Rennes

Rennes

Rennes, capoluogo della Bretagna, grande città d’arte e storia, costituisce una tappa irrinunciabile per comprendere meglio la realtà bretone di ieri e di oggi. Rennes esprime la forza della propria identità culturale attraverso uno dei suoi edifici più importanti, il palazzo del Parlamento di Bretagna, pregevole testimonianza della storia bretone ma anche dell’eccezionalità della pittura francese del XVII secolo.

Da non perdere a Rennes

  • La città medievale con le sue case a graticcio colorate
  • La città settecentesca e le sue due piazze reali
  • Il Parlamento di Bretagna (sec. XVII) e il municipio (sec. XVIII) di Gabriel
  • I parchi del Thabor e di Oberthür (sec. XIX)
  • La place des Lices e il suo mercato (sabato)
  • Il polo culturale Les Champs Libres, che ingloba il Musée de Bretagne, l’Espace des sciences e la Biblioteca comunale di Rennes
  • Il Musée des Beaux-Arts
  • La cappella di Saint-Yves (sec. XV) e la sua mostra sul patrimonio di Rennes
  • L’Écomusée du pays de Rennes
  • I sapori di Bretagna: crêpes, sidro in bottiglia, frutti di mare…

Rennes in libertà

Soggiorno alla scoperta di Rennes- 3 giorni/2 notti in camera doppia con prima colazione (base 2 persone).- 2 Rennes Métropole City Pass che offrono vantaggi immediati: visite guidate, accesso ai musei, concerti, attività ricreative…A partire da € 70 in hotel a 2 stelle o da € 93 in hotel a 3 stelle (tariffe a persona).

Rennes in festaEsposizione « Odorico, mosaïstes art-déco »Museo della Bretagna / Salle Georges-Henri-Rivière e René-Yves-Creston – Les Champs Libres2 aprile 2009 al 3 gennaio 2010A Rennes, come nei numerosi comuni del Grande Ovest, i mosaici sono ovunque, basta alzare gli occhi sulle facciate o dare un occhiata all'interno di qualche edificio per rendersene conto. Sono le opere lasciate da Odorico, che ha vissuto  a  Rennes dal 1882 al 1978.Il numero di opere che oggi risalgono a quel periodo è impressionante: alcune importanti, (chiesa Sainte-Thérèse, asilo Papu, piscina  Saint-Georges a Rennes...) altre più modeste : ingressi di alcuni edifici, negozi, sale da bagno, ecc. In quell'epoca nascono decorazioni e motivi ispirati dall'Art déco che allora si stava sviluppando. (...)Nel 1979 grazie ad un lascito di Pierre Janvier, il  Museo  della  Bretagna riceve quasi  un migliaio di disegni e  progetti di mosaici che oggi  testimoniano la qualità e la diversità del lavoro di quel periodo. Questa esposizione propone una sintesi delle varie tecniche di lavorazione, oltre a promuovere conferenze,  caffè storia, proiezioni, atelier di mosaïci, manifestazioni  organizzate in parallelo sul savoir-faire e le competenze di allora ancora oggi molto attuali.Tel : +33 (0)2 23 40 66 00www.leschampslibres.fr

Esposizione « 6 milliards d'autres »Yann Arthus-Bertrand / Les Champs Libres - Salle Anita Conti15 aprile al 30 agosto 2009Il progetto del fotografo Yann-Arthus Bertrand dopo il paesaggio naturale  sonda e analizza anche la diversità umana. Sulla base di un questionario che fissa i punti salienti  delle interviste video, le persone  raccontano episodi, aneddoti e progetti importanti della loro vita proiettando il visitatore verso vite e parole, ben al di là dei  6 miliardi di essere umani da cui prende il nome la mostra.Tel : +33 (0)2 23 40 66 00www.leschampslibres.fr

Festival « Tombées de la Nuit »Sons publicsInizio luglio  2009 Il festival dell'arte di strada presenta numerose creazioni artistiche nei luoghi che normalmente non sono destinati allo spettacolo, una programmazione che ogni anno diventa più eterogenea, audace e coraggiosa (musica, teatro, arte d'immagine, arte del suono, arte di strada, circo). Una vera festa popolare, un evento reale che in una settimana gioca a re-inventare la cittadina, quartieri periferici e centro città, attraverso suoni, gesti e allestimenti in sale o in “location” tutte da scoprire. www.lestombeesdelanuit.com

Festival « Les Transmusicales »1° weekend di dicembre 2009

Un Festival di musica contemporanea. Da 30 anni, il festival promuove una selezione dei diversi generi musicali, dal rock a l'elettro, passando dal rap, funk, pop o  jazz.www.lestrans.com

Come arrivare a RennesIn treno:La stazione ferroviaria di Rennes è raggiunta da numerosi treni. Inoltre è possibile raggiungere Rennes in sole 2 ore da ParigiIn aereo:L'aeroporto di Rennes Saint-Jacques si trova a soli 8 km dal centro di Rennes In auto:Le strade per raggiungere Rennes sono: RN 157, 137 e 12Per maggiori informazioni su Rennes

www.tourisme-rennes.comUfficio del Turismo di RennesEspace Saint-Yves11 rue Saint-Yves35000 RennesTel: 0033 (0)2 99 67 11 11Fax: 0033 (0)2 99 67 11 00E-Mail: infos@tourisme-rennes.com