Informazioni e aggiornamenti Coronavirus: la situazione in Francia

Raccomandazioni, misure sanitarie e viaggi: consulta le linee guida del governo francese.

Per rimanere aggiornato in tempo reale sulle informazioni e sulle misure in vigore sul territorio francese visita il sito del Governo francese Coronavirus (Link esterno) e dell'Ambasciata italiana in Francia (Link esterno) .

Misure in vigore sul territorio francese

Dal 30 giugno 2021 sono in vigore le seguenti misure :

  • Green Pass (Link esterno) per la partecipazione a eventi con più di 1.000 persone
  • Fine delle limitazioni di accesso negli edifici aperti al pubblico (cinema, musei, negozi…)

Dal 21 luglio, il Green Pass sarà obbligatorio anche per i luoghi di svago e cultura che accolgono più di 50 persone.
Da inizio agosto, il Green Pass sarà esteso anche a ristoranti, bar, caffè, centri commerciali, ospedali, case di riposo, edifici sanitari e per tutti i viaggi in aereo, treno e pullman per i viaggi a lunga percorrenza.
Altri luoghi potranno introdurre l’obbligo di Green Pass in base all’evoluzione della situazione sanitaria.
Concerti e festival sono nuovamente possibili dal 30 giugno e le discoteche hanno riaperto il 9 luglio seguendo un protocollo dedicato (Link esterno)

Per maggiori informazioni sui protocolli sanitari e le condizioni di accesso agli edifici: Vacanze in Francia: cosa sapere prima di partire e le misure sanitarie

Per maggiori informazioni e per aggiornamenti in tempo reale si può consultare il sito del governo (Link esterno)

Altre misure e restrizioni

Sono vietati gli assembramenti, le riunioni o le attività di più di 10 persone.
È vietato il consumo di alcool per strada.

È obbligatorio indossare la mascherina a partire dagli 11 anni (da 6 anni a scuola) nei luoghi pubblici al chiuso (aziende, negozi, mezzi di trasporto…).
Alla luce dell’evoluzione positiva della situazione sanitaria, dal 17 giugno l’utilizzo della mascherina all’aperto non è più obbligatorio. Ad esclusione di luoghi affollati (file, mercati, stadio…).

Sul sito del Governo sono disponibili la cartina e i dati relativi alla diffusione del Covid-19 (Link esterno) .

È prevista una multa di 135€ in caso di non rispetto dell’utilizzo della mascherina nei luoghi in cui resta l’obbligo. La multa diventa di 3.750€ in caso di recidiva.

La mascherina è sempre obbligatorio sui mezzi di trasporto. I viaggiatori devono inoltre mantenere la più grande distanza tra i passeggeri che non viaggiano insieme.
Per maggiori informazioni, consultare i siti della SNCF (Link esterno) e dell’RAPT (Link esterno) .
La mascherina è obbligatoria a bordo di taxi e vetture con conducente.

FAQ sul sito del Governo (Link esterno)

Spostamenti internazionali

Misure in vigore dal 9 giugno

Dal 9 giugno il flusso di viaggiatori tra la Francia e i paesi stranieri riapre secondo modalità che varia in funzione della situazione sanitaria dei paesi tersi e dello stato di vaccinazione dei viaggiatori. I paesi sono divisi in categorie definite sulla base degli indicatori sanitari. La lista dei paesi può essere modificata in base all’andamento della situazione ed è consultabile sul sito del Governo Francese. (Link esterno)

Stati verdi

Paesi senza circolazione attiva del virus e senza circolazione di varianti preoccupanti.
Paesi dell’Unione Europea a cui si aggiungono Andorra, Islanda, Liechtenstein, Principato di Monaco, Norvegia, San Marino, Svizzera e Stato del Vaticano. A questi si aggiungono Albania, Australia, Arabia Saudita, Bosnia Erzegovina, Canada, Corea del Sud, Stati Uniti, Hong-Kong, Israele, Giappone, Kosovo, Libano, Macedonia del Nord, Montenegro, Nuova Zelanda, Serbia, Singapore, Taiwan e Vanuatu.
I viaggiatori in provenienza da questi paesi che hanno completato il ciclo vaccinale, possono entrare in Francia senza dover eseguire ulteriori test.
I viaggiatori non vaccinati a partire da 11 anni, devono presentare un risultato negativo di un test molecolare PCR o antigenico effettuato al massimo 72 ore prima dell’ingresso.
I bambini di meno di 11 anni sono esentati dall’obbligo di tampone.

