Tour de France 2015: dai Pirenei alle Alpi

  • Carcassonne

    Carcassonne

    © OT Carcassonne/ Paul Palau

  • Parc Clément Ader, Muret

    Parc Clément Ader, Muret

    © A.S.O

  • Cattedrale di Rodez

    Cattedrale di Rodez

    © Dominique VIET - CRT Midi-Pyrénées

  • Viadotto di Millau

    Viadotto di Millau

    © Dominique VIET - CRT Midi-Pyrénées

  • Cattedrale di Mende

    Cattedrale di Mende

    © Ville de Mende

  • ChioscoPeynet, Valence

    ChioscoPeynet, Valence

    © Eric Caillet/ A.S.O

  • Porto dell'Epervière, Valence

    Porto dell'Epervière, Valence

    © Eric Caillet/ A.S.O

  • Bois des Naix, Bourg de Péage

    Bois des Naix, Bourg de Péage

    © A.S.O

  • Gap

    Gap

    © A.S.O

Tour de France 2015: dai Pirenei alle Alpi fr

Il 17 luglio, i ciclisti lasceranno i Pirenei per raggiungere le Alpi. Nel tragitto attraverseranno il Massiccio Centrale che, oltre ad essere il più ampio massiccio francese, è anche la più grande area vulcanica d’Europa. Benvenuto nei magnifici paesaggi naturali di Linguadoca-Rossiglione, Rodano-Alpi e Provenza.

Tappe:
Tappa 13 (venerdì 17 luglio): Muret > Rodez (198,5 km)
Tappa 14 (sabato 18 luglio): Rodez > Mende (178,5 km)
Tappa 15 (domenica 19 luglio): Mende > Valence (183 km)
Tappa 16 (lunedì 20 luglio): Bourg-de-Péage > Gap (201 km)
Riposo (martedì 21 luglio): Gap

Muret (Haute-Garonne/Midi-Pirenei)

Il Tour parte da Muret, a sud di Tolosa. Luogo di nascita del pioniere dell’aviazione Clément Ader, ospita un museo a lui dedicato: il Musée Clément Ader & les Grands Hommes.

Cosa fare nei dintorni di Muret?

  • Una visita a Tolosa, città dei mattoni e della terracotta. Accoglie una grande varietà di edifici di interesse, tra cui il celebre Capitole e la piazza piena di vita. Ma la città rosa è anche la Capitale europea dell’Aeronautica e dello Spazio, come testimonia la Cité de l’Espace  e il Musée Aéroscopia (30 min di strada)
  • Meravigliarsi davanti ai 3 km di bastioni di Carcassonne, la più importante città medievale europea iscritta al Patrimonio Mondiale dell’UNESCO (1 ora e 10)
  • Sempre a Carcassonne, ammirare la basilica di Saint Nazaire, il castello e il Ponte Vecchio (vista panoramica sulla città)
  • Fare un viaggio nel tempo a Narbonne (2500 anni di storia, dall’Antichità, attraverso Medioevo e Rinascimento, fino all’Età d’Oro della fine del XIX secolo) (1 ora e 40)

 

Rodez (Aveyron/Midi-Pirenei)

Città d’arrivo della 13^ tappa, Rodez è una città da non perdere nella regione Midi-Pirenei. Città natale del pittore Pierre Soulages – conosciuto per il suo lavoro sul nero – Rodez ospita il musée Soulages. Merita una visita anche la cattedrale gotica Notre-Dame, costruita tra il XIII e il XVI secolo.

Cosa fare nei dintorni di Rodez?

  • Scoprire il Viadotto di Millau, il più alto ponte veicolare al mondo che offre una vista mozzafiato (50 min di strada)
  • Passeggiare per il Parco Nazionale dei Grands Causses (55 min di strada)
  • Scoprire i siti fortificati dei Templari, su immagine della Città templare di La Couvertoirade (1 ora e 15)
  • Ammirare l’Abbazia cistercense di Sylvanès (1 ora e 45)

 

Mende (Lozère/Linguadoca-Rossiglione)

Porta di ingresso del Parco Nazionale dei Cévennes, Mende è anche la città più importante di Lozère. La sua impressionante cattedrale gotica, Notre-Dame-et-Saint-Privat ospita una vergine nera scolpita.

Cosa fare nei dintorno di Mende?

  • Salire al Mont Lozère, punto culminante di Cévennes (35 min)
  • Lasciarsi incantare dall’Ardèche, sul colle del Bez e al colle della Croix de Bauzon (1 ora e 10)
  • Passeggiare a piedi o sull’acqua nelle Gole del Tarn (1 ora e 10)

 

Valence (Lozère/Linguadoca-Rossiglione)

Segnata dall’Antichità e dal Medioevo, Valence promette interessanti visite culturali e rappresenta un buon punto di partenza per scoprire la Drôme provenzale. Da vedere: il grazioso chiosco Peynet, il porto turistico dell’Épervière e l’incredibile facciata della Maison des Têtes (palazzo privato dove soggiornò Napoleone)

Cosa fare nei dintorni di Valence?

  • Passeggiare tra i campi di lavanda della Drôme provençale (45 min di strada)
  • Fare il pieno di zuccheri a Montélimar, dopo aver visitato il Palazzo delle caramelle e del torrone (45 min)
  • Immergersi nel passato visitando i luoghi di Vaison-la-Romaine, ai piedi del Monte Ventoso (1 ora e 20)
  • Scoprire la Caverna del Pont d’Arc, replica della grotta Chauvet, aperta ad aprile 2015 (1 ora e 25)

Bourg-de-Péage (Drôme/Rodano-Alpi)

Bourg-de-péage promette il pieno di natura e già dal centro-città il bosco dei Naix ospita maestosi alberi centenari. E per scoprire e gustare la pogne, una brioche specialità locale dal Medioevo, appuntamento al museo dedicato: il museo della Pogne.

Cosa fare nei dintorni di Bourg-de-Péage?

  • Passeggiare nella città vecchia di Grenoble (50 min di strada)
  • Scoprire l’incredibile Palais Idéal du Facteur Cheval (35 min)
  • Visitare Lione e il nuovissimo Musée des Confluences (1 ora e 15)
  • Percorrere i sentieri per escursione del Vercors, in un magnifico paesaggio di montagna (1 ora e 20)

 

Gap (Hautes-Alpes/PACA)

Tranquilla e animata al tempo stesso, Gap è una piacevole città in cui vivere, con le sue fontane ad ogni angolo della strada e le piazze colme di terrazze di caffè e ristoranti. Il luogo ideale per gustare le specialità del Champsaur: orecchie d’asino, tortelli e ravioli.

Cosa fare nei dintorni di Gap?

  • Passeggiare tra gli alberi e i fiori di Charance (220 ha) godendo di una magnifica vista su Gap e dintorni (10 min)
  • Cimentarsi negli sport d’aria (parapendio, aliante, mongolfiera, elicottero) all’aerodromo di Gap-Tallard (20 min)
  • Fermarsi sulle rive del lago di Serre-Ponçon, secondo lago artificiale più grande d’Europa (25 min)

 

Seguire i ciclisti del Tour de France 2015 è un ottimo pretesto per visitare la Francia. Dal Nord alla Bretagna, dai Pirenei al Massiccio Centrale e dalle Alpi fino all’arrivo dei ciclisti sugli Champs-Elysées, scopri le nostre idee di visita nei pressi della città-tappe.

Cosa vedere