Regolamentazione d'accesso alle Zone a Circolazione Ridotta in Francia

  • Categorie bollino Crit'Air

    © Crit-Air.fr / Green Zones GmbH

    Categorie bollino Crit'Air

    © Crit-Air.fr / Green Zones GmbH

  • Inizio e fine della zona ZCR

    © Crit-Air.fr / Green Zones GmbH

    Inizio e fine della zona ZCR

    © Crit-Air.fr / Green Zones GmbH

Regolamentazione d'accesso alle Zone a Circolazione Ridotta in Francia

Bollino Crit'Air. Ecco di cosa si tratta

Dal 1° Luglio 2016, in Francia, è stato introdotto un bollino ambientale denominato Crit'Air. L'obiettivo principale dell'azione è quello di ridurre, passo dopo passo, le emissioni e gli inquinanti atmosferici, incentivare i nuovi veicoli a basso consumo ed eliminare gradualmente dalla circolazione i vecchi veicoli inquinanti. 

6 le categorie previste, identificate con colori differenti e attribuite a seconda dell'anno di immatricolazione, dell'efficienza energetica e delle emissioni del veicolo. 

Con l'introduzione del bollino Crit'Air si punta a ridurre, in primo luogo, le emissioni di ossidi di azoto (NOx) e di polveri sottili.

Il nuovo bollino Crit’Air è stato inizialmente introdotto a Parigi il 1° luglio 2016 e, a partire dal 1° novembre, è entrato in vigore anche nell’area metropolitana di Grenoble.

Fino al 31 dicembre 2016 vigerà un periodo di tolleranza durante il quale non saranno emesse sanzioni di alcun tipo. A partire dal 1° gennaio 2017 potranno però scattare le prime multe. Gli importi potranno variare da 68 € a 375 €.

A partire dal 15 gennaio 2017, i veicoli non immatricolati in Francia, vale a dire i veicoli dei turisti e quelli destinati allo scambio commerciale UE, dovranno munirsi di bollino Crit'Air in caso di accesso ad una zona ambientale francese Zones à Circulation Restreinte (ZCR). Le automobili e gli autocarri non immatricolati in Francia dovranno pertanto attendere il nuovo anno per acquistare il bollino.


Il bollino Crit'Air e i vari tipi di veicolo 

Il primo passo per capire quale tipo di bollino Crit'Air applicare sul veicolo è classificare il veicolo stesso. La nomenclatura è basata sulle emissioni inquinanti delle autovetture, dei 2 e 3 ruote e dei quadricicli pesanti (autobus compresi) e comprende 5 categorie, a seconda del motore dell'età del veicolo. Alle 5 categorie se ne aggiunge una specifica, riservata ai i veicoli elettrici.

Categoria 0, bollino verde: il bollino verde è riservato ai veicoli a motore a zero emissioni: 100% elettrico e idrogeno.

Categoria 1, bollino viola: il bollino viola è riservato ai veicoli a benzina o ibridi in commercio a partire dal 1° gennaio 2011 e che soddisfano gli standard Euro5 ed Euro6. Tutti i veicoli diesel sono esclusi, anche i più recenti.

Categoria 2, bollino giallo: il bollino giallo è destinato ai veicoli a benzina Euro4 (2006-2010) e diesel Euro5 e Euro6 (a partire dal 1° gennaio 2011).

Categoria 3, bollino arancio: il bollino arancio è per i veicoli benzina Euro2 e Euro3 (1997-2005), e i diesel Euro4 (2006 al 2010).

Categoria 4, bollino marrone: il bollino marrone è destinato a tutte le vetture diesel lanciate sul mercato tra il 2001 e il 2005, rispondenti alle norme Euro3.

Categoria 5, bollino grigio: il bollino grigio è per tutti i veicoli diesel messi in commercio tra il 1997 e il 2000 e rispondenti alle norme Euro2.

Nessun bollino: alcuni veicoli non rientrano in nessuna delle categorie Crit'Air e per questa ragione non hanno diritto a nessun bollino. Rientrano in questa categoria tutte le vetture Euro1 immatricolate prima del 1° gennaio 1997.

