Turismo lento, tutto quello che devi sapere per iniziare!

E se ti proponessimo di scoprire la Francia rilassandoti, prendendoti tutto il tempo di cui hai bisogno, assaporando gli incontri e i paesaggi per fare il pieno di bellezza e di serenità? A piedi, in bici, sull’acqua o a dorso di un cavallo, l’Esagono è un formidabile terreno di giochi e di itinerari per delle micro-avventure locali, ma sempre originali. Pronto a provare questa esperienza? Ecco i nostri consigli per iniziare… lentamente.

In bici: se si parte di buon mattino…

22.800 km di pista ciclabile e vie verdi, 5.500 km di itinerari turistici regionali e 3.000 circuiti per bici da strada e mountain bike… Nel paese del Tour de France, il ciclismo regala grandi fughe! A ciascuno la sua pedalata, sportiva, sterrato, assistita, per sfrecciare giù dalle colline della Champagne, scalare le montagne dell’Alvernia o i colli delle Alpi, pedalando con i capelli al vento sulle rive dell’Atlantico o oziando tra un castello e l’altro nella Valle della Loira.

Sia che si opti per un anello di un giorno o un itinerario a tappe, ciascuna regione ha moltiplicato i percorsi, al di là dei grandi tour che collegano tutta la Francia. Sul sito, pratico e tematico, France Vélo Tourisme sono tutti elencati. In testa al gruppo con 900 sontuosi chilometri da Nevers a Saint-Brévin, la Loire à Vélo sfoggia la maglia gialla degli spettatori. Ma anche la Véloscénie, da Parigi a Mont-Saint-Michel, la ViaRhôna che collega il lago di Léman al Mediterraneo tra i vigneti e i campi di lavanda o la Vélodyssée, dalla Bretagna ai Paesi Baschi. E ancora la Vélomaritime con i suoi 1.500 km vista mare quasi ininterrottamente, da Roscoff, nel Finistère a Dunkerque, nell’Alta Francia.

Per toglierti dalla testa il manubrio, Accueil Vélo si occupa della logistica. 3.200 fornitori propongono in tutta la Francia i loro servizi ai ciclisti: alloggi, ristorazione, riparazioni, noleggio, siti turistici, uffici del turismo… tutto quello che devi fare e è pedalare e divertirti, sapendo che la Federazione Francese del Cicloturismo sul suo sito vanta circa 650 indirizzi di cicloturismo. Allora, in sella!

France Vélo Tourisme (Link esterno)
Accueil Vélo (Link esterno)
Federazione francese del cicloturismo (Link esterno)
Loire à Vélo (Link esterno)
ViaRhôna (Link esterno)
Vélodyssée (Link esterno)
Véloscénie (Link esterno)
Vélomaritime (Link esterno)

Escursionismo: il modo migliore per camminare Escursionismo: il modo migliore per camminare

Formiche nei piedi? Allacciati le scarpe, prendi i bastoncini… e a te i sentieri escursionistici, i sentieri costieri, le dune sull’oceano, le piccole strade di campagna, le salite in montagna. Con 11 parchi nazionali, 54 parchi naturali regionali e 180.000 km di sentieri segnalati di cui 65.000 di lunga distanza (GR - Grande Randonnée), la Francia sta facendo piccoli passi in grande! Ciascuno deve dosare il proprio sforzo, da una semplice passeggiata in giornata tra i graziosi villaggi arroccati del Luberon al trekking con bivaccata sulle Alpi vicino al Monte Bianco, o tra i grandi circhi dei Pirenei.

Voglia di un assaggio? Le vie per intraprendere il cammino di Compostela, e in particolare la famosa Via Podiensis, che segue il percorso tracciato dalla GR 65 da Puy en Velay in Alvernia, ti ispireranno. Ampi spazi, splendidi incontri e allegre tavolate in alloggi di sosta che coltivano la convivialità vi daranno la carica, soprattutto se nel vostro zaino c’è la guida Miam Miam Dodo, bibbia del pellegrinaggio organizzato.

