9 esperienze golose da vivere nella Valle della Gastronomia

Voglia di un viaggio gourmet? Dirigiti verso la Valle della Gastronomia! Da Digione a Marsiglia, questo nuovo percorso dei sapori si estende dalle valli della Saona e del Rodano al Mediterraneo: 620 chilometri di un percorso in cui si fondono know-how e piccoli piatti. Condividere una mattinata con uno chef stellato radicato nel suo territorio, assaggiare i calissons caldi di un pasticcere ispirato dalla sostenibilità o pedalare tra le vigne di un viticoltore biologico, ecco 9 esperienze per assaporare il gusto della Francia!

Cucinare con uno chef nel Charolais

Lui "ama tutto" dello Charolais! Questo dimostra che lo chef Frédéric Doucet (1 stella Michelin) è un ambasciatore scelto per esplorare questa regione generosa rinomata per la sua carne eccezionale. Nella sua casa di Charolles, antica locanda dei suoi genitori, ti invita a condividere la sua passione durante una mattinata piena di sapori. Un incontro davanti a un caffè dove potrete raccogliere qualche consiglio culinario, una visita all'orto e a un produttore di carne Charolais, un aperitivo con il team di cucina... Potrai immergerti nel mondo di uno chef che ama la natura prima di gustare i suoi piatti in versione gastronomica o bistrot.

Immersione nel cuore della regione del Charolais (Link esterno)
Maison Doucet (Link esterno)

Abbinare vini e formaggi nel Beaujolais

Uno non può andare senza l'altro, ma sai come abbinare vino e formaggio? Al Domaine Gérard Brisson, nel cuore della regione del Beaujolais, si assiste in prima persona agli abbinamenti più sapienti e selvaggi tra i formaggi locali e i nettari della casa. Naso al vento, cominciamo a sorvegliare un appezzamento del vigneto classificato Morgon Les Charmes, un clima rinomato per i suoi aromi di frutta rossa, prima di immergerci nelle viscere della cantina a volta del XVIII secolo. Nelle botti, i vini maturano, certificati Terra Vitis e HVE (High Environmental Value). Sulla tavola, i formaggi selezionati da un maestro casaro lusingano le narici, e tutti i sensi si risvegliano per comporre un abbinamento, per il meglio ovviamente!

Laboratorio di vino e formaggio (Link esterno)
Domaine Gérard Brisson (Link esterno)

Preparare il formaggio di capra nel Bouches du Rhône

Dalla mungitura delle capre alla fabbricazione del formaggio, benvenuti alla fattoria di Brégalon vicino ad Aix-en-Provence per un'introduzione al mestiere di capraio! Una passione per la famiglia Girard che coccola la sua mandria: l'alimentazione, ricca di orzo, lupinella ed erba medica, è interamente coltivata nella fattoria, per produrre un latte di qualità. Potete assaggiarlo mentre è ancora caldo prima di mettervi al lavoro. Formare il formaggio dal latte cagliato o padroneggiare il delicato processo di rotazione delle forme: si capisce cosa rende un formaggio artigianale così speciale. Con erbe provenzali o scalogno, semi-fresco, cremoso o semi-secco, è difficile resistere alle delizie di capra della casa!

La fabbricazione del formaggio alla fattoria Brégalon (Link esterno)
Ferme du Brégalon (Link esterno)

Svegliare i propri sensi in un uliveto della Drôme

Nel cuore della Drôme Provençale, l'olivo ha sempre fatto parte del paesaggio e viene coltivato da oltre 2000 anni! Per capire come questo albero ha plasmato il paesaggio e il suo know-how, andate a Vignolis, la cooperativa di Nyons, per una passeggiata negli oliveti al tramonto. Sotto la guida di un olivicoltore, ci arrampichiamo sulle colline. Tra il fogliame argentato che svolazza nella brezza e i tronchi stropicciati dagli anni, piccole palline verde anice si preparano a passare attraverso tutti i colori: la Tanche, una varietà unica al mondo, è coltivata solo nelle Baronnies. Raccogliere, selezionare, preparare in salamoia o fare l'olio d'oliva nero di Nyons, il primo in Francia con una denominazione d'origine... L'eccellenza ha le sue specifiche, e il risultato è lì: tapenade o anchoïade, sotto l'olivo si può godere dei 1001 modi di preparare il frutto.