E i veicoli stranieri?

Come anticipato, i veicoli non immatricolati in Francia, vale a dire i veicoli turistici e i veicoli stranieri, avranno anch'essi l'obbligo di apporre il bollino Crit'Air. Il bollino sarà acquistabile a partire dal 1° febbraio 2017. Gli automobilisti stranieri potranno ordinare il proprio bollino sul seguente sito: www.certificat-air.gouv.fr
Il bollino verrà recapitato entro 5 giorni lavorativi e dovrà necessariamente essere posizionato sul veicolo. Tuttavia, durante le attività di controllo, le forze di polizia saranno clementi nei confronti degli automobilisti non muniti di bollino, pur incoraggiandoli ad ottenerlo nel più breve tempo possibilie. Il dispositivo è attualmente in fase di istruzione e non ci saranno sanzioni fino a quando il decreto governativo non verrà pubblicato. Il presente decreto verrà pubblicato intorno al 1° aprile 2017. Tuttavia, la circolazione di tutti i veicoli inquinanti (veicoli pre-1997) francesi o esteri, sarà d'ora in avanti vietata all'interno delle aree interessate. In caso d'infrazione, tali veicoli verranno multati.

Sanzioni per i veicoli inquinanti

  • 65 euro per i camion
  • 68 euro per gli altri veicoli

Link ai siti ufficiali

Zone a Circolazione Ridotta

Per circolare nelle Zone a Circolazione Ridotta (ZCR) è necessario essere dotati di bollino Crit'Air. Saranno le varie città a decidere quali categorie autorizzare all'entrata nelle zone ZCR. L'adesivo è attualmente obbligatorio solo a Parigi e Grenoble.

Zona a Circolazione Ridotta a Parigi

La prima Zona a Circolazione Ridotta è stata istituita a Parigi nel settembre 2015. Si estende su tutta la Parigi intramurale, senza prendere in considerazione le periferie, vale a dire le zone della tangenziale. L'accesso a questa zona è vietato ad autocarri e autobus immatricolati prima del 1° ottobre 2001. A partire dallo scorso luglio, l'ingresso alla Capitale è vietato anche ad auto e veicoli commerciali leggeri immatricolati prima del 1° gennaio 1997.

Zona a Circolazione Ridotta a Grenoble

Il 1 novembre 2016 ha visto l'introduzione di una nuova misura per la qualità dell'aria. Da quel momento in poi il bollino Crit'Air è obbligatorio anche per muoversi all'interno area metropolitana di Grenoble. L’area della cosiddetta “zona a tutela dell’aria” della metropoli di Grenoble si estende su una superficie lunga 30 km e larga 20 km e misura una dimensione totale di circa 600 km2. All’interno dell'area metropolitana che vede Grenoble come città principale, la nuova misura a tutela dell’aria si applica su tutte le strade urbane, extraurbane secondarie, superstrade e autostrade. La violazione delle misure in vigore nella zona a tutela dell’aria prevede l’applicazione di una sanzione ridotta (“Infrazione di classe 2”) pari a 35 €; nelle zone ambientali ZCR vigono invece le sanzioni previste per le “Infrazioni di classe 3”, con importi a partire da 68 €.

Future zone a Circolazione Ridotta

Queste le città che prevedono di introdurre nei prossimi anni le zone a Circolazione Ridotta:

  • Avignon
  • Arras
  • Annemasse
  • Bordeaux
  • Cannes
  • Clermont-Ferrand
  • Champlan
  • Côte Basque-Adour
  • Dunkerque
  • Dijon
  • Epernay
  • Faucigny, Glières, Bonneville
  • Lyon
  • Lille
  • Le Havre
  • Montpellier
  • Paris
  • Reims
  • Rouen
  • Saint-Etienne
  • Strasbourg
  • Saint Maur-des-Fossés
  • Toulouse
  • Vallée de la Marne

Maggiori informazioni