All'arrembaggio! Al largo delle coste bretoni a bordo di un vecchio bastimento

E se ci imbarcassimo da un porto bretone per ammirare tutta la bellezza della costa? Ancora meglio se si tratta di un vecchio bastimento, uno dei velieri tradizionali, oggetto di accurata manutenzione nel corso degli anni o fedele replica di dundee, langoustier e tonniere d’altri tempi. Si parte a vele spiegate quindi, in piedi sul ponte di legno scricchiolante o comodamente seduti per godersi lo sciabordio delle onde. Non vedete l’ora? Allora, levate l’ancora! Si salpa!

Vogare come nel XVIII secolo sull’Étoile du Roy

Ai piedi dei bastioni di Saint-Malo, calzate gli stivali, calate il tricorno sulla fronte e saltate sul ponte dell’Étoile du Roy, un’incredibile fregata corsara, terzo più grande tre alberi tradizionale francese. 20 cannoni ancora al loro posto, 790 m² di vele, una polena come quelle che si vedono nei libri d’avventura illustrati… Basta salire sulla passerella per fare un salto indietro nel tempo. E allora forza, marinai di lungo corso! A tutti i volontari sono aperti viaggi verso Paimpol o Roscoff. Si parte!
L’Étoile du Roy (Link esterno)

Issare le vele sull'An Durzunel

Rotta verso la baia di Cancale per una passeggiata ricca di iodio a bordo dell’An Durzunel, che in bretone significa tortora. Ricostruito secondo i progetti originali dell’epoca, questo antico peschereccio taglia maestoso il vento. L’ideale per imparare a manovrare. Mozzo per un giorno, addetto al fiocco o al trinchetto, si tira, si issa, si cazza e si tiene il timone. Si può anche navigare radendo la costa. Il Mont Saint-Michel è in vista!
An Durzunel (Link esterno)

Lezione di acquerello a bordo dell’Eulalie

Pronti? Sul molo di Lézardrieux, a pochi passi dall’isola di Bréhat, Eulalie, bella scialuppa per la pesca delle sardine, accoglie comodamente l’equipaggio sul suo ponte largo. Imbarchiamo viveri e tavolozze per un corso di pittura in mezzo all’oceano. Cazziamo la randa, issiamo la vela di trinchetto e facciamo navigare i pennelli sulla carta. Faro a babordo, peschereccio al largo, scogli rosa di Bréhat in vista… La Bretagna si mette in posa in tutta la sua bellezza!
Eulalie (Link esterno)

Navigare alla vecchia maniera sulla Recouvrance

150 tonnellate, 9 vele, 430 m² di velatura, 4 km di cime, 130 pulegge… I numeri della Recouvrance non mancheranno di impressionare gli apprendisti marinai, soprattutto quando questa fiera goletta, tutta di legno vestita, si slancia nella rada di Brest. Replica di un avviso del 1817 deputato alla consegna dei plichi urgenti, La Recouvrance segue la rotta all’antica mentre l’equipaggio in erba segue un corso di navigazione con carte, bussola e tracciatore di rotta. Si vira! Attenzione alla testa! Visti i suoi 600 chili, è meglio tenersi lontani dalla traiettoria del boma!
La Recouvrance (Link esterno)

Birdwatching dal Saint Guirec

Dal Perros-Guirec, l’arcipelago delle Sept-Iles e i suoi tesori, paradiso per gli uccelli e gli ornitologi marini, è a poche miglia soltanto. Sul Saint Guirec, bella replica di un Langoustier (peschereccio per la pesca delle aragoste) del 1920 con un bello scafo verde e le vele color caramello, si è in prima fila per ammirare cormorani, sule e pulcinelle di mare dal piumaggio bianco e nero che nidificano negli scogli. A noi il binocolo! Non è raro che una foca grigia panciuta faccia capolino nel mirino!
Le Saint Guirec (Link esterno)

Picnic a bordo dell’Ausquémé

E se degustassimo qualche prodotto del mare… in mare, sul ponte verniciato di un vecchio bastimento? Nella baia di Cancale, l’Ausquémé, costruito nel 1942 per il dragaggio delle ostriche nel golfo del Morbihan, è un bel veliero del patrimonio bretone. Nel giro di poco, ecco allestiti una cucina e un ristorante tra l’azzurro del cielo e il blu del mare. Degustare le ostriche tra gli spruzzi delle onde è sicuramente un’esperienza tonica e rinvigorente!

L’ultima tonniera Dundee dell’Atlantico, che fece tante campagne di pesca a vela dall’isola di Groix, il suo porto di origine, è in splendida forma. Costruita nel l934, restaurata nel 2012, la Biche presta nuovamente servizio, questa volta per effettuare crociere marine al largo della Bretagna. La si vede fendere il vento, con tutte le canne da pesca spiegate. La pesca non sarà sempre riuscita, ma si impara a manovrare con un equipaggio di vecchi lupi di mare pronto a raccontarvi le sue imprese.
Le Biche (Link esterno)

Immedesimarsi in Surcouf, il re dei corsari

Voglia di cavalcare le onde come Surcouf, il celebre corsaro di Saint-Malo? Allora all’arrembaggio! Si salpa immediatamente sulla replica della sua ultima nave, il "Renard", un cutter filante ornato di giallo e nero che fa vela di forte in forte lungo la costa di Smeraldo. L’equipaggio è sempre al lavoro ma si può dare una mano o anche prolungare l’avventura unendosi a un raduno di vecchi bastimenti o partendo per una regata transatlantica. Pura magia!
Le Renard (Link esterno)

Le Feste marittime internazionali di Brest

Per l’ottava edizione delle Feste marittime internazionali, rotta verso Brest 2020, dal 10 al 16 luglio dell’anno prossimo. Come ogni quattro anni dal 1992, i pontili e la rada si riempiranno di folla festante per questo festival che riunisce i più belli e imponenti velieri del mondo. Nel 2016 si erano date appuntamento 1.050 imbarcazioni con 9.000 marinai venuti da 25 nazioni. E voi?
Le Feste marittime internazionali di Brest (Link esterno)

Dove si trova la Bretagna 

Per
approfondire