Attività a contatto con la natura nel Midi-Pirenei

  • Il Giardino dei Sensi a Castelfrancs

    Il Giardino dei Sensi a Castelfrancs

    © ATOUT FRANCE/Philippe Imbault

  • Mandria di mucche sull'Altipiano dell'Aubrac

    Mandria di mucche sull'Altipiano dell'Aubrac

    © ATOUT FRANCE/Patrice Thébault

  • Escursioni sulle rive delle Laquettes - Massiccio Néouvielle

    Escursioni sulle rive delle Laquettes - Massiccio Néouvielle

    © ATOUT FRANCE/Hervé Le Gac

  • Parco di Ségur nell'Aveyron

    Parco di Ségur nell'Aveyron

    © ATOUT FRANCE/Patrice Thébault

  • Causse Comtal - Rifugio di pietra

    Causse Comtal - Rifugio di pietra

    © ATOUT FRANCE/Droits réservés

Attività a contatto con la natura nel Midi-Pirenei 31000 Tolosa fr

Dalle Causses (contrafforti sud e ovest del Massiccio Centrale) ai Pirenei, dai territori catari (tra Albi e Tolosa) alle campagne d’Armagnac (Gers), la regione del Midi-Pirenei coniuga paesaggi e atmosfere unici. Numerosi Parchi Naturali Regionali testimoniano questa pluralità, dall’Aveyron all’Ariège. Il Parco Nazionale dei Pirenei protegge e valorizza l’integrità delle alte cime e delle valli profonde, un ambiente naturale montano unico. I numerosi Grands Sites de France aggiungono ancora più fascino a questa vasta ed eclettica regione. Per i Pirenei si ricordano, ad esempio, le cascate del ponte d’Espagne o del Circo della Gavarnie, il Pic du Midi de Bigorre o ancora la vetta del Vignemale ecc. Per le Causses, c’è il Gouffre de Padirac e Rocamadour ecc. 
Tanti sono i paesaggi unici e grandiosi dove la pratica dell’escursionismo o della bicicletta è un vero e proprio piacere. 

Le escursioni a piedi 

L’escursionismo riveste un’importante dimensione nel Midi-Pirenei, ad esempio con il GR 10 che conduce dal Mediterraneo all’Atlantico. Ci si può accontentare di percorrerne qualche tratto particolarmente meritevole: verso i laghi del massiccio di Néouvielle, nelle valli d’Aure, del Louron, d’Azun ecc. Il GR 65 resta, invece, l’asse principale dei cammini per Compostela e passa per la valle del Célé e Conques (in Aveyron). Il GR 36 percorre, in particolare, la meravigliosa valle del Lot, toccando Cahors e Moissac. 

Il cicloturismo

Gli amanti della bicicletta troveranno molte attività di loro interesse nel Midi-Pirenei. Da Tolosa, la città rosa, una Via Verde segue la superba linea blu del Canal du Midi, per 40 km in direzione est, verso Castelnaudary. A nord, gli argini della Garonna offrono anch’essi numerosi percorsi ciclabili. A sud, una strada ciclabile si sviluppa da Carbonne, verso Saint-Gaudens e il sito storico di Saint-Bertrand-de-Comminges. Nel cuore dei Pirenei, la Via Verde dei Gaves (17 km) collega Lourdes a Pierrefitte-Nestalas, passando per Argelès-Gazost. Il percorso è dotato del marchio “Tourisme et Handicap”. Quanto alla Via Verde “Passa Païs”, si sviluppa per 54 km a partire da Mazamet (nel Tarn). 
Anche la mountain-bike trova riveste un significativo spazio nel Midi-Pirenei, con dei circuiti FFC (Fédération française de cyclisme) e dei percorsi dotati di segnaletica, ripartiti negli 8 dipartimenti regionali. I cicloturisti più accaniti avranno di che mettersi alla prova, salendo per i mitici colli del Tour de France: Aspin, Tourmalet, Peyresourde ecc. 

Le vie navigabili

Il Canal du Midi rappresenta l’emblema del turismo fluviale in Francia, forte della sua storia, di scenari unici (ad esempio verso il Seuil de Naurouze) e di opere d’arte riconosciute, ovvero le sue eccezionali e ingegnose chiuse. Una péniche trasformata in chambre d’hôte o una barca a noleggio sono a disposizione lungo tutto il percorso. 

Un universo bucolico davvero unico, tutto da scoprire… 

 

Related videos

 
 

Sponsored videos