Lille e l’avanguardia del Nord-Pas de Calais

  • © Garry Cass et Donna Franklin / Photo Ray Scott

  • Palazzo delle Stelline

    Palazzo delle Stelline

    © Institut Français Milano

  • Squame di pesce

    Squame di pesce

    © Umorfil

  • Germogli di fragola

    Germogli di fragola

    © Carole Collet

Lille e l’avanguardia del Nord-Pas de Calais Lille fr

Lille è una città sorprendentemente dinamica, innovativa e in continuo divenire, sospesa fra storia e contemporaneità.

Il monumentale Beffroi, la torre dell’Hôtel de Ville - 104 m di altezza, Patrimonio Unesco - il museo di Belle Arti, la vecchia Borsa, la cittadella, le case fiamminghe del Vieux Lille, la Grande Place… E accanto, i quartieri futuristi di Euralille, l’atmosfera calorosa degli estaminet (www.lilletourism.com). Lille ha tanti volti e con il progetto lille3000 ogni autunno si trasforma e si reinventa in chiave di metamorfosi urbane, fra eventi, grandi mostre, design e artisti da tutto il mondo.

E in quest’anno di Expo, Lille porta in Italia, a Milano, tutta la sua creatività e originalità, la cultura, l’arte di vivere, le innovazioni e la gastronomia. Nello scenario d’eccellenza del Palazzo delle Stelline, dal 1° maggio al 14 luglio, Lille sarà così protagonista della programmazione

CITÉXPO. Un allestimento ludico e creativo

Francis Kurkdjian, gran naso della profumeria francese, collaboratore di lille3000, colloca all’interno e all’esterno del Padiglione France / Lille Europe dei vaporizzatori dagli odori delicati, ispirati allo sfumato di Leonardo da Vinci. Nel chiostro del Palazzo delle Stelline, un Caravan Chic, creato dagli architetti Jérôme de Alzua ed Eric Buys, in collaborazione con la Maison Meert e lille3000, trasforma un caravan vintage in un luogo di creatività culinaria d’eccellenza. Maxime Schelstraete, chef di Meert, proporrà qui zuppe, tartine e le famose gaufres Meert, un’istituzione a Lille.

Choi Jeong Hwa, artista coreano eclettico, ha creato nel chiostro un fiore di loto gonfiabile, un’installazione gigantesca che richiama quelle presenti nella mostra Textifood, mentre l’architetto Patrick Nadeau, ha realizzato qui “Rain Forest”, con cupole sospese che ricreano l’atmosfera di una giungla esotica.

Textifood, il tessile incontra il food

Un altro grande plus di Lille e della regione Nord-Pas de Calais è il tessile, una tradizione storica, che a Milano in sintonia con il temaconduttore dell’Expo “Nutrire il Pianeta” si abbina alle eccellenze nel settore agro-alimentare. Nasce così Textifood, mostra allestita al Palazzo delle Stelline dal 1° maggio al 14 luglio, un nuovo approccio al tessile del futuro. L’elenco è lungo: frutta (arance, limoni, ananas, banane, noci di cocco), ortiche, alghe, champignon, caffè, riso, soia, mais, barbabietole, vino, birra, frutti di mare e crostacei possono infatti essere mangiati, bevuti e... tessuti! Textifood presenta tessuti fatti di fibre vegetali, di cui una parte è commestibile e l’altra viene tessuta. Un utilizzo dalle molteplici prospettive di sostenibilità ambientale, nell’ottica  dell’Expo. Le creazioni tessili, realizzate in collaborazione con scuole, aziende, designer e stilisti, verranno proposte secondo un progetto-spettacolo, fruibile anche dal pubblico. Per nutrire, vestire e soprattutto salvare il Pianeta.

Un evento “rinascimentale”

Dal 26 settembre 2015 al 17 gennaio 2016 appuntamento a Lille (e in 75 comuni di Lille Métropole) per la nuova edizione di lille3000: Renaissance. Dopo Bombaysers de Lille, Europe XXL e Fantastic, il nuovo progetto di lille3000 è un’immersione totale per 4 mesi nel cuore delle città del mondo in pieno Rinascimento.

Renaissance punta a presentare la vitalità del mondo di oggi. Parate, grandi mostre, metamorfosi urbane, nuovi modi di stare insieme, feste, spettacoli, design, food, eventi inediti, artisti internazionali… E soprattutto incursioni nelle città più dinamiche del mondo, in piena rinascita: Rio, Detroit, Eindhoven, Seul e Phnom Penh. Sul modello del Rinascimento storico del Cinquecento, contrassegnato da un grande rinnovamento intellettuale e artistico, anche questo inizio di XXI secolo vede la ricerca di un nuovo equilibrio, caratterizzato da invenzioni e innovazioni che puntano verso la città del futuro e nuove forme d’arte e di espressione.

È questa la filosofia di Renaissance. Che accanto a mostre di artisti delle città “rinate” del mondo, vede anche la realizzazione di una fattoria urbana, i cafés-renaissance… una nuova convivialità tutta da vivere. Il programma completo di Renaissance su ›››www.lille3000.com

Articoli correlati

Expo Milano 2015

Cosa vedere

Nei dintorni