Goût de France / Good France: la gastronomia francese celebrata nel mondo

Torna Goût de France / Good France, il grande festival della gastronomia francese in Francia e nel mondo, che celebra l'eccezionale patrimonio culinario del Paese dal 14 al 22 ottobre 2021. La Francia ti invita a tavola: il menu prevede delizie tradizionali autentiche e la scoperta della raffinata gastronomia della regione Centro-Valle della Loira, che quest'anno è sotto i riflettori.

Dal 14 al 22 ottobre 2021, si svolgerà la sesta edizione dell'evento internazionale Goût de / Good France, che celebra la gastronomia francese in Francia e nel mondo! Il 2021 è anche l'anno in cui la cucina francese celebra il suo 10° anniversario come Patrimonio mondiale dell'UNESCO Due ottimi motivi per scoprire i tesori gastronomici del Paese.

La Francia ci invita a cenare in oltre 150 paesi in tutto il mondo: numerosi ristoranti selezionati partecipano all'evento, promosso dal Ministero degli Esteri francese e dallo chef stellato Alain Ducasse, e accolgono i buongustai di tutto il mondo per una squisita cena francese.

Importante notare che questa sesta edizione è interamente dedicata all'ecologia e alla sostenibilità. Goût de France / Good France infatti s'impegna a promuovere la gastronomia responsabile e il rispetto delle risorse del pianeta e mira a sensibilizzare il pubblico globale e tutte le parti interessate nei settori della salute, dell'economia, dell'energia, della cultura e dell'educazione su questo importante argomento.

La regione francese del Centre-Val de Loire sotto i riflettori

La regione Centro-Valle della Loira sarà protagonista di questa edizione di Goût de / Good France 2021. La gastronomia di questa regione è per molti aspetti molto rappresentativa dell'arte di vivere francese. Con i suoi prodotti autentici e locali, la regione Centro-Valle della Loira offre le migliori scelte per i grandi chef.

Christophe Hay, chef due stelle Michelin e ambasciatore per l'edizione di quest'anno, mette l'ecologia al centro della sua cucina. Nel suo ristorante La Maison à Côté nella Valle della Loira, propone il meglio dei sapori regionali ed è impegnato in una gastronomia sostenibile, nel tramandare il know-how francese e le tradizioni dei terroir della sua regione.

Il talentuoso chef, che proviene da una famiglia di contadini, gestisce tre ristoranti e ha realizzato il suo sogno d'infanzia di lavorare a stretto contatto con i produttori locali in modo che possano mantenere le loro vecchie tecniche e tradizioni e continuare così a proporre un menù unico e eccezionale. "Sono orgoglioso di aiutare a preservare i tesori locali come la Touraine géline, una specie in via di estinzione allevata da Adèle Chandavoine e servita solo nel mio ristorante, o l'agnello Solognot, una razza locale che era quasi scomparsa il secolo scorso" afferma.

Lo chef è anche impegnato nella reintroduzione del pesce d'acqua dolce. La Loira è stata classificata Patrimonio Unesco nel 2000, l'acqua è pura, il letto del fiume è composto da sabbia e ciottoli quindi il pesce non ha il sapore fangoso o terroso del pesce di lago. Lavoro con un pescatore che rifornisce di pesce i miei ristoranti.

Per quanto riguarda il giardino, Christophe Hay ampia il concetto di consumo locale, poiché lui e il suo giardiniere Alain Gaillard coltivano un terreno di 3.000 m² in permacultura. Coltiviamo tutte le piante e le erbe aromatiche che utilizziamo, ma anche la maggior parte delle verdure che serviamo. L'orto è parte integrante dell'esperienza, i clienti dopo aver mangiato, vanno a fare una passeggiata in giardino e si godono i profumi.

In collaborazione con il Conservatorio Semi Antichi della regione Centro, è inoltre impegnato nella conservazione e valorizzazione delle antiche varietà vegetali. La cucina che proponiamo è molto vegetale, pensiamo prima alle verdure e ai semi e cereali e poi alle proteine, è tutta un'altra filosofia: natura e gusto prima di tutto.

Tuttavia, il terroir non è tutto. Christophe Hay cerca l'eccellenza anche altrove quando necessario, ma mira soprattutto a svilupparla localmente. Viaggio molto e porto regolarmente con me nuove specie e nuovi semi. Ad esempio, ho portato dal Perù dieci tipi di patate e diversi tipi di mais che coltiveremo nel nostro orto.

Adora la sua regione e ama trovare antiche ricette nei libri di cucina del castello di Chambord, come: B. Carpe à la Chambord - il suo piatto leggendario creato per il Maréchal de Saxe nel XVIII secolo. Mi piace l'idea di continuare una tradizione attualizzando una ricetta che ha centinaia di anni. Mantenerla viva attraverso l'adattamento è per me un'esperienza straordinaria .

Vivi della tua passione, preservando la tradizione e l'ambiente e sostenendo i piccoli produttori: questa è la grande soddisfazione di questo chef eccezionale!

Per maggiori informazioni su Goût de France / Good France, visita il sito.

Per
approfondire