Stati arancio

Paesi con circolazione attiva del virus ma controllata e senza diffusione di varianti preoccupanti.
Fanno parte di questo gruppo tutti gli stati che non si trovano nell’elenco verde e rosso.
I viaggiatori in provenienza da questi paesi che hanno completato il ciclo vaccinale devono presentare un risultato negativo di un test molecolare PCR effettuato al massimo 72 ore prima dell’arrivo in Francia oppure un test antigenico effettuato al massimo 48 ore prima.
I viaggiatori non vaccinati oltre ad effettuare il test molecolare PCR o l’antigenico devono dimostrare un motivo di necessità per lo spostamento.
I bambini di meno di 11 anni sono esentati dall’obbligo di tampone.

Stati rossi

Stati con circolazione attiva del virus e presenza di varianti preoccupanti.
Fanno parte di questo gruppo: Afghanistan, Sudafrica, Argentina, Bahrein, Bangladesh, Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Costa Rica, India, Maldive, Namibia, Nepal, Oman, Pakistan, Paraguay, Repubblica Democratica del Congo, Russia, Seychelles, Sri Lanka, Suriname, Uruguay e Zambia.
Tutti i viaggiatori (vaccinati e non vaccinati) devono dimostrare un motivo di necessità per lo spostamento ed effettuare un test molecolare PCR o antigenico.

Sul sito del Governo (Link esterno) è disponibile l’elenco aggiornato dei paesi e le informazioni dettagliate sulle modalità di ingresso in Francia.

_NB Si considera concluso il ciclo vaccinale: 2 settimane dopo la seconda dose per i vaccini Pfizer, Moderna, AstraZeneca o 4 settimane dopo la dose del vaccino Johnson&Johnson.
Per i guariti che hanno effettuato una sola dose di vaccino, il ciclo vaccinale si conclude 2 settimane dopo l’iniezione.

Consultare il documento relativo alla riaperutra delle frontiere

Per maggiori informazioni: visitate il sito del Ministero dell'Europa e degli Affari Esteri (Link esterno)

Viaggiatori in provenienza e verso un paese dello spazio europeo

Dal 1 luglio è entrato in vigore il Green Pass Europeo (Link esterno) per gli spostamenti all’interno dello spazio europeo. È possibile spostarsi liberamenti tra gli stati membri e non è necessario giustificare lo spostamento, tuttavia possono essere necessari test da effettuare prima della partenza.

Il Green Pass attesterà la prova dell’avvenuta vaccinazione, il risultato negativo di un test o la guarigione dal Covid-19.
Gli stati potranno stabilire delle misure supplementari nel caso in cui sia necessario (ex. Test all’ingresso, quarantena…).

I viaggiatori europei dovranno presentare il QR code del Green Pass alla polizia di frontiera o alle compagnie aeree senza preoccuparsi della lingua in cui è emesso il certificato. Al momento della scansione del QR code una luce rossa o verde indica se il viaggiatore può fare ingresso sul territorio.
Il Green Pass può essere presentato anche in forma cartacea.

I vaccini riconosciuti dalla Francia:

I vaccini riconosciuti dalla Francia sono quelli riconosciuti dall’EMA: Pfizer, Moderna, Astra Zeneca e Johnson & Johnson.
Laprova di vaccinazione è valida a condizione che si sia completato il ciclo vaccinale:

  • 2 settimane dopo la seconda dose per i vaccini a doppia dose (Pfizer, Moderna, Astra Zeneca)
  • 4 settimane dopo la dose per i vaccini a una sola dose (Johnson & Johnson)
  • 2 settimane dopo la dose per le persone guarite dal Covid-19

