Vacanze da iniziati: Xavier Veilhan a villa Noailles

Hyères, Costa Azzurra. Clima mite, palme, mare trasparente. C'è tutto. Anche ciò che non ci si aspetta. Prendiamo ad esempio villa Noailles…
Disegnata negli anni '20 dall’architetto Robert Mallet-Stevens per una coppia di mecenati, villa Noailles ha ospitato i più grandi artisti dell'epoca, da Man Ray a Giacometti. Oggi, restaurata e fedele alla sua vocazione, è un centro d'arte rinomato, in particolare per il Festival Internazionale della Moda e della Fotografia. Abbiamo chiesto all’artista Xavier Veilhan di accompagnarci nella visita di questa residenza che conosce bene per avervi girato il film "Vent Moderne" (Vento Moderno) nel 2015.

Ho scoperto villa Noailles nel 2008, in occasione di un'esposizione di Erwan e Ronan Bouroullec. Ho avuto la fortuna di dormire sul posto, in una delle camere degli ospiti. È stata un'esperienza incredibile.

Villa Noailles è un'opera architettonica piena di compromessi ed ambiguità. Non è una struttura dalle forme perfette e proprio in ciò sta la sua bellezza. È stata testimone della relazione tra Robert Mallet-Stevens e i Noailles, un rapporto che non fu dei più semplici.

Come artisti, abbiamo la fortuna di poter visitare dei luoghi ma anche di lavorarci. Per girare "Vent Moderne" (Vento Moderno), abbiamo avuto carta bianca. Abbiamo potuto scoprire gli angoli più reconditi della casa grazie alla disponibilità di Jean-Pierre Blanc, direttore di villa Noailles.

Amo il legame che questa casa ha con la natura. La vegetazione mediterranea, la luce del Sud, la presenza del vento che a volte è inebriante. Durante le riprese, c'era molto vento. Riprendere questi bellissimi alberi e questa meravigliosa vegetazione è stata un'esperienza magica. È così che è nato il titolo del film: "Vent Moderne" (Vento Moderno).

Davanti alla casa, caratterizzata da volumi in stile cubista, grandi aperture rettangolari ricavate nel muro di recinzione si aprono sul vuoto. Questo è per me uno degli spazi più riusciti di villa Noailles, con queste magnifiche vedute sul paesaggio circostante.

Il giardino triangolare cubista è uno dei miei luoghi preferiti di villa Noailles. Situato nella parte anteriore della casa, cinto da mura bianche, è opera dell'architetto paesaggista Gabriel Guevrekian.

In "Les mystères du château de Dé" (I misteri del castello del Dado), che Man Ray girò qui nel 1929, i personaggi indossano una maschera. Marie-Laure e Charles de Noailles ballano sul tetto... Questo film è permeato da un'atmosfera fantastica e inquietante che in generale ritrovo nella casa.

La casa è ricca di dettagli preziosi, come questo orologio di Francis Jourdain che è presente in tutte le camere. I Noailles si sono rivolti ai creatori più all'avanguardia dell'epoca, come Jean Prouvé per i serramenti metallici o Louis Barillet per i vetri.

Il film "Vent Moderne" (Vento Moderno) è una divagazione, un viaggio in bianco e nero attraverso vari edifici progettati da Robert Mallet-Stevens: villa Noailles, l'hotel Martel a Parigi e villa Cavrois a Croix. Questi luoghi e la loro architettura modernista sono stati per me fonte d'ispirazione. Amo questa idea della modernità, onirica e pratica allo stesso tempo. Trovo che vi sia uno slancio che ai nostri tempi è andato un po' perduto.

Come raggiungere Hyères