Altre via di grande fama? La Via Alpina, il Cammino Stevenson, da percorrere con o senza asino, la straordinaria GR 20 in Corsica o la GR 34 in Bretagna, dove ormai non si incontrano più i doganieri. Natura del percorso, difficoltà, durata… per facilitare la scelta, la Federazione francese di escursionismo, che si occupa della manutenzione delle GR e delle PR (Petites randonnées, segnalate in giallo), pubblica diverse guide topografiche ricche di informazioni. Si parte…

Federazione francese di escursionismo (Link esterno)
Mon GR (Link esterno)
Parchi nazionali francesi (Link esterno)
Parchi naturali regionali francesi (Link esterno)
Podiensis, la Voie du Puy (Link esterno)
Chemin de Robert Louis Stenvenson (Link esterno)
Guida Miam Miam Dodo (Link esterno)

Turismo fluviale: ci si tuffa nell’acqua

Sei pronto a mollare gli ormeggi della vita quotidiana? Disconnettiti al ritmo lento della navigazione tranquilla, sotto le fronde verdi, cullato dallo sciabordio dell’acqua. Con i suoi bei corsi d’acqua, i suoi fiumi maestosi, i suoi numerosi canali, la Francia invita alla navigazione. 8.500 km di vie navigabili, di cui 6.700 contrassegnati come Voies navigables de France, Vie navigabili di Francia, ne fanno la campionessa d’Europa della più grande rete fluviale. Allora, imbarcati subito per un lungo viaggio verde puntellato da eleganti castelli, piccoli villaggi pittoreschi, case fiorite e belle città portuali.

Sui canali del Rodano, della Borgogna o del Midi, a una velocità di crociera di 7 km/ora, i viaggi in chiatta, queste casette galleggianti a motore (senza patente), sono l’ideale per le vacanze, in famiglia o tra amici, lungo il fiume… Ma bisogna mettere i piedi a terra per gustare anche il turismo fluviale. Combina la navigazione dolce con una pedalata sulla riva, sulla ViaRhôna e la Loire à Vélo, per esempio, passeggiate a piedi o a cavallo sulle alzaie, alla scoperta del patrimonio e della gastronomia, e del savoir-faire locale. Questa si che è una buona idea!

Le vie navigabili di Francia (Link esterno)
Le Boat - Crociera sul fiume (Link esterno)
Locaboat (Link esterno)
Nicols - Turismo fluviale (Link esterno)

A cavallo, al galoppo… ma non troppo!

Meglio fare un po’ di allenamento prima di lanciarsi in una passeggiata equestre a lunga distanza… Ma nulla vieta di cavalcare lentamente su una lunga spiaggia bretone o normanna al tramonto, tra i fenicotteri rosa e le capanne gardian in Camargue o sull’altopiano di Cézallier in Alvernia.

Salire a cavallo offre anche dei punti di vista inediti per scoprire i castelli della Loira, i grand cru della Borgogna o di Bordeaux o le sabbie della baia di Mont-Saint-Michel. Avviso ai debuttanti, i cavalli da passeggiata, abituati al loro ambiente, avanzano a passo sicuro e permettono di raggiungere luoghi inaspettati senza essere necessariamente dei cavalieri esperti. Circa 8.000 centri ippici e agenzie specializzate ti faranno mettere il piede sulla staffa e il sito Geo Cheval ti suggerirà degli itinerari in tutta la Francia. Per delle avventure più “spettinate”, parti a tutta velocità sulla Route d’Artagnan, punto di riferimento a livello europeo. Partendo da Lupiac, in Occitania, da dove proviene l’orgoglioso moschettiere di Luigi XIV, si può arrivare fino ai Paesi Bassi, percorrendo due rotte in Francia attraverso la Valle della Loira. Andate a Chambord e nel suo incantevole parco per cavalcate memorabili sotto foreste centenarie.

Voglia di un’escursione più tranquilla ma sempre a quattro zampe? Per accompagnare la famiglia in tutta sicurezza, ma sempre un po’ sbuffando, gli asini sono guide affettuose e grandi compagni di viaggio. Carica il pic-nic, le valigie e i bambini… e via, da soli o accompagnati da una guida del paese. Lungo la costa bretone o sui piccoli sentieri della Provenza, profumati di timo e rosmarino, la Federazione Nazionale degli asini e dell’escursionismo ha recensito le guide degli asini e i percorsi più adatti in tutta la Francia.

Federazione francese di equitazione (Link esterno)
Route d'Artagnan (Link esterno)
GeoCheval (Link esterno)
Federazione nazionale degli asini e dell'escursionismo (Link esterno)