Informazioni e aggiornamenti Coronavirus: la situazione in Francia

Raccomandazioni, misure sanitarie e viaggi: consulta le linee guida del governo francese.

Per rimanere aggiornato in tempo reale sulle informazioni e sulle misure in vigore sul territorio francese visita il sito del Governo francese Coronavirus (Link esterno) e dell'Ambasciata italiana in Francia (Link esterno) .

Visitatori

I viaggi verso e fuori dallo spazio europeo sono vietati. Una rivalutazione sarà fatta a livello europeo il 15 giugno.
Misure di quarantena o di isolamento sono possibili per le persone che entrano sul territorio e non provengono dallo spazio europeo.
Maggiori informazioni sul sito del Ministero dell’Europa e degli Affari Esteri (Link esterno)
I cittadini stranieri che attualmente soggiornano in Francia sono invitati a contattare la propria ambasciata, nonché la propria compagnia aerea ed eventualmente l’agenzia o tour operator organizzatore del viaggio.

Informazioni in caso di cancellazione o rinvio:

Misure intraprese sul territorio Francese

A partire dall’11 maggio

Dopo un periodo di confinamento, al 17 marzo al 10 maggio, a partire dall’11 maggio sul territorio francese sono in vigore nuove misure.

  • Gli spostamenti all’interno di un raggio di 100 km dal domicilio sono nuovamente autorizzati. Per le persone che si spostano in auto, munirsi di giustificativo di domicilio (documento d’identità, assicurazione auto, fattura intestata, libretto degli assegni, …).
  • I viaggi che superano i 100 km rimangono vietati, anche nel caso in cui il viaggio venga fatto per raggiungere la propria residenza. L’unica eccezione è per i viaggi di ritorno alla propria residenza che superano i 100 km ma che rimangono all’interno dello stesso dipartimento.
  • Sono possibili eccezioni per motivi professionali o famigliari gravi, come un decesso o l’assistenza a una persona vulnerabile. All’interno di stazioni ferroviarie e terminal, e su strade e autostrade saranno effettuati dei controlli e l’ammenda sarà € 135 nel caso in cui le persone non siano in regola. Scarica qui l’autocertificazione. (Link esterno)

Zone rosse e zone verdi

A partire dall’11 maggio, sono state definite delle zone rosse e delle zone verdi in funzione del livello di diffusione del virus.

Nelle zone rosse, oltre alle misure descritte qui di seguito, possono essere applicate ulteriori restrizioni, come la chiusura dei parchi e dei giardini fino a nuovo ordine, e il divieto nell’Ile-de-France di utilizzare i mezzi di trasporto pubblico nelle ore di punta per motivi non professionali.

In tutte le zone, in conformità con il rispetto delle regole e le misure di distanziamento sociale:

  • Autorizzazione degli assembramenti fino ad un massimo di 10 persone sia in spazi pubblici sia privati.
  • Riapertura di tutte le attività commerciali e servizi oltre alle farmacie, negozi di alimentari, banche, tabaccherie, benzinai. L’uso di mascherine è fortemente consigliato e i commercianti potranno richiedere di indossarle ai clienti all’interno delle loro attività. I mercati all’aperto potranno riaprire grazie a una deroga speciale, mentre i centri commerciali di oltre 40.000 mq rimarranno chiusi fino a nuovo ordine.
  • Riapertura dei boschi.
  • Chiusura fino al 2 giugno dei luoghi di assembramento pubblico, come bar, ristoranti, sale di spettacolo, cinema, teatri e grandi musei. Da notare che i piccoli musei, le mediateche e le biblioteche sono autorizzati a riaprire l’11 maggio, e che i bar e i ristoranti sono autorizzanti a vendere per asporto.
  • Gli hotel possono restare aperti attuando il servizio in camera, come durante il periodo di confinamento.
  • Chiusura delle spiagge e dei laghi fino al 2 giugno, salvo deroghe speciali su domanda dei sindaci del comune di riferimento.
  • Sospensione almeno fino al mese di settembre dell’organizzazioni di grandi festival, manifestazioni sportive e assembramenti di più di 5.000 persone.
  • La pratica di sport a livello individuale è autorizzata, rimane vietato praticare sport collettivamente.
  • I servizi pubblici così come i trasporti rimarranno aperti e attivi, ma con una diminuzione della loro frequenza. A partire dall’11 maggio, misure specifiche saranno in vigore: occupazione dei posti a sedere ridotta (saranno occupabili un sedile su due), utilizzo della mascherina obbligatorio sui mezzi di trasporto pubblico, taxi e VTC, limitazione della circolazione tra i diversi dipartimenti, trasporti interregionali ridotti… Per maggiori informazioni visita il sito di SNCF (Link esterno) e di RAPT (Link esterno)
  • Divieto di scalo per le navi dirette in Corsica con oltre 100 passeggeri a bordo; divieto di attraccare nelle acque interne o territoriali dei dipartimenti e delle regioni d’Oltremare (Isole di Guadalupa, Martinica, Polinesia Francese) e di Saint-Barthélemy e Saint-Martin, Saint Pierre e Miquelon, Wallis e Futuna, ad eccezione della deroga concessa dal rappresentante dello Stato competente per le stesse comunità.
  • Una riapertura progressiva delle scuole è prevista a partire dall’11 maggio, salvo per gli istituti superiori che rimarranno chiusi fino all’estate.
  • Tutti i francesi sono fortemente invitati a ricorrere al telelavoro a partire da lunedì 16 marzo 2020 dove questo è possibile, e invito a ridurre gli orari di lavoro così da non creare affollamento sui mezzi di trasporto.
    Domande frequenti sul Covid-19 sul sito del Governo (Link esterno)

Quali sono i comportamenti da seguire per limitare la propagazione del virus?

Esistono dei gesti semplici per preservare la tua salute e quella di chi ti sta attorno:

• Lavati le mani regolarmente
• Copri con fazzoletti di carta bocca e naso se starnutisci o tossisci
• Saluta senza la stretta di mano, evita gli abbracci
• Utilizza dei fazzoletti usa e getta
• Indossa una mascherina nel caso in cui fossi malato
• Indossa la mascherina sui mezzi di trasporto pubblico, sui taxi e VTC, e all’interno dei negozi in cui è richiesto.

Da sapere:

Tutte le informazioni ufficiali sulla situazione in Francia in tempo reale sul:

Per rimanere aggiornati sulle misure di viaggio in vigore tra Italia e Francia e viceversa, è possibile consultare il sito viaggiaresicuri.it (Link esterno) , curato direttamente dall'unità di crisi del Ministero degli Affari Esteri.

Per
approfondire