Melone dell'Haut-Poitou

  • Melone Haut-Poitou

    Melone Haut-Poitou

    © Melon du Haut-Poitou

  • Melone Haut-Poitou

    Melone Haut-Poitou

    © Région Poitou-Charentes/ Jacques Villégier

Melone dell'Haut-Poitou haut-poitou fr

Esiste un piatto estivo che non sia a base di melone, che si tratti di aperitivo, antipasto o dessert?

Profumato, dolce, leggero, facile da preparare. Ecco un frutto che riscuote consensi e che segna il ritorno delle belle giornate già da giugno e che può essere consumato fino a settembre, con specie più dolci che hanno fatto un bagno di sole.

Il melone dell’Haut-Poitou, che nel 1998 ha ricevuto l’IGP (Indicazione Geografica Protegga), gode di una reputazione e di una notorietà tali che può permettersi di comparire nell’inventario del patrimonio gastronomico francese.

Oggi la tradizione del melone è continuata da 16 produttori, uniti ne “les Maîtres du melon du Haut-Poitou”.

Consumo

Scorza verde pallido con striature gialle o “ricamato”, polpa color arancio, sceglierlo è una vera e propria arte.

Lo si preferisce pesante, carico d’acqua, con un picciolo incrinato o leggermente staccato, segno che il frutto è maturo.

Un melone profumato, ma non in modo esagerato, avrà migliori possibilità di avere tutte le carte in regola. E poi è questione di fortuna, ma anche di stagione e produttore.

Meglio sceglierlo pronto per essere consumato il giorno stesso o in tempi brevi, visto che la conservazione in frigorifero non è efficace.