La tartiflette, la ricetta originale

La tartiflette è un piatto tipico della cucina dell'Alta Savoia, nella regione del Sud-Est dell Francia, Alvernia-Rodano-Alpi. Diventato rapidamente il simbolo della convivialità invernale, viene realizzato con il Reblochon, formaggio di montagna per eccellenza, che assicura quel sapore pieno a questa ricetta di montagna! Sceglilo con cura e se non lo trovi, ti proponiamo qualche alternativa. La ricetta è piuttosto semplice da realizzare, iniziamo!

Ingredienti

Per garantire un gusto intenso e delizioso al piatto, assicurati di scegliere un Reblochon gustoso e cremoso. Un Reblochon di fattoria è sempre preferibile. Se puoi recuperalo in Francia, in occasione di un viaggio, oppure rivolgiti a un negozio di formaggi (o supermercato) in Italia che garantisca un'ampia scelta anche di formaggi stranieri. Tuttavia se non lo trovi, puoi sempre sostituirlo con un foramaggio come il Camembert o con il più comune Brie per un gusto più delicato, o con il taleggio, per un gusto più intenso.

Ecco gli ingredinti per 4 persone:

  • 1 kg di patate
  • 200 g di pancetta affumicata
  • 200 g di cipolle
  • 10 cl di vino bianco (un bicchiere piccolo)
  • 300 g di reblochon della Savoia (idealmente acquistato in una fattoria della regione degli Aravis)
  • 2 cucchiai di olio d'oliva (o 40 g di burro)
  • sale e pepe

Tempo di preparazione: 40 min
Tempo di cottura: 25 min
Totale: 1h05

Preparazione

  • Sbucciare le patate, tagliarle a fette spesse e sciacquarle.
  • Tagliare le cipolle a rondelle
  • In una padella, fare soffriggere le cipolle con la pancetta per 3 minuti.
  • Aggiungere le patate e lasciare cuocere a fuoco medio per 20 minuti.
  • Preriscaldare il forno a 200° (termostato 6/7).
  • Sfumare con il vino bianco per altri 5 minuti.
  • Aggiungere il pepe e il sale (poco, siccome c'è la pancetta).
  • Tagliare il reblochon a metà nel senso della larghezza. Conservare una metà da mettere sopra al piatto (da tagliare in 2 o 4 pezzi a seconda della forma della pirofila) e tagliare l'altra metà in piccoli pezzi da integrare nel composto patate-cipolle-pancetta.
  • In una pirofila, disporre il composto patate-cipolle-pancetta e pezzetti di reblochon e disporre sopra la metà di reblochon da gratinare, crosta verso l'alto.
  • Infornare per 25 minuti e il gioco è fatto!
    Servire caldo.

(fonte ricetta: www.reblochon.fr)

Da sapere

Nato nel XIII secolo a Thônes nel massiccio dell'Aravis, la zona di produzione del Reblochon copre oggi quasi tutto il dipartimento dell'Alta Savoia e la Val d'Arly in Savoia. È prodotto dal latte di mucche regionali: per lo più abondances ma anche tarines e montbéliardes.
Ci sono due tipi di Reblochon riconoscibili dal colore del bollino applicato sulla confezione, chiamato bollino di caseina:

  • Il reblochon fermier, il reblochon della fattoria (bollino verde) è prodotto interamente nella fattoria due volte al giorno.
  • Le reblochon de fromagerie ou de fruitière, il reblochon del caseificio (bollino rosso) prodotto con il latte raccolto da diversi allevatori della zona di produzione. I bollini sono garanzia di qualità e di tracciabilità del formaggio.

Reblochon prende il suo nome dal termine savoiardo "re-blocher" che significa "mungere una seconda volta" nel XVI secolo. Tradizionalmente, i contadini del massiccio facevano una prima mungitura per il proprietario (di solito le abbazie), e una seconda mungitura di notte per il proprio fabbisogno.

Questo formaggio, che può essere mangiato anche crudo, leggermente filante, cotto o in insalata, rimane uno dei formaggi di montagna più emblematici!

Per
approfondire