Rassegna stampa Goût de / Good France 2015

Published on 10 novembre 2015
  • Jules Vernes, piatto di capesante Saint Jacques – J’aime Paris

    Jules Vernes, piatto di capesante Saint Jacques – J’aime Paris

    © Pierre Monetta

  • Vue New-York - J’aime New-York

    Vue New-York - J’aime New-York

    © Pierre Monetta

  • Vue Londres – J’aime Londres

    Vue Londres – J’aime Londres

    © Pierre Monetta

  • ABC Kitchen – J’aime New-York

    ABC Kitchen – J’aime New-York

    © Pierre Monetta

  • DBGB - J’aime New-York

    DBGB - J’aime New-York

    © Pierre Monetta

Rassegna stampa Goût de / Good France 2015 it

Scarica il bilancio dell'edizione 2015 >>

Goût de/Good France

- Good France: 1.000 chefs, 1.000 menù in 5 continenti, www.imafestival.com

- Le déjeuner des ambassadeurs, Paris Match, 04.09.14

Doc pdf 
« In Francia, dichiara Fabius agli ambasciatori, « turista » non è un’ espressione molto positiva. E ugualmente, quando in politica si parla di « cucina » è assai negativo! Dobbiamo rivalutare tutto questo! » 

- Un dîner mondial pour rendre hommage à la cuisine française, L’hôtellerie Restauration,  09.09.14

Doc pdf
« Il sostegno del governo attraverso organismi come Atout France ma anche delle ambasciate di Francia in tutti i paesi del mondo è una première di cui Alain Ducasse si compiace. »

- La promotion touristique passe à table, L’Echo touristique, 05.09.14

Doc pdf
« Una mobilizzazione della rete diplomatica che prova, se mai ce ne fosse bisogno, che la promozione turistica è ormai parte integrante delle mission del Quai d'Orsay. « Il turismo è per definizione l’ambasciatore della Francia », ha dichiarato Laurent Fabius agli ambasciatori francesi, riuniti il 29 agosto a Parigi per la loro conferenza annuale. Prima di concludere, come un maestro con i suoi allievi : « Vi chiedo di impararlo subito ».

- Goût de France – Good France sera lancé le 19 mars 2015, Food&Sens, 06.09.14

 

Tema Gastronomia e Turismo

- Fabius impressionne les professionnels du tourisme, Challenges.fr, 30.09.14

« Nel 2013, il numero di turisti esteri arrivati in Francia ha raggiunto gli 84,7 milioni, con un incremento del 2% rispetto all’anno precedente. E la durata del soggiorno si è estesa. C’è di che rallegrarsi, ma si tratta di un successo fragile. »

- Les recettes du gouvernement pour doper le tourisme, Les Echos, 19.06.14

« La Francia, fra una trentina di altre misure dettagliate da Fabius, crea « cinque poli d’eccellenza  », per « accrrescere la visibilità e la leggibilità  » dell’offerta e perchè gli attori del turismo si mobilitino « attorno a priorità condivise  », ha indicato il  ministro. I cinque poli saranno la gastronomia e l’enoturismo, lo sport e la montagna, l’ecoturismo, i savoir-faire (come l’artigianato e il lusso) e il  turismo urbano. »

- Soyons les ambassadeurs de notre gastronomie, Huffington Post, 25.09.14

« Oltre al suo valore culturale e identitario, la gastronomia ha una dimensione e un peso economico importanti : 800 000 addetti per 135 000 imprese, con un fatturato di 145 miliardi di euro. Riunisce moltissimi operatori professionali di diversi settori : ristoratori, artigiani, chef, commercianti, ma anche gli agricoltori. E’ così che dal forcone alla forchetta, la grande catena della gastronomia è scandita dall’amore per i gesti e il savoir-faire, dall’innovazione e dalla tradizione. » 

- La cuisine française perd de son influence dans le monde, Le Monde, 23.06.14 

« Per riuscire a riconquistare la sua influenza, la cucina deve giocare sulla comunicazione, il marketing e l’internazionalità. La cucina francese deve riuscire a proiettarsi all’estero. Non può più aspettare che si venga a lei, la sua influenza si gioca nei festival e i congressi gastronomici nel mondo, dagli editori di libri di cucina in inglese e presso la stampa internazionale. »

Green Cuisine sweeps the fleshpots of Paris, Wineportfolio, 26.09.14 

« Curiosamente, il desiderio degli chef di concentrarsi maggiormente sulle verdure, non ha niente a che fare con la filosofia vegetariana. E’ semplicemente il riconoscimento che per troppo tempo le verdure sono state relegate ben dietro le carni. Non c’è niente di umile in queste verdure oggi in primo piano. »

- Œnotourisme : monter à Solutré, descendre un Pouilly-Fuissé, Le Monde, 15.10.14

« Mai l’enoturismo ha conosciuto il successo di oggi. Più di 8 milioni dei suoi adepti soggiornano ogni anno fra i vigneti francesi, approfittando di oltre 10 000 cantine aperte al pubblico. Niente sembra ormai poter frenare lo sviluppo di questo tipo di turismo che affascina sia i Francesi (uno su cinque sceglie la propria destinazione di vacanza perchè è legata al vino) che gli stranieri (uno su tre viene in Francia per il vino e la gastronomia). »

- La gastronomie française s’invite à la 15ème foire internationale de l’ouest de la Chine, French.china.org, 11.10.14 

Uno scambio di culture gastronomiche tra la Francia e la Cina a Chengdu nell’ambito della 15a edizione della Fiera internazionale dell’Ovest della Cina (WCIF), che si è svolta dal  23 al 26 ottobre. In onore del 50° anniversario dell’apertura delle relazioni diplomatiche fra i due paesi cinque grandi chef francesi, fra cui il tre stelle Michelin Christian Le Squer, hanno offerto agli abitanti di Chengdu una festa internazionale di gran livello.

Maggiori informazioni