San Valentino e il linguaggio dei fiori

  • © Atout France/PHOVOIR

San Valentino e il linguaggio dei fiori France fr

Fin dall'antichità i fiori sono associati ai sentimenti affettivi. Già al tempo di Salomone, la rosa era il fiore simbolo dell'Amore, e Cleopatra copriva il suolo di petali di rosa prima di ricevere Marco-Antonio.

La tradizione di offrire dei fiori per San Valentino risale alla fine del XVI secolo. Durante un ricevimento per San Valentino, data da una figlia di Enrico IV, ogni ragazza ricevette un bouquet di fiori dalle mani del ragazzo che aveva scelto. Un uso ormai perduto volva che la forma del bouquet di fiori esprimesse l'affetto, l'attrazione o l'amore. 

Ma fu Lady Mary Wortley Montague, ll'ambasciatrice inglese di Costantinopoli, che introdusse il linguaggio dei fiori nel 1718 in Europa. Tutto poteva essere espresso con i fiori: i modi, l'amicizia, la passione, i rimproveri, le rotture...

Ormai ognuno può comporre il proprio messaggio d'amore con i fiori...

  • Così i timidi che non osano dichiararsi potranno, con un mazzo di violette, mostrare il loro amore nascosto
  • Così l'amante dal cuore tenero offrirà degli iris
  • Per quelli per cui nulla esiste fuorché l'amata, delle margherite 
  • E per chi brucia di passione un mazzo di rose rosse - Una donna che riceve dei tulipani ha fra le mani una dichiarazione d'amore 
  • Mentre dei gladioli le danno un appuntamento 
  • Il fervore amoroso è evocato dalle orchidee 
  • L'ardore dell'amore dai garofani
  • Il desiderio dalla bocca di leone
  • Chi è felice d'amare regalerà un azalea 
  • Un puro un fiore di giglio,
  • E chi è sincero una peonia
  • In vista del matrimonio l'edera simbolizza la fedeltà
  • Ma il fiore sacro alla maternità resta il lillà, fiore di Era, dea protettrice della donna e dei bambini.
  • Si può inviare anche un rimprovero con il ranuncolo,
  • Esprimere i suoi dubbi con il fiore di pisello odoroso


Offrire dei fiori può rivelare molte cose. Sappiate inoltre che ogni mese ha il suo fiore, così come il giorno: il fiore di febbraio è la primula e quella del 14 febbraio è il crocus.