Attività a contatto con la natura nel Rodano-Alpi

  • Escursionisti vicino ad un laghetto in altitudine - Massiccio della Maurienne

    Escursionisti vicino ad un laghetto in altitudine - Massiccio della Maurienne

    © ATOUT FRANCE/Hervé Le Gac

  • Il Pont d'Arc - punti di partenza per le Gole dell'Ardèche

    Il Pont d'Arc - punti di partenza per le Gole dell'Ardèche

    © ATOUT FRANCE/Fabrice Milochau

  • Marmotta nelle Alpi

    Marmotta nelle Alpi

    © ATOUT FRANCE/Pascal Gréboval

  • Piccolo paesino sulle rive del lago di Annecy

    Piccolo paesino sulle rive del lago di Annecy

    © ATOUT FRANCE/Jean François Tripelon-Jarry

  • Escursionista che prende il sole - Alpi

    Escursionista che prende il sole - Alpi

    © ATOUT FRANCE/Pascal Gréboval

  • Chalet in montagna - Alpi

    Chalet in montagna - Alpi

    © ATOUT FRANCE/Martine Prunevieille

Attività a contatto con la natura nel Rodano-Alpi 69000 Lione fr

Dalle due sponde del fiume fino alle più alte vette, dalle vigne della Drôme e le gole dell’Ardèche ai ghiacciai del Monte Bianco, dagli stagni della Dombes (nell’Ain) alle cime della Vanoise, la regione del Rodano-Alpi è fonte d’emozioni e offre spettacolari paesaggi e un ventaglio d’attività a contatto con la natura.
Il Rodano-Alpi può vantare la presenza di 5 Parchi Naturali RegionaliMonts du Pilat e Monts d’Ardèche da una parte; tre massicci prealpini dall’altra: Vercors, Chartreuse, Bauges. Questi bastioni di roccia calcarea ospitano elementi paesaggistici grandiosi (canyon e falesie, creste montuose aguzze, altipiani da pascolo). E dire poi dei due parchi nazionali, tra Dauphiné-Ecrins e Savoia, veri e propri santuari della natura alpina!
Le bellezze e il prestigio della zona del Monte Bianco, da Chamonix a Megève, completano questo quadro montano d’eccezione. Nelle valli aleggiano ritmi dolci grazie all’atmosfera da “Riviera” dei grandi laghi di Annecy e del Bourget / Aix-les-Bains. Un ecclettismo stupefacente! 

Le escursioni a piedi

Tra colline e montagne, il Rodano-Alpi offre la possibilità di escursioni in un contesto naturale molto vario. Il sentiero di grande randonnée GR 5 (detto anche GTA) attraversa tutti i vigorosi massicci alpini, dal Lago Lemano al Mercantour, dando vita a numerosi percorsi “satellite”, come il GR 55 (Tour della Vanoise) o il GR 50 (Tour degli Ecrins), attraverso alpeggi e impressionanti cumuli sassosi. Il GR 9, invece, conduce alla scoperta dei massicci delle Prealpi, dal Chablais al Diois. Inoltre, un numero quasi infinito di sentieri si trova in zone come il Beaufortin e sui versanti della Haute-Maurienne (Alta Moriana). Senza dimenticare, infine, l’Ardèche, che con il GR 4, il GR 7 e altri percorsi di grande randonnée può vantare 1.400 km di sentieri dotati di segnaletica. Spesso gli escursionisti si concedono anche delle deviazioni, scoprendo con un accompagnatore i segreti della natura e tentando, con una guida esperta, scalate audaci, talvolta fino ai 4.000 metri d’altezza! 

Il cicloturismo

Gli altipiani del Vercors o i rilievi meridionali della Drôme sono punti di riferimento per gli agguerriti amanti della mountain-bike. Si contano anche numerosi luoghi insigniti di marchi e delle idee d’itinerario, che giungono fino agli avvallamenti del nord dell’Isère o dell’Ain. La riservata pista ciclabile che costeggia le rive del lago di Annecy fa parte delle classiche Voies Vertes (Vie Verdi). Vi sono anche altri percorsi, come la Voie Verte del Beaujolais e dei tratti della futura “Via Rhôna”.

Tra Rodano e Alpi, le risorse naturali sembrano davvero inesauribili… 

 

 

Related videos

 
 

Sponsored videos