosa”, è un concentrato di natura, patrimonio e prodotti d'eccezione (le celebri ostriche di Marennes Oléron).

Aix ha la particolarità – e il vantaggio – di non essere accessibile se non per mare. La tranquillità è assicurata quando si parte alla scoperta dell'isola a piedi o sulle due ruote.

Non va dimenticata, infine, l'isola Madame, la cui costa nord accoglie numerose “carreletes” ovvero delle palafitte in legno per pescare durante l'altamarea. 

Isola di Ré (17)

Superficie 85 km2 – lunghezza 30 km per una larghezza di 5 km

Ré la bianca è collegata al continente (La Rochelle) grazie a un magnifico ponte che permette l'accesso durante il corso dell'anno. I suoi punti forti sono il numero delle ore di sole che non ha niente da invidiare a quello della Costa Azzurra e un insieme di stradine e sentieri meravigliosamente ripensati per le escursioni in bicicletta.  Il suo paesaggio pianeggiante offre allo sguardo la bellezza di uno spazio aperto, dove la natura, la battigia, le foreste e le dune si mescolano ai profumi dell'oceano. Lungo i 70 km delle sue coste, Ré svela lo charme di una decina di paesini tradizionali. Il dedalo delle casette bianche con le persiane blu o verdi racchiude stradine dove cresce disordinatamente la malva rosa. La storia ha segnato profondamente quest'isola, la cui posizione strategica nelle vicinanze del porto di La Rochelle si è tradotta nella costruzione di opere di difesa superbe con la firma di Vauban, come il forte della Prée o ancora la cittadella di Saint-Martin o il porto vecchio della Flotte.

Isola d'Aix (17)

Superficie 129 ettari

Sono sufficienti due ore per fare il giro dell'isola d'Aix (7 km). Ci si può spostare a piedi, in bicicletta o anche in carrozza. Spiagge e parchi circondano l'isola. Il suo villaggio fortificato e le sue batterie costiere ne fanno un luogo al di fuori del tempo.
Del suo prestigioso passato storico bisogna ricordare soprattutto il soggiorno di Napoleone I nel luglio del 1815. È su quest'isoletta, come l'aveva definita, che Napoleone trascorse i suoi ultimi tre giorni in terra francese prima di partire in esilio per Sant'Elena.
Partenze tutto l'anno da Fouras (20 minuti). 

Isola d'Oléron (17)

Superficie 175 km2 –  lunghezza 34 km per una larghezza di 15 km

Situata tra lo stretto di Antioche a nord, che la separa dall'isola di Ré, e lo stretto di Maumusson a sud, che la divide dalla penisola d'Arvert, Oléron la luminosa è la più grande delle isole francesi dopo la Corsica. Oléron è collegata alla terraferma da un ponte maestoso, ben 3.027 m di lunghezza! L'aspetto pianeggiante dell'isola la rende particolarmente adatta per gli amanti delle due ruote, che possono contare su oltre 80 km di piste ciclabili.
Oléron affascina per l'estrema luminosità del suo cielo, le sue case basse con le persiane colorate e i muri bianchi di calce, i profumi della flora, la varietà dei paesaggi e la dolcezza del suo clima, che permette alle mimose di fiorire già da metà febbraio. Inoltre, Oléron è uno dei centri più importanti per la produzione delle ostriche e numerose sono le occasioni per degustazioni golose del celebre frutto di mare. 

Related videos

 
 

Sponsored videos