Fuga sensoriale nel cuore degli olivi di Nyonsais (Link esterno)
Vignolis (Link esterno)

Gustare i calissons freschissimi a Aix-en-Provence

Un nome che evoca le coccole, una pasta fondente che profuma di mandorle... Ci offriamo una parentesi di dolcezza presso uno dei più antichi produttori del famoso calisson d'Aix-en-Provence: la pasticceria Roy René ha festeggiato l'anno scorso il suo centesimo compleanno! Sulle rive della mitica Route Nationale 7, l'epopea di questa prelibatezza millenaria inizia nel mezzo del grande giardino dove fioriscono un mandorleto dedicato alla produzione propria dell'azienda e un frutteto patrimoniale con una cinquantina di mandorli rappresentanti 19 varietà provenzali. Pioniere della sostenibilità, l'azienda è all'origine della rinascita del mandorlo di Provenza. Il loro profumo profuma la fabbrica e il museo Calisson dove si può seguire passo dopo passo la fabbricazione della pasticceria. Un terzo di mandorle, un terzo di melone candito di Apt, un terzo di sciroppo di zucchero caldo... La ricetta non è cambiata da quando è stata creata per il matrimonio del Re René, allora re di Provenza nel 1454!

La fabbrica Calisson - Confiserie du Roy René (Link esterno)
Museo Calisson (Link esterno)

Pedalare nei vigneti bio in Ardèche

Al Domaine Notre-Dame de Cousignac, a Bourg-saint-Andeol nell'Ardèche, la famiglia Pommier coltiva la vite da sette generazioni! La tavola del viticoltore è una bistronomia biologica, le viti sono certificate Alto Valore Ambientale (HVE), e l'enologia è una versione 100% naturale. Su una mountain bike elettrica, seguiamo Simon, una guida ciclistica, sui piccoli sentieri segreti attraverso i vigneti, i boschi e i campi di lavanda. Al traguardo, non c'è nessun ostacolo a salutare i corridori ma una degustazione dei vini biologici della casa. Una delle annate, il vinolithic - Saint Andeol Rouge 2017, è stata invecchiata per 12 mesi nella grotta di Saint-Marcel a 80 m sotto terra!

Giro in bicicletta al Domaine Notre Dame de Cousignac (Link esterno)
Domaine de Cousignac (Link esterno)

Scoprire i segreti dei tartufi nel Gard

Il tartufo da forchetta a forchetta! All'Università del Tartufo di Garniac nel Gard, vi diciamo tutto su questo prodotto eccezionale, che è un must per le tavole più famose. Tutto comincia ai piedi di un albero: nell'arboreto del tartufo, scoprirete le specie favorevoli allo sviluppo del famoso fungo, querce bianche e lecci, ma anche tigli, carpini o cisto. Spesso, la presenza di tartufi sotto terra può essere individuata dall'assenza di vegetazione intorno ai tronchi: in passato erano chiamati cerchi delle streghe. Oggi, se c'è ancora una questione di magia, è piuttosto nel piatto: il tartufo estivo (tuber aestivum da metà maggio) o il tartufo nero (tuber melanosporum) da dicembre a marzo, per misurare il suo incomparabile profumo, niente batte un piatto di tartufo delicatamente preparato.

I segreti del tartufo alla Maison de Garniac (Link esterno)
Maison de Garniac (Link esterno)

Immergersi nell'arte della gastronomia a Digione

A Digione, tutte le strade portano alla gastronomia! La prova è il tour gastronomico dove troviamo tutte le specialità del luogo. Per una volta, cominciamo con i sapori dolci con la casa di Mulot & Petitjean, l'ultimo produttore artigianale di pan di zenzero e nonette, che non smette di perfezionare un know-how ereditato dai duchi di Borgogna. Altre delizie tipicamente borgognone: la bacca di ribes nero che la Maison l'Héritier-Guyot trasforma in creme e liquori, e la senape i cui segreti sono svelati dalla Maison Fallot nel suo negozio-laboratorio con bar di senape! E siccome la gastronomia va di pari passo con i buoni vini, andate in cima alla torre Philippe Le Bon per un aperitivo di degustazione 100% in Borgogna, a 46 metri di altezza!

Les gourmandises de Dijon: tour stellato (Link esterno)

Andare al mercato gastronomico di Les Halles Bocuse a Lione

Volete sapere perché Lione è un riferimento in termini di gastronomia? Immergiti nel cuore delle Halles Bocuse per un tour gastronomico con una guida che ama il buon cibo. La storia delle "mères Lyonnaises" che hanno forgiato la reputazione dei bouchons di Lione, o la saga dei grandi chef come Paul Bocuse... Tra le bancarelle dei produttori locali che perpetuano la tradizione dell'eccellenza, non ti mancherà nemmeno una briciola di questo storico antipasto. Hai ancora un po' di fame? È il momento di assaggiare i prodotti eccezionali: i cuscini di Lione (ganache al cioccolato e alle mandorle), le praline (nocciole o mandorle ricoperte di zucchero caramellato) o le quenelle che mescolano pasta di cavolo, pollame o luccio... E come sempre a Lione, finiamo per sederci ad un mâchon, la merenda tradizionale, con salumi e formaggi della regione.

Visite golose di Tasty (Link esterno)
Tasty Lyon (Link esterno)