Il tartufo nero, l'anatra, l'oca e il formaggio del Périgord

  • © CDT - Dordogne-Périgord

  • © CDT - Dordogne-Périgord

  • © CDT - Dordogne-Périgord

  • © CDT - Dordogne-Périgord

  • © Patricia Engelhorn

Il tartufo nero, l'anatra, l'oca e il formaggio del Périgord Dordogne-Périgord fr

Il Périgord è il paese della cuccagna dove la gola non è mai un peccato.
Le specialità non mancano: tournedos alla Rossini, salsa Périgueux, patate di Sarlat (con i funghi), uova strapazzate ai tartufi, la mique (polentina di farina di mais e frumento saltata in padella) o ancora il tourin (zuppa all'aglio con tuorli d'uovo) e il Foie Gras. Una realtà contadina viva e vitale, che ha permesso la produzione di prodotti di qualità e di conquistare la reputazione di capitale dell'arte di vivere alla francese, con una cucina ricca e conviviale.

Il Tartufo Nero del Périgord

Fiore all'occhiello della gastronomia della regione, il Tartufo Nero del Périgord, intensamente profumato, è stato da sempre utilizzato per nobilitare salse e farciture. Questo fungo sotterraneo richiede una tecnica di raccolta particolare con il ricorso a un animale «da tartufo» La ricerca con la scrofa ha ancora i suoi adepti, ma il cane addestrato è il metodo più utilizzato attualmente nel Périgord e nel Quercy.Nei mercati di Sorges, Périgueux, di Excideuil, di Vergt e di St Alvère, da gennaio, si dispiega tutta la produzione locale. Grande come una noce, questo «diamante nero» si gusta con piatti di alta qualità o semplicemente a fettine sottili su una fetta di pane tostato e imburrato, o con le uova in omelette... l'importante è consentire al tartufo d'esalare tutto il suo profumo nel piatto.

Alla scoperta de tartufo nero del Périgord 

La Maison del tartufo a Sorges
In una bella fattoria restaurata situata a pochi metri dallo storico ecomuseo a Sorges, ha aperto le porte la Maison des Villages Truffiers. Un museo moderno, chiaro e didattico, che propone ai visitatori una presentazione della storia, la geografia, la botanica, la gastronomia e il folklore legati ai tartufi. Richiedere la mini brochure di spiegazione in inglese.
Per maggiori informazioni, clicca qui

L'oca e l'anatra

Questi mercati tradizionali, i «marchés aux gras»,  richiamano le origini rurali della gastronomia del Périgord: un mondo dove non si spreca niente, e dove tutto si cucina e si mangia, dell'anatra e dell'oca: il fegato, la carne, il collo ...
Nei «marchés aux gras» che si svolgono dal mese di novembre al mese di marzo, si scopre la migliore produzione locale e si partecipa alle molte animazioni che hanno luogo per l' autentica celebrazione del territorio del Périgord di questo periodo dell'anno. Associazioni del gusto, produttori artigianali ma anche gruppi folkloristici offrono degustazioni, dimostrazioni culinarie e balli come una volta attorno a un tema specifico.
Il foie gras del Périgord è una delle principali specialità della regione, ed è sempre piacevole scoprire l'arte e la maniera di degustarlo: fresco, mi-cuit (parzialmente cotto), cuit au torchon (cotto a bagno maria avvolto in un canovaccio) o in versione scaloppine, passato in padella con della frutta... E scegliere fra oca e anatra è una pura questione di gusti.

Alla scoperta del Foie Gras del Périgord

La Maison du Foie Gras à Thiviers 
Visita libera con cartelli informativi in francese, inglese e spagnolo. Scenografia ispirata al tema dell'oca e dell'anatra: storia del foie gras, dei mestieri della filiera, spazio bambini, la gastronomia.
Per maggiori informazioni clicca qui. 

Il Cabecou del Périgord

La parola cabécou indica da sempre delle piccole formaggette piatte e rotonde prodotte con latte intero di capra (chiamate un tempo «fromages de crème»). Dal 1992, il Cabécou del Périgord è protetto da un marchio collettivo di qualità. La produzione, in fattoria o in caseificio, deve rispondere a criteri precisi in fatto di allevamento delle capre e preparazione del formaggio.