Chambéry, un tocco d’Italia

  • Castello dei Duchi di Savoia, Sainte-Chapelle

    Castello dei Duchi di Savoia, Sainte-Chapelle

    © G. Garofolin Chambéry Tourisme & Congrès

  • La Rotonde SNCF

    La Rotonde SNCF

    © G. Garofolin Chambéry Tourisme & Congrès

Chambéry, un tocco d’Italia chambery fr

Così vicina, così comoda da raggiungere, a un’ora dal traforo del Fréjus, Chambéry, da sempre legata all’Italia, rivela le sue atmosfere di antica capitale della Savoia… Un tuffo nella storia nel cuore delle Alpi.

Chambéry coniuga le infrastrutture di una grande città contemporanea con numerosi edifici storici.

È un piacere perdersi nelle pittoresche stradine dalle case colorate di quella che è stata la capitale dei Duchi di Savoia. Il logo della città è proprio il Castello dei Duchi di Savoia, con il gioiello della Sainte-Chapelle, che ha custodito la Santa Sindone prima del trasferimento a Torino.

Sparsi per il centro numerosi palazzi nobiliari in stile piemontese, i portici, la cattedrale, con la più grande raccolta di pitture a trompe-l’oeil d’Europa, la Fontana degli Elefanti, il Gran Carillon con 70 campane… Da non perdere il Museo di Belle Arti, con una ricca collezione di pittura italiana dal XIV al XVIII secolo, che ospita fino al 24 agosto la mostra “Re e mecenati, la Corte dei Savoia e le forme del rococò”, e Les Charmettes, la residenza di campagna del filosofo Jean-Jacques Rousseau, deliziosamente romantica. Una visita curiosa quella della Rotonda Ferroviaria, costruita agli inizi del ‘900, 108 m di diametro e una copertura di metallo stile Eiffel, classificata monumento storico. La città mostra pure un volto contemporaneo, con architetture firmate da Mario Botta e dalla Scuola Ticinese.

Arte di vivere & scoperte

Animata tutto l’anno da festival, saloni, esposizioni, spettacoli… Chambéry è un vero centro commerciale all’aperto con più di 1.200 negozi per tutti i gusti. Souvenir imperdibile le specialità locali: i celebrati vini e formaggi di Savoia, il vermut di Chambéry, una scoperta, i tartufi di cioccolato, nati proprio qui… e l’Opinel, ilfamoso coltello savoiardo.
Una città perfetta per un soggiorno nel segno dell’arte di vivere alla francese che si declina fra castelli-alberghi e hotel di charme e ristoranti che utilizzano prodotti del territorio, come i ristoranti aderenti all’associazione Tables de l’Alpe e il ristorante Côté Marché dello chef Alexandre Ongaro, stellato Michelin.
All’Ufficio del Turismo, proposte su misura per soggiorni di charme, per tutte le tasche.

Natura in grande stile

Chambéry è una base ideale per scoprire le montagne e i laghi alpini, d’estate o d’inverno.
Tutti i piaceri dell’acqua sul lago di Bourget, con l’Abbazia di Hautecombe dove sono sepolti i sovrani di Casa Savoia e l’ultimo re e regina d’Italia. E a due passi si trovano le più grandi stazioni sciistiche delle Alpi francesi e i grandi parchi naturali.
››› www.chambery-tourisme.com

Expo Milano 2015