Informazioni aggiuntive sui controlli sanitari alle frontiere n base al paese di provenienza FAQ del Ministero dell’Interno francese (Link esterno)
Consultate i siti delle prefetture per maggiori informazioni.
Maggiori informazioni sul sito del Ministero dell’Europa e degli Affari Esteri (Link esterno)

Ingresso in Corsica

Per i viaggi verso la Corsica sono in vigore misure specifiche.
Dal 9 giugno, tutti i passeggeri dagli 11 anni devono essere in possesso di:

  • risultato negativo di un test RT-PCR molecolare effettuato al massimo 72 ore prima della partenza oppure di un test antigenico effettuato 48 ore prima della partenza.
    Gli unici test antigenici che sono accettati sono quelli che consentono di identificare la proteina N del SARS-CoV-2.
    I test fai da te non sono accettati.
  • Oppure di un giustificativo che certifichi il completamento del ciclo vaccinale.

Tutti i passeggeri devono inoltre presentare una dichiarazione giurata che certifichi di non presentare sintomi (Link esterno)
Maggiori informazioni sul sito dell’Agenzia Regionale della Salute della Corsica. (Link esterno)

Ingresso nei territori e dipartimenti d'Oltremare

Dal 9 giugno, non è più necessario un motivo di urgenza per spostarsi verso l’Oltremare Francese, ad esclusione di Guyana francese, Nuova Caledonia e Wallis-et-Futuna, dove è mantenuto fino a nuovo ordine.

Le misure d’ingresso nelle destinazioni dell’Oltremare, prevedono per i passeggeri in provenienza dalla Francia o da paesi verdi e arancio, il risultato negativo di un tampone PCR effettuato 72 ore prima dell’imbarco oppure 48 ore prima se si tratta di un test antigenico.
I passeggeri in provenienza da paesi rossi devono eseguire il test molecolare PCR o antigenico 48 ore prima dell’imbarco.

Per quanto riguarda i voli tra destinazioni dell’Oltremare, i prefetti possono attivare misure specifiche in base all’evoluzione della situazione epidemiologica. Il controllo è affi dato alle compagnie aeree e alla polizia di frontiera.
Per i voli internazionali ci possono essere delle restrizioni istituite localmente dall’autorità competente.

Il Ministero dell’Oltremare invita le persone che vogliono visitare una delle destinazioni d’Oltremare a informarsi sul sito della prefettura o dell’alto commissariato sulle restrizioni in vigore.

Viaggi verso la Polinesia Francese

Dal 9 giugno, Tahiti e le sue isole hanno riaperto le frontiere ai viaggiatori in provenienza dalla Francia Metropolitana. I viaggiatori vaccinati in provenienza dalla Francia Metropolitana possono entrare liberamente in Polinesia Francese.
Maggiori informazioni sul sito Tahiti Tourisme (Link esterno)

Viaggiatori in provenienza dalla Guyana

I viaggiatori in ingresso in Francia dalla Guyana devono presentare un test molecolare PCR negativo effettuato 72 ore prima, oppure un test antigenico negativo effettuato 48 ore prima. I viaggiatori dovranno inoltre sottoporsi a un test antigenico al loro arrivo in Francia.
I viaggiatori vaccinati si dovranno sottoporre a un isolamento di 7 giorni al loro arrivi e i viaggiatori non vaccinati si dovranno sottoporre a una quarantena obbligatoria e controllata.
Per i viaggi dalla Guyana alle Antille sono previsti test antigenici sistematici all’arrivo.

Viaggiatori in provenienza dalle Antille

Dal 9 giugno, i passeggeri non vaccinati si dovranno sottoporre a un auto-isolamento di 7 giorni una volta arrivati in Francia.

Per informazioni specifiche sulle singole destinazioni, consultare le misure sanitarie per l’Oltremare Francese o le schede paese sul sito Viaggiare sicuri :
Le isole di Guadalupa (Link esterno)
Martinica (Link esterno)
Saint-Martin (Link esterno)
Isola della Réunion (Link esterno)
Mayotte (Link esterno)
Guyana Francese (Link esterno)
Polinesia Francese (Link esterno)
Nuova Caledonia (Link esterno)

Inoltre, il Ministero della Francia d'Oltremare invita le persone che desiderano recarsi in un territorio d'oltremare a informarsi in anticipo sul sito web della prefettura o dell'alto commissariato sulle restrizioni in loco per combattere l'epidemia di Covid-19.

