Storia e festa del giorno di San Silvestro

  • © Atout France/Jean François Tripelon−Jarry

Storia e festa del giorno di San Silvestro

Un po’ di storia

In Francia il Capodanno non è sempre stato l’1 gennaio. L’anno nuovo comincia questo giorno solo dal 1564, con l’Editto di Rossiglione del 9 agosto 1564, quando re Carlo IX fissò l’inizio dell’anno per il 1 gennaio. In molte province, nei secoli VI e VII, il Capodanno veniva celebrato il 1° marzo. Durante il regno di Carlo Magno l’anno cominciava a Natale, e ai tempi dei re capetingi l’anno iniziava il giorno di Pasqua. Quest’usanza restò in vigore durante i secoli XII e XIII, e in alcune province anche fino al XV secolo. Dal momento che l’inizio dell’anno era diverso nelle varie province, i genealogisti dei re di Francia dovevano destreggiarsi con le date dei vari luoghi per raccontare la Storia: a Lione il primo giorno dell’anno era il 25 dicembre, mentre a Vienna era il 25 marzo. L’Editto di Carlo IX mise d’accordo tutti per il 1° gennaio.

Nel1622 questa misura fu generalizzata dal Papa per tutto il mondo cattolico, per semplificare il calendario delle feste religiose. Nel 1792 il calendario repubblicano ha abolito il 1° gennaio e fissato come primo giorno dell’anno il primo giorno della vendemmia.

L’anno inizia già con le festività

La tradizione vuole che la sera del 31 dicembre, cioè il giorno di San Silvestro, si organizzi un veglione. Questa serata la si può organizzare a casa propria, in famiglia o con gli amici, ma di solito è una serata danzante o al cabaret. Ai dodici rintocchi della mezzanotte la festa viene momentaneamente sospesa, e gli invitati e i festaioli nottambuli si fanno gli auguri di buon anno. Le prime bollicine di champagne si disperdono e gli occhi brillano….

Se le tradizioni venissero rispettate alla lettera ci si dovrebbe baciare sotto un rametto di vischio, abitudine che viene da una tradizione gallica e che promette prosperità per l’anno in arrivo.

Per le strade movimentate è tutto un concerto di clacson, trombette e sirene.

A Parigi, soprattutto nell’Avenue des Champs Elysées, il viale viene invaso da uno slancio d’amore. I turisti e i parigini si baciano e si abbracciano con la bottiglia di champagne in mano, sotto una pioggia di cotillon per celebrare il nuovo anno.

Maggiori informazioni