Itinerario tra mulini e chiese romaniche

  • © CDT Dordogne-Périgord

Itinerario tra mulini e chiese romaniche Dordogne-Périgord fr

Punto di partenza : Brantome, Soprannominata la  «Venezia Verde del Périgord »
Giro a monte della Côle
Direzione Villars, per visitare il castello di Puyguilhem, paragonabile per il suo stile Rinascimentale ai castelli della valle della Loira, a meno che le grotte a concrezioni di Villars ti attirino di più. Potrai proseguire verso il villaggio di St Jean de Côle, contemporaneamente medievale e rinascimentale (la chiesa St Jean Baptiste, il castello La Marthonie, villaggio inserito tra i villaggi più belli della Francia).

Strada turistica in val di Dronne: 
Dopo Brantome prendere la direzione di Bourdeilles. Per visitare il villaggio, il suo mulino il suo mulino a forma di barca e la sua fortezza feudale. È l’occasione di partire alla scoperta dei mulini ad acqua che furono costruiti per lo sfruttamento dell’energia idraulica per macinare il grano, pressare l’olio,  fabbricare la pasta per la produzione della carta… è il caso della Maison de la Dronne a Montagrier (XII secolo), Mulino della Pauze a Saint Méard di Dronne o del Mulino di Rochereuil a Valeuil.

Il percorso delle chiese a cupola del Ribéracois 
Alla partenza da Ribérac, questo itinerario è d’obbligo per tutti coloro che amano l’arte romanica (Grand-Brassac, Faye, Saint-Privat-des-Prés…): 200km che collegano una trentina di chiese solide, sobrie e rassicuranti, coperte il più delle volte da cupole e da dispositivi di difesa. Perfettamente integrate nel territorio e nei villaggi per la loro sobrietà, tutte queste chiese pongono tuttavia l’enigma dell’origine delle loro cupole!