Per maggiori informazioni: Sito del Ministero dell’Europa e degli Affari Esteri (Link esterno)

Ingresso in Italia dalla Francia

Fino al 30 luglio, gli spostamenti verso l’Italia sono disciplinati da DPCM 2 marzo 2021, Ordinanza 14 maggio 2021 e Ordinanza 18 giugno 2021 del Ministero della Salute.
La Francia (inclusi Guadalupa, Martinica, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo) rientra nell’elenco C. L’Ordinanza del Ministero della Salute prevede che per tutti coloro che hanno transitato o soggiornato nei 14 giorni precedenti l’ingresso in Italia, in uno o più stati dell’Elenco C, devono:

  • Compilare il Passenger Locator Form digitali (dPLF) (Link esterno) un formulario on-line di localizzazione.
  • È inoltre obbligatorio presentare il Green Pass da cui risulti alternativamente:
  • l’avvenuta vaccinazione con completamento del ciclo vaccinale da almeno 14 giorni;
  • l’avvenuta guarigione da Covid-19;
  • l’effettuazione, nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia di un test antigenico o molecolare PCR con esito negativo.

Tutte le informazioni relative al Green Pass sono disponibili sul sito del Governo Italiano (Link esterno)

Nel caso in cui non sia possibile ottenere la certificazione verde Covid-19 è comunque possibile entrare in Italia, a condizione di:

  • Sottoporsi a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per un periodo di 10 giorni, presso l’abitazione o la dimora, informando il Dipartimento di prevenzione dell’Azienda Sanitaria competente per territorio;
  • Effettuare un test molecolare o antigenico al termine dell’isolamento fiduciario.

I bambini sotto i 6 anni sono esentati dall’effettuazione del tampone molecolare o antigenico ma non dall’obbligo di isolamento (quando previsto)
I minori di 18 anni sono esentati dall’obbligo di isolamento (quando previsto) solo nel caso in cui siano accompagnati da un adulto (genitore o altro accompagnatore) in possesso del Green Pass.

Sono previste deroghe agli obblighi qui sopra (Link esterno)

Per maggiori informazioni consultare il sito Viaggiare Sicuri (Link esterno)
Cosa fare quando si rientra in Italia dall’estero (Link esterno)
Il sito Viaggiare Sicuri ha preparato un questionario interattivo da consultare in caso di partenza per l’estero o rientro in Italia per identificare la normativa in vigore al momento della consultazione e in base al proprio itinerario di viaggio: Questionario Interattivo (Link esterno) .

Informazioni in caso di cancellazione o spostamento:

Informazioni utili per i Tour Operator

Consultate la scheda informativa per l'ingresso e l'uscita dalla Francia con le informazioni utili per i Tour Operator italiani.

Quali sono i comportamenti da seguire per limitare la propagazione del virus?

La situazione sanitaria migliora in maniera costante in Francia ma è necessario restare prudenti. Esistono dei gesti semplici per preservare la propria salute e quella di chi ci sta attorno:

  • Lavati le mani regolarmente
  • Copri con fazzoletti di carta bocca e naso se starnutisci o tossisci
  • Saluta senza la stretta di mano, evita gli abbracci
  • Utilizza dei fazzoletti usa e getta
  • Indossa una mascherina nel caso in cui fossi malato
  • Indossa la mascherina nei luoghi pubblici al chiuso, sui mezzi di trasporto pubblico, sui taxi e VTC, e all’interno dei negozi e nei luoghi indicati dai prefetti di ogni dipartimento in base alla situazione epidemica locale.

Informazioni utili

Tutte le informazioni ufficiali sulla situazione in Francia in tempo reale sul:

Per rimanere aggiornati sulle misure di viaggio in vigore tra Italia e Francia e viceversa, è possibile consultare il sito viaggiaresicuri.it (Link esterno) , curato direttamente dall'unità di crisi del Ministero degli Affari Esteri.

Per
approfondire