La gastronomia si stabilisce sul green

  • © Chateau de Taulane

La gastronomia si stabilisce sul green

Più che uno sport o un semplice passatempo, il golf è veramente uno stile di vita. Si dice spesso che il golfista sia un epicureo, un amante delle belle cose e della buona tavola. Molti sono i club ai quali sono associati dei grandi ristoranti

Quando la gastronomia si stabilisce sul green

Da qualche anno, per soddisfare i golfisti epicurei, è stato sviluppato il concetto di golf-resort, dei complessi alberghieri installati attorno ai campi. Il principio è semplice, di proporre dei soggiorni di breve o lunga durata coniugando la pratica del golf con i piaceri della tavola.. idealmente in contesti prestigiosi e su fairway d’eccezione !  Giocare sui migliori campi da golf dilettandosi con grandi vini e gastronomia francese, un concetto in pieno sviluppo.

I grandi chef stellati son molto richiesti dai proprietari dei complessi, alla maniera di Laurent Couturier, che nel 2008 si è fermato in Borgogna al Castello di Chailly, forte di una ricca esperienza in merito alta cucina (Guy Savoy, Michel Rostang, le Château d’Igé, La Tour Rose, Greuze…). I golf club offrono oggi menu degni dei più grandi ristoranti della Francia.

Alain Ducasse, figura emblematica della cucina francese, censisce d’altronde molti golf club tra le « Tables remarquables » (tavole notevoli), una selezione delle migliori tavole della Francia che hanno tutte in comune la passione, la sensibilità e la capacità degli chef odierni ».

Golf gastronomici in ogni angolo della Francia

Sulle rive del fiume Tarn (Midi-Pirenei) e della vecchia città storica, il ristorante del Golf d’Albi creato nel 1989 dal celebre golfista Jean Garaïalde ti apre le porte del sapore con il suo ristorante « La Table du Golf ». Forte di un bell’accento del sud-ovest, la sua cucina si declina attraverso una celebre costata di manzo cotto con fuoco a legna,e una sottile sfoglia di dorso di luccioperca e la sua crema alla Girolle.


Le Massou è un sito in evoluzione, con il suo ristorante raffinato e un complesso – putting green (compatto di 8 buche), completato a inizio 2010 da un « pitch and putt”. Il tutto a mezz’ora da Tolosa, direzione Castres. Gli Amanti del grand cru dovrebbero optare per il  Golf du Médoc o il Relais Margaux e partire alla scoperta di vini di alto livello.

Tra il canto delle cicale e il blu turchese del mediterraneo, la Provenza incanterà anche i golfisti amanti della gastronomia. In un favoloso paesaggio boscoso di 87 ettari, il restaurant des Terrasses dell’Hôtel-Golf du Barbaroux di Brignoles offe una visita del territorio del Var e della Provenza grazie ad una cucina ispirata ai prodotti del territorio mediterraneo. Ai piedi del massiccio di Sainte Baume e del centro di golf internazionale che porta il suo stesso nome, il Domaine de Chateauneuf offre ai suoi ospiti i piaceri della cucina provenzale

Un po’ isolato a nord di Grasse (capitale dei profumi della Costa Azzurra), servito dalla strada Napoléon (verso Castellane), il Castello di Taulane conta percorsi e ristoranti di qualità .

Più centrale, l'Hôtel-Golf di Saint-Junien, in Limosino è dotato di un bel campo da 18 buche, di un albergo a 3 stelle e di un ristorante (les Jouberties) che promettono un momento piacevole. Il ristorante diretto da un duo di chef franco-olandesi, valorizza i prodotti locali.

Si possono inoltre citare il Club Albatros de Rochefort-en-Yvelines, il Château-Golf de Bournel o ancora il golf de Coudray-Montceaux... 

Golf ed enologia

Le tue passioni sono il golf e il buon vino ma non hai mai potuto coniugare le due cose ? Buone notizie per te: potrai scoprire contemporaneamente i grand crus e i migliori green francesi !

Da un lato una bevanda ancestrale che rende orgogliosa la Francia dal 600 a.C. epoca dei primi vigneti. Dall’altra uno sport di origine scozzese che raccoglie sempre più seguaci. Il primo campo da golf in Europa venne costruito nel 1856.

Dunque, a priori poche cose collegano il golf con il vino.  A priori soltanto. In effetti in questi ultimi tempi molti sono i professionisti in Francia che hanno notato  la passione degli amanti del vino per il golf e vice versa.  Ecco com’è nato il brillante concetto che ormai viene proposto dalle grandi regioni vinicole francesi: associare golf e il buon vino, e permettere ai golf-trotters di praticare il loro sport preferito, scoprendo il patrimonio della Francia.

In Alsazia: assaggia dei succulenti vini bianchi

Sulla famosa Strada dei vini, 7 magnifici campi da golf si sono riuniti nell’associazione Golfs in Alsace per offrire bellissimo percorsi nel cuore di questa magnifica regione.

Scopri Bordeaux  e i suoi deliziosi rossi

A meno di un’ora dalla città storica di Bordeaux ci sono 20 campi da golf gestiti da 12 club che ti aspettano per giocare e degustare. I migliori vini da scoprire direttamente presso i proprietari sono stati selezionati dai direttori dei golf.club stessi essendo dei grandi intenditori.

La Provenza offre i suoi rosé senza paragoni

Freschi, fruttati e atipici, i vini di questa regione lasciano in bocca un bouquet indimenticabile. Per gustarli dopo aver giocato una partita, puoi acquistare il « Golf Pass Provence », che ti darà accesso a 15 green notevoli della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra ripartiti in 5 dipartimenti: Bouches-du-Rhône, Var, Alpes de Haute-Provence, Hautes-Alpes e Vaucluse.

Da assaporare con